ULTIME NOTIZIE Culture
recensione
2 ore

La mafia? Va spiegata ai più giovani

Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
3 ore

È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno

In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
classica
4 ore

Incontro con il compositore Francesco Hoch

In occasione dei suoi ottant’anni, l’associazione Ricerche musicali nella Svizzera italiana propone l’appuntamento martedì 7 febbraio, al Conservatorio
Scienze
5 ore

Nello spazio, come uno scoiattolo ibernato

I segreti circa le funzioni vitali durante il letargo potrebbero aiutare gli astronauti nelle missioni spaziali di lunga durata
Società
6 ore

Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata

Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
recensione
6 ore

L’Osi in Auditorio per una splendida ‘Ramifications’

Il concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta per l’occasione dal violoncellista Jean-Guihen Queyras ha registrato il sold out
Scienze
1 gior

Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92

Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
1 gior

A Bologna come a Pompei, anzi meglio

Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
1 gior

Diabolik, Eva Kant compie 60 anni

L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’63. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
1 gior

Cinelario. Esserci, è la parola.

A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
1 gior

Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio

Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
1 gior

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Spettacoli
2 gior

È morto l’attore Sergio Solli, un pezzo di storia napoletana

Volto popolare di teatro e cinema, il parrucchiere partenopeo ha lavorato con diversi registi, da Eduardo De Filippo a Luciano De Crescenzo
Scienze
2 gior

La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b

Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
2 gior

Addio a Paco Rabanne

Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
conferenza
2 gior

I cambiamenti del clima fra percezione e scioperi

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita un incontro del ciclo ‘La memoria e i ghiacci’, martedì 7 febbraio, alle 18.30
Scienze
2 gior

Chi mangia in modo sano spreca meno cibo

Donne, anziani e famiglie con due componenti i più inclini a seguire le linee guida per un’alimentazione corretta
arbedo
2 gior

‘Spazio Tempo’ opere di Natalia

In mostra all’Atelier Attila di Arbedo le opere della pittrice Mengoni David, visitabile da sabato 4 a domenica 19 febbraio 2023
Musica
2 gior

‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro

La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
2 gior

‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore

Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
2 gior

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
2 gior

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista
Musica
3 gior

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
3 gior

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
21.11.2022 - 08:08
Aggiornamento: 17:46

Ciak si cuce a Castelgrande

Si può fare cinema anche senza essere attori o registi. Viaggio tra gli esemplari della Tirelli Costumi nella mostra ‘Vestire il cinema’

ciak-si-cuce-a-castelgrande
Ti-Press
Da sinistra, la ‘strega’ Monica Bellucci e il fu Heath Ledger
+3

«Entri, e da una parte c’è il 1200, dall’altra il 1300; in fondo l’Ottocento, il Novecento. In un angolo c’era un vestito fucsia a pois, mi sembrava di averlo visto in ‘House of Gucci’. Chi mi accompagnava si rivolge a un addetto e dice: "Ah, ma è tornato? E allora mettetelo al suo posto!"». Sono alcuni ricordi di Anna Neuenschwander, ideatrice e curatrice della mostra ‘Vestire il cinema’, allestita all’interno di Castellinaria; ancor più, all’interno di Castelgrande. Esposti nella Sala Arsenale sono alcuni abiti di scena che giungono dalla Collezione Tirelli Trappetti di Roma, da dove arriva anche il racconto di Neuenschwander, nostro tramite con la Sartoria Tirelli, la più celebre delle sartorie del cinema internazionale.


laRegione
Costumi per ‘Aladdin’

Visconti, Fellini, Coppola, Scorsese

Quando non in mostra, gli esemplari unici esposti a Bellinzona stanno a Formello, in provincia di Roma, in un edificio di 6mila metri quadrati nei quali sono stoccati 15mila abiti d’epoca e 200mila costumi – con, a compendio, i relativi schizzi, bozzetti e disegni preparatori – prodotti dalla visione di Umberto Tirelli (1928-1990), dapprima collezionista dei suddetti abiti antichi, scovati nelle soffitte degli artistocratici o sulle bancarelle di mezzo mondo, più tardi fondatore della Tirelli Costumi, sartoria nata nel novembre del 1964 con due macchine da cucire, cinque sarte, una modista, una segretaria e un autista-magazziniere.

Dalla prima commissione in ambito di spettacolo – una ‘Tosca’ diretta da Mauro Bolognini al Teatro dell’Opera di Roma – la sartoria Tirelli ha realizzato costumi per i film di Luchino Visconti (quasi tutti, ‘Il Gattopardo’ incluso), per il ‘Casanova’ di Fellini (Oscar al costumista Danilo Donati), ‘Momenti di Gloria’ di Hugh Hudson (Oscar a Milena Canonero), ‘Amadeus’ di Milos Forman (Oscar al disegnatore Teodor Pistek), per ‘Marie Antoinette’ di Sophia Coppola (Oscar, di nuovo, a Michela Canonero). E, ancora, ‘Il paziente inglese’ (Oscar ad Ann Roth), ‘La leggenda del pianista sull’oceano’, ‘La passione di Cristo’. Tra le collaborazioni, ‘Titanic’, ‘Moulin Rouge’, e ‘La fabbrica di cioccolato’. Abbiamo lasciato per ultimo ‘L’età dell’innocenza’, del da poco 80enne Martin Scorsese, Oscar nel 1994 a Gabriella Pescucci, uno dei pezzi forti di Castelgrande…


laRegione
Il vestito di Wynona Rider in ‘L’età dell’innocenza’

Streghe, vichinghi, geni della lampada

Sontuoso, seducente, quello esposto è l’abito indossato da Wynona Rider a inizio film, nel momento dell’incontro tra Daniel Day-Lewis e Michelle Pfeiffer. Dice Neuenschwander: «I ricami sono originali degli anni Venti. In ‘L’età dell’innocenza’, l’abito nella sua interezza si vede per un tempo assai breve; per i restanti cinque minuti è inquadrato solo fino alla vita». Un aneddoto, che viene della costumista giunta a Bellinzona a vestire i manichini: «Tra bustino e stecche, la povera Wynona, alla fine del tournage aveva i segni sul corpo». Di grazia in grazia, entrambe femminili, prima di Wynona Rider si transita per Monica Bellucci e dal vestito da lei indossato sul set de ‘I Fratelli Grimm e l’incantevole strega’, film del 1995 di Terry Gilliam; giusto a fianco, la corazza del fu Heath Ledger. «Ricami e inserti sono antichi, così come i tessuti utilizzati e le pietre delle decorazioni, e il metallo della corazza. A determinati livelli, è richiesto questo tipo di professionalità». L’aneddoto? I quattro addetti al vestito e allo strascico, a reggere il tutto quando la strega doveva far pipì.

Dal cinema alle serie tv, con due esemplari da ‘Vikings’. «Tirelli ha realizzato i costumi per ‘Vikings’ e per ‘Valhalla’, sei stagioni, novantotto puntate, una montagna di vestiti che sono stati in giro anni e che ora cominciano a rientrare». A Bellinzona c’è una corazza barbarica in cuoio lavorato, fibbie vichinghe in metallo, e l’abito di Torvi. Per i più piccoli, due costumi da ‘Aladdin’, live action Disney del 2019. Di fianco a tutti i vestiti, pannello informativo e fotografia annessa: inquadrata con l’app gratuita ArtiVive, l’immagine conduce lo smartphone a scene dal film.

‘Stranger Things’ made in Ticino

In apertura di mostra, una manciata di professionisti del cinema, tutti ticinesi, videoraccontano il proprio rapporto con i costumi: «Tre minuti ognuno e non di più – spiega la nostra guida – perché, per quanto la mostra sia anche per i più grandi, ci rivolgiamo a un pubblico di ragazzi, dunque nessun approccio ex cathedra». Più in là nella sala, la parte didattica targata Rsi, che ha aperto i reparti guardaroba. Pressoché di fronte al Gatto Arturo, il progetto della Sams, Scuola d’arti e mestieri della sartoria: «Le professioni del cinema possono anche partire dal Ticino. Abbiamo chiesto agli alunni della Sams di disegnarci i costumi della quinta stagione di ‘Stranger Things’». Dallo scorso maggio in poi, dopo apposita ricerca sulla moda degli anni 80, una serie di bozzetti; esposti, lavori finiti che su Netflix non stonerebbero.


laRegione
Il Gatto Arturo


laRegione
La tuta blu di ‘Love me tender’

Infine. Un manichino vuoto al centro, e intorno scatole di bottoni, scarpe da gangster, cappelli da investigatore e caschi da astronauta. C’è anche la tuta blu di ‘Love me tender’, bel film di Klaudia Reynicke. Qui, nella zona sartoria, le costumiste Barbara Splendiani Unternärher e Michelle Wüscher condurranno i propri atelier, cercando di creare il personaggio attraverso gli abiti. «Ma racconteranno anche, con esercitazioni pratiche, come si invecchia un vestito per il set, come lo si sporca, come si producono i segni di lotta, quelli di proiettile». E poi, tutti al corso di stop motion con la cineasta Alessia Tamagni.

Congediamo Anna Neuenschwander che ci ha spiegato come ci si può innamorare del cinema anche se non si è mai sognato di fare l’attrice o l’attore. Disseminata lungo tutto il percorso, tanta multimedialità, da qui fino all’8 gennaio 2023. In mezzo, il 14 dicembre, seguita da un atelier con la costumista Michelle Wüscher, la conversazione tenuta da Giancarlo Zappoli sul suo libro ‘Scrooge ma come ti vesti?!’ (iscrizioni agli atelier: www.castellinaria.ch).


Ti-Press
A Castelgrande

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved