cantine-di-gandria-rituali-e-profumi-di-lago
(Hélène Antorini)
+3
ULTIME NOTIZIE Culture
Letteratura
14 ore

È morto Marcio Veloz Maggiolo, scrittore dominicano

Considerato il più importante nella storia letteraria del suo Paese, è morto ieri in un ospedale di Santo Domingo dopo essere risultato positivo al coronavirus
Spettacoli
15 ore

Due grafic designer svizzere 'aprono' i Simpson

Katrin von Niederhäusern e Janine Wiget hanno disegnato la sequenza di apertura della celebre serie tv, nota come 'gag del divano', in onda stasera negli Usa
Scienze
17 ore

Rinviato il volo di Ingenuity, mini-elicottero Nasa su Marte

Atteso per oggi, il primo viaggio di un velivolo motorizzato su di un altro pianeta è sospeso fino al 14 aprile per problemi tecnici
Libri
1 gior

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
1 gior

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
1 gior

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
1 gior

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
2 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
2 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
2 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
2 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
2 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
2 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Ticino7
22.09.2018 - 11:350

Cantine di Gandria: rituali e profumi di lago

Riscopriamo insieme un luogo a due passi da Lugano, troppo spesso snobbato ma ricco di fascino e tradizioni

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

Eccole dentro i piedi del monte Caprino, chiuse da pesanti chiavistelli arrugginiti, dietro a vecchi portoni di legno umido ma solido, dove circola l’aria fresca della roccia capace di regalare sapori e aromi unici. Siamo alle Cantine di Gandria, uno dei gioielli del Ceresio raggiungibile solo via lago tramite battello (o taxi nautico).
Coi loro grotti annessi, le cantine sono state «ricavate nella roccia fin dal XVII e XVIIl secolo da famiglie patrizie luganesi» scrive la storica dell’arte Simona Martinoli. Da Gazzetta Ticinese si apprende che venivano date in affitto o vendute assieme alle ville dei patrizi. Oggi sono un magnifico esempio di architettura rurale ticinese.

Nella natura

Avvicinandosi ai piedi del monte ecco spuntare dal bosco di tigli e frassini
i primi tipici tetti rustici fatti di piode. È l’incanto dell’incontro tra lago e terra. Facendo un tuffo nel passato scopriamo che qui già negli anni Trenta si tenevano feste campestri, «serate ai grotti» e gare sportive. Le cantine erano, e sono tuttora, luogo animato e baldanzoso, dove si cantava e si suonava il Ticino e le sue tradizioni, come poi fece il popolare Trio di Gandria tra gli anni Quaranta/Ottanta. «Le cantine si raggiungono su per erte gradinate di sasso vivo, tra odore di terra, di felci e di vinello nostrano, di formaggini saporiti, di polente decisamente convincenti con certi pesci in carpione», scriveva Efrem Masoni sullo storico Illustrazione Ticinese. Era il 1962, ma ci fa venire appetito ancora oggi. Conviene allora vagare e perdersi su ciottoli e gradinate, tra tavoli e panche di granito, tra le mura di antiche tinaie dai colori pastello, respirando profumi inconfondibili che ancora ci inorgogliscono.

Vinello e non solo

Pare, ma non ne abbiamo certezza, che le cantine sorsero ancora prima del villaggio di Gandria, il quale risalirebbe a metà del Quattrocento, scriveva il Masoni. Per contro è certo che si presentò «il bisogno sentito dai gandriesi – che erano tutti allevatori, pescatori ma soprattutto viticoltori – di conservare tale vinello in luogo idoneo».

Grandi botti venivano collocate dentro oscure e fredde cantine incastrate nella roccia. Il segreto è mezzo svelato: nei muri a ridosso del monte ci sono fori (detti soffioni, in dialetto fiadiröö) larghi come calici di vino, da cui passa l’aria gelida proveniente dal ventre della montagna. Indissolubilmente legate ai grotti, le dispense conservavano non solo vino ma anche salumi, lardo, pancetta, poiché quasi ogni abitante possedeva almeno un maiale. E poi ancora formaggi, pesce in carpione ecc. Erano luoghi privati di ristoro dopo il faticoso lavoro nei campi o nei boschi: lo testimonia una fotografia di inizio Novecento, quella della «Cantina Bordoni» con le sue «allegre merende di luganesi e gandriesi», narrava l’Efrem.

Fascino immutato

Se siete fortunati o abbastanza curiosi non è detto che un oste gentile, proprietario di una cantina, non vi permetta di metterci dentro il naso, facendovi accapponare la pelle dal freddo che fa. Certo non ci si va più soltanto per cercare riposo e frescura, ma ancora oggi le cantine «sono lì apposta ad attendere le allegre brigate», narrava profetico il Masoni. Eppure ci tocca smentire il bravo cronista di allora, quando delle cantine lamentava «un fascino oggi quasi sparito dal nostro piccolo Ticino». No, quella poesia è intatta, altrimenti non ne parleremmo.

***

Sette curiosità
 
1. In affitto

Alcune cantine venivano affittate con tanto di stanze e mobilio al piano superiore. Lo riporta la stampa ticinese dell’Ottocento.

2. Grazie pecore

Il fresco della roccia? L’idea proverrebbe dalle pecore che durante la calura avvicinano la testa al suolo, ma solo dove filtra aria.

3. Arte d’arrangiarsi

Ma perché sono dall’altra parte del lago? In passato le case degli abitanti di Gandria erano prive di cantine: ma proprio di fronte...

4. Bacco a fiumi

Prima del classico Boccalino, il vino delle cantine lo si beveva da grandi boccali da litro che si passavano di bocca in bocca.

5. Un altro nome

Il villaggio di Gandria un tempo si chiamava Litzora e si collocava a metà del Monte Brè.

6. Lungo abbandono

Il gusto delle tradizioni ha tenuto in vita le cantine: tra le due Guerre mondiali furono lasciate all’incuria, poi si disboscò e si riattò.

7. Luogo protetto

Gandria e le Cantine sono parte dell’Inventario federale dei paesaggi, siti e monumenti naturali.

 

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved