ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
8 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
8 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
9 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
10 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
10 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
11 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
12 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
13 ore

Giorgia e Sanremo, parole dette bene

Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
15 ore

Sanremo s’è desta, Blanco devasta

Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
19 ore

Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)

Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior

Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)

Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Culture
1 gior

Torna il ‘Weekend di Quartetti’ di LuganoMusica

Da venerdì 10 a domenica 12 febbraio suoneranno l’ensemble Belcea, il Quatuor Diotima e il Quartetto della Scala
Culture
1 gior

Gli appuntamenti di Ticino Musica, in attesa del festival

Domenica 12 e lunedì 13 al Conservatorio a Lugano i primi due eventi di una serie di anteprime alla 27esima edizione, che si svolgerà dal 18 al 31 luglio
Scienze
1 gior

Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli

Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
1 gior

Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’

L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
1 gior

Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto

Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
1 gior

Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado

Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
1 gior

Il Festival di Rapallo

Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
1 gior

La lunga crisi della democrazia

Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Arte
2 gior

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
2 gior

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
2 gior

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
2 gior

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
2 gior

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
2 gior

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
26.11.2022 - 11:26
Aggiornamento: 11:45

‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’

L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)

l-ombra-del-giorno-storia-di-luciano-e-anna
Questa sera a Giubiasco. Nella foto, Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli.

È il 1938. Adolf Hitler sta per fare visita a Mussolini a Roma e Anna Costanzi (Benedetta Porcaroli) cerca lavoro ad Ascoli Piceno; il reduce di guerra ("Ma forse dalla guerra non sono mai tornato") e ristoratore Luciano Traini (Riccardo Scamarcio, anche produttore del film) le offre un posto da cameriera nel suo locale in Piazza del Popolo; così per socializzare, il fido cuoco Giovanni (il bravo Vincenzo Nemolato) fa una battuta sul ‘testone’ e Traini lo riprende: "Volete che chiudano il negozio anche a noi?". Testone è il Duce e Luciano è fascista perché "a noi reduci di guerra hanno ridato un po’ di dignità" (ma anche perché lo dicono al cinegiornale).

Frequenta il suo locale il camerata Lucchini (Lino Musella), che un giorno gli impone la cancellazione di tutte le prenotazioni in funzione di "una rimpatriata tra amici" in cui brindare al 23 marzo 1919, data di fondazione dei Fasci da combattimento. Anna chiede a Luciano cos’abbia egli in comune con quella gente: "Chissà perché non vedo le cose che vedete voi", si chiede, gli chiede. Che tra Luciano e Anna vi sia del tenero è chiaro; presto diventa chiaro anche che Anna Costanzi non è Anna Costanzi…

Alla fine de ‘L’ombra del giorno’ di Giuseppe Piccioni, la prima sensazione è di appagamento: visivo, storico e pure sentimentale (limitatamente al legame tra i protagonisti nel film; quanto a quello nella vita reale, si rimanda alla cronaca rosa). La seconda sensazione è che i titolari del David di Donatello e quelli dei Nastri d’Argento si siano dimenticati di premiarlo. ‘L’ombra del giorno’ è una storia d’amore al tempo del fascismo. È il film di un marchigiano girato nella sua Ascoli Piceno, venuto a chiudere degnamente il 35esimo Castellinaria.


Keystone
Giuseppe Piccioni

Giuseppe Piccioni, ‘L’ombra del giorno’ cade giusto giusto nel centenario della nascita del fascismo, mai collocazione fu più consona…

Sì, ed è strano che questo film sia uscito proprio quest’anno, perché non vi era alcuna intenzione di accompagnare la ricorrenza. Avevo questo soggetto da una decina d’anni, in forma di poche pagine, estratte durante l’incontro con alcuni produttori per discutere di un altro potenziale film. Questa storia li ha convinti e ha spinto me a completarla, a fare ricerca, per orientare il lavoro con più precisione e consapevolezza. Dovevamo girare nell’autunno del 2019, poi per un problema di attori abbiamo spostato alla primavera del 2020 quando, si sa, è accaduto il disastro. E abbiamo girato nel 2021».

Vuole parlarci della sua città, set del film?

Inizialmente la storia era ambientata a Roma, ma abbiamo avuto grosse difficoltà a trovare un ristorante nel quale si potesse girare un film di questo tipo. E non solo per la mancanza di un locale d’epoca facilmente adattabile, ma per il traffico, perché avremmo dovuto fermare le auto a ogni ciak, tutti motivi che Roma purtroppo procura al nostro lavoro, compreso il parcheggio dei mezzi. Poi sono andato ad Ascoli, mi sono seduto al Caffè Meletti e mi sono reso conto di quanto fosse fantastico; ho chiamato Riccardo, che mi ha dato del pazzo; gli ho inviato un breve video e alcune fotografie: due giorni dopo era lì.

Il suo sodalizio con Riccardo Scamarcio inizia anni fa con ‘Il rosso e il blu’. Penso allo Scamarcio più recente, al cinico Lucio in ‘Tre piani’ di Nanni Moretti, e mi pare che l’idolo delle teenager non dia più fastidio a nessuno. Pensa anche lei che quello di Luciano Traini sia il suo ruolo più riuscito?

Sì, credo che Riccardo abbia raggiunto, non solo anagraficamente ma anche fisicamente, una sua maturità. Ha iniziato un percorso e lo sta compiendo, staccandosi definitivamente dal tombeur de femmes, anzi, di petites filles che comunque ancora lo idolatrano. Per vanità, nel tipico rivendicare dei registi (ride, ndr), sono contento che questo accada nel mio film. Specifico che Riccardo era già stato scelto come attore, perché il produttore de ‘L’ombra del giorno’ doveva essere un altro. Quando, da parte del produttore iniziale, si è palesata l’idea di rinviare il film, Riccardo gli ha chiesto la disponibilità a cederglielo.

Se Luciano è ‘stoico’ nel non voler vedere, Anna è di un antifascismo al limite della modernità...

Con Anna ho cercato un piccolo scarto, stando attento a che la cosa non si notasse troppo. L’ho fatto perché anche quel periodo ha avuto punte femminili di grande personalità. Luciano invece parla un’altra lingua, periodi brevi e lapidari, tanto non detto, il codice degli uomini tutti d’un pezzo, quei fascisti sui generis che col fascismo non hanno fatto carriera.

Tra i clienti del ristorante c’è ‘il professore’ (Antonio Salines, morto nel 2021, cui è dedicato il film, ndr), che ha giurato fedeltà al fascismo perché non voleva lasciare i suoi studenti "in mano a questi pazzi" sa bene che "disobbedire a una legge sbagliata è un obbligo". Mi è parso la coscienza del film...

Con grande dispiacere, perché ci ha lasciati, mi piace ricordare Antonio. Credo che per tutti coloro che non sono ideologici oppure ossessivamente convinti delle proprie ragioni, i concetti espressi dal professore si estendano anche ai nostri giorni. Il dubbio è parte essenziale della conoscenza, ed è terribile che sia visto come un pericolo mortale. È vero, difendere principi così generici ma fondamentali come il rispetto delle opinioni di tutti è un dovere. Censurarsi, anche quando ci si sbaglia di grosso, è nocivo. Non è semplice nemmeno nel mio lavoro. Ma a tutti capita di pensare se sia il caso di aprir bocca oppure tacere.

Per finire. ‘L’ombra del giorno’ è una storia d’amore, con due nomi popolarissimi del cinema italiano: la combinazione può essere utile a illustrare a un pubblico giovane cos’è stato e cos’è il fascismo?

Sì, una storia d’amore in tempi difficili, con risonanze, implicazioni e scelte da prendersi. Mi piacerebbe molto che i ragazzi delle scuole lo vedessero, e che il film avesse una storia tutta sua anche da voi. È un film non didattico in senso stretto, ma credo apra una strada, una curiosità. Benedetta e Riccardo fanno molto in questo senso.


Riccardo Scamarcio, Luciano

Appendice

"Un’ora, segnata dal destino, batte nel cielo della nostra patria. L’ora delle decisioni irrevocabili. La dichiarazione di guerra è già stata consegnata agli ambasciatori di Gran Bretagna e di Francia". Nel giorno in cui l’Italia entra in guerra, sotto il balcone dal quale sbraita Mussolini c’è Roma in tripudio; ad Ascoli Piceno, nella Piazza del Popolo di Piccioni, c’è un vuoto oceanico quanto la folla di Piazza Venezia; solo poche anime marchigiane a guardare in alto, verso gli altoparlanti, colpiti da parole che cadono come bombe, prima delle bombe. Piccioni le chiama «pattuglie disorientate dell’umanità».

Nell’evitare qualsiasi tipo di autoincensamento, prima della fine di questa intervista Piccioni aveva risolto così: «Posso dire che una parte della scena è stata suggerita dalla pandemia e l’altra dall’economia, perché gli effetti di moltiplicazione digitale non sono mai stati di mio gradimento e sono, per altro, costosissimi. Ma il vuoto è diventato subito una scelta precisa: visto il contesto in cui ci troviamo oggi, se mi si chiedesse di spiegare a un giovane il senso del mio lavoro, allora porterei quella scena». Quella scena, e – ce la mettiamo noi – la vetrina del locale di Luciano, schermo panoramico sul quale scorre la storia locale, che è anche storia d’Italia. Con autoironia, aspettando il suo Castellinaria, Piccioni chiude così: «Non vorrei essermi fatto il complimento da solo, ma lei lo sa, i registi alternano momenti di megalomania ad altri di grande sconforto…».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved