fabio-concato-40-anni-di-musica-gigi-e-mio-padre
Roberto Manzani
Fabio Concato e Paolo Di Sabatino
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
4 ore

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
4 ore

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
17 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
18 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
21 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
22 ore

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
1 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
1 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
1 gior

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
1 gior

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
31.05.2017 - 05:30
Aggiornamento : 23.04.2019 - 08:36

Fabio Concato, 40 anni di musica: 'Gigi è mio padre'

C’è stato un tempo in cui per suonare i tormentoni dell’estate in riva al mare bisognava essere un buon chitarrista. Se ti chiedevano “Domenica bestiale”, non te la potevi cavare con quattro accordi. Le canzoni di Fabio Concato, anche i momenti più popolari, sono sempre state un banco di prova per tutti, diplomati, dopolavoristi seri e strimpellatori semplici. Tra i professionisti, una delle massime aspirazioni in sua presenza è accompagnarlo nel brano “Gigi”, il ponte che collega Fabio al jazz.

“Gigi”, inteso invece come album, è un live celebrativo di 40 anni di carriera uscito lo scorso 12 maggio, con il cantautore accompagnato dal Paolo Di Sabatino trio. “Gigi è mio padre”, raccontano le note di copertina, che narrano di un genitore non musicista, ma con una passione così grande per il jazz e la musica brasiliana da produrre nel figlio il migliore dei plagi possibili. «Mio padre ascoltava Jerry Mulligan, Chet Baker, Bill Evans, e poi Jobim…», ci racconta Concato. «Quando avevo 3 o 4 anni mi faceva sentire delle cose e io svisavo sulla musica con un pettine e una velina, arrotolata sopra», pari pari a quanto cantato nella prima versione di “Gigi” canzone (anno 1990, album “Giannutri”), con videoclip annesso:

Il Concato che sul palco si offre in pasto alla platea, nella vita è persona riservata, «nemmeno t’immagini – racconta – quante volte durante un’intervista mi hanno detto “sì, va bene la musica, ma dimmi qualcosa di piccante, di scabroso…”». Sorride, l’artista: «io rispondo che no, non ho niente di scabroso, nemmeno se mi mettessi d’impegno». Proviamo ugualmente a entrare nel privato, ma soltanto in quello della canzone: «dunque…1989, inverno inoltrato, piena Maremma, Ansedonia (frazione di Orbetello, provincia di Grosseto, ndr)». Fabio ricorda «il buio, niente luce sulla strada, un disperato bisogno d’isolarmi». Oggi, in quella casa, giura che non ci passerebbe nemmeno mezz’ora. «Ricordo anche i 12 gatti che sfamavo, appoggiati alla porta a vetri che dava sul giardino», aggiunge. Riassumendo, «“Gigi” è nata in perfetta solitudine, come accade di solito, scritta in un pomeriggio, musica e parole. La mattina dopo l’ho riascoltata, mi sembrava funzionasse. Oggi è la canzone che amo di più…». E oggi "Gigi" – singolo brano, ma anche album (riassunto in 4 minuti) – suona più o meno così:

Considerato Fabio come strumento a sé («mi hanno dato spesso del ‘fiato’, trombettista o sassofonista»), in questo nuovo album suonano Marco Siniscalco (il contrabbasso), Glauco Di Sabatino (la batteria) e Paolo Di Sabatino (il pianoforte), colui che al trio dà il nome, arrangiando tutto. Pianista-autore-arrangiatore-docente, il suo biglietto da visita è “Voices” (2011), album zeppo di stelle nel quale – con Gino Vannelli, Peppe Servillo, Gegé Telesforo e molti altri – appare pure l’amico Fabio in “Cosa ne sarà”. Concato è autore che non teme chi mette le mani sulle sue ‘creature’: «le canzoni sono degli altri già nel momento in cui le facciamo ascoltare – risponde – com’è giusto che sia. Sono anche mie, non soltanto mie». E, con Di Sabatino, dice di trovarsi così bene che «alla fine dei concerti ci chiedono “Ma c’è il disco?”, e fino a ieri noi rispondevamo “No, non c’è il disco”. Adesso finalmente c’è». L’amalgama tra i ‘musici’, come li chiama lui, ha permesso di registrare questo nuovo live assai rapidamente: «è un ‘quasi buona la prima’», confessa. E con la consueta ironia aggiunge – «dico ‘quasi’ per non suonare presuntuoso…».

Il rapporto di Fabio con il pianoforte è viscerale: «mi sono incallito su Chick Corea, anche se il mio preferito resta Bill Evans, mi fa impazzire Gonzalo Rubalcaba, il jazz del nord Europa, ma ci sono anche cose che mi fanno perdere tempo, non perché è jazz allora è per forza tutto buono». Un elogio anche per Bollani (ospite in “Tutto qua”, ultimo Concato inedito) e per Enrico Pieranunzi («per come mette poche note quando è il caso di metterne poche, mi ricorda molto Bill Evans»). La bossanova e il jazz di papà stanno un po’ ovunque nella discografia di Concato. «Sì, credo sia proprio l’imprinting», dice. «”Rosalina” me la chiedono già dopo 5 minuti di concerto, “Gigi”…anche». Tanto che gli arrangiamenti di questo nuovo live sono sì jazz, ma per canzoni che sembrano essere sempre state così.

Un passo indietro, per concludere. Aprendo il libretto di quest’ultima opera, ci s’imbatte in una manciata di righe così belle che quasi vien voglia di buttar via l’articolo e fare un copia-incolla. Quelle note, scritte da Fabio di suo pugno, si chiudono con una domanda da figlio a padre, la stessa domanda che sta nel testo della canzone, una richiesta tanto intima quanto la sua risposta, forzatamente disattesa: “…chissà se ti piacerà”.

p.s. di seguito, "Gigi" così come ce lo avrebbe presentato il suo autore...

Roberto Manzani
Guarda 1 immagine e 1 video
© Regiopress, All rights reserved