ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
1 ora

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
1 ora

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
1 ora

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
3 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
4 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
4 ore

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
4 ore

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
5 ore

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
Spettacoli
5 ore

I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’

L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Conferenza
8 ore

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
8 ore

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
9 ore

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
12 ore

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
23 ore

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
1 gior

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
1 gior

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
1 gior

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
1 gior

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
1 gior

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
03.09.2022 - 16:58
Aggiornamento: 05.09.2022 - 15:47

La pittura in punta di piedi di Colomba Amstutz

La mostra allestita nella Sinopia e dedicata all’opera dell’artista natia di Locarno è visitabile da sabato 3 settembre fino al 15 gennaio 2023.

la-pittura-in-punta-di-piedi-di-colomba-amstutz
© Colomba Amstutz
Tuffatori
+4

Ecco una terra, ecco un mare. L’atmosfera è sospesa, rarefatta, ferma. Una levità greve e pura insieme, in cui le forme – che resistono – galleggiano, fluttuano in campiture sottotono e chiaroscurali. La forza di gravità non esiste. ‘Tra sogno e realtà: l’eterna contemplazione di Colomba Amstutz’ è la mostra che il Museo Casa Rusca di Locarno ospita da domani al 15 gennaio 2023. L’esposizione è stata allestita nella Sinopia, spazio riservato agli artisti locali o a coloro che hanno legami stretti con la regione e il Ticino.

Guardando al passato, «in trent’anni di vita, Casa Rusca non aveva mai dedicato mostre ad artiste donne», ha introdotto il direttore della pinacoteca Rodolfo Huber. Una lacuna che si è iniziato a colmare proponendo una serie di esposizioni che si focalizzano su nomi femminili. «Colomba Amstutz rientra in questo filone. Prima di lei sono state esposte Gabriela Spector e Malina Suliman». La programmazione espositiva segue allora un filo rosso – con tre "nodi" – che accomuna e dà criterio: «Ci si focalizza su artiste con un sostrato migratorio che determina identità complesse», ha ricordato il direttore. Questi ultimi due elementi sono fra loro strettamente interconnessi, poiché le vicende personali determinano e incidono sull’identità e quindi sul linguaggio attraverso cui si esprimono le protagoniste.

E la storia di Colomba Amstutz è fatta di migrazione, dolore, amore e arte. Procediamo nel periplo biografico a grandi bracciate, rimandando al bel catalogo che accompagna la mostra per gli approfondimenti. Amstutz nasce a Locarno nel ’59, vive buona parte della sua infanzia in Costa d’Avorio, dove suo padre – che era ingegnere agronomo – muore nel 1973; lei ha dodici anni. Inutile scrivere che il trauma lascerà cicatrici, dando luogo a due abbandoni: al padre e all’Africa. In quello stesso anno infatti la famiglia torna a Locarno, dove la pittrice porta avanti la sua formazione scolastica, per approdare quindi a Sion. Là, fra il 1979 e il 1981, frequenta la Scuola di belle arti. Si trasferisce allora a Firenze, dove continua il suo percorso e si diploma nel 1987. Nel capoluogo toscano, l’artista vive per vent’anni, fino al 2002, quando decide di tornare in Svizzera (ancora a Sion) con la sua famiglia.

Un viaggio nello spazio e nel tempo

Immergendoci oltre, la narrazione di questa mostra è «un viaggio – come lo è la vita stessa –, nello spazio e nel tempo. Nella memoria, soggettiva e collettiva». Grazie alla guida del critico d’arte e professore Claudio Guarda, nostro Virgilio per l’occasione, tratteggiamo la figura artistica di Colomba, tenendo ben presente che a Firenze, quando l’artista vi si trasferisce in gioventù, «è il periodo della transavanguardia (che rimette al centro la figurazione; ndr), ma è pure la città che ha dato i natali a Giotto, Brunelleschi… è un museo a cielo aperto». Stilisticamente, in Colomba «torna la figura, ma è una figura che galleggia, si muove libera; come se le leggi della natura non esistessero». La pittrice «entra con passi leggeri, felpati, in un mondo soggettivo e della memoria. Dal punto di vista cromatico – rispetto ai primordi –, i toni sono attenuati, si son fatti chiaroscurali. In questo mondo di sospensione, si muovono figure che si cercano, ma che sono ferme in pose quasi innaturali, come se fossero in attesa».


© Colomba Amstutz
Tuffatori

L’artista in questo suo peregrinare «procede per nuclei tematici: tuffatori, scacchi, mito, uomo e natura». Tentando di sublimare la sua opera, si osserva allora che il suo fare «si definisce per due dimensioni: la forma e, appunto, il tema». I soggetti originano dalla soggettività, ma «si caricano spesso di connotazioni inquietanti e illusioni funeste. Per esempio i tuffatori sono nuotatori che galleggiano nella pienezza della vita; sono però anche nuotatori che fluttuano fra terre che sprofondano. C’è l’allusione al Mare Nostrum, richiamando sì ai romani, ma anche a coloro che tentano di attraversarlo per trovare terre più ospitali». E ancora: «l’Africa, il mito di Icaro che si spinge oltre il sole e brucia, la deriva dei continenti, che è un fatto geofisico, ma allude altresì alla dimensione sociale, divenendo allegoria sociopolitica. Colomba racconta un’umanità che recupera il passato e si proietta nel futuro vivendo in un mondo sospeso, in attesa di qualcosa». Osservando i suoi lavori – in larga parte acrilico su carta intelata, ma anche acquatinta, acquaforte eccetera – dal punto di vista formale, salta subito all’occhio «la bipartizione o la tripartizione. Che relazione c’è fra questi segmenti? Spesso sono parti contrapposte di un mondo diviso» con elementi di contatto fra le une e le altre, che significano «l’avvertire una separazione, ma al contempo ribadire il desiderio di unità».


© Colomba Amstutz
Icaro

Ogni tema ha perciò una duplice lettura: pura e mitica; contaminata e disastrata. Quella di Colomba «è una pittura in punta di piedi, non grida, ma dice quanto basta o lascia intuire. Non urla, ma raccontando tocca anche problemi reali: il disagio del moderno e la condizione sociale e politica nella quale viviamo. "Nuotare e volare sono senza dubbio sogni immemoriali". Ma sono anche l’ombra di un pericolo», ha chiosato Guarda, citando un passaggio del testo di Julia Hountou, pubblicato nelle prime pagine del catalogo.

Negli spazi «"rustici" e con particolare conformazione della Sinopia», il percorso espositivo è stato concepito con «l’intenzione di presentare in sequenza le tematiche care all’artista, mettendole in risalto», ha ribadito Huber, sollecitato in merito all’allestimento. «Scendendo, oltre alle note biografiche che raccontano chi è l’artista, sono esposti un video-documento, che la mostra al lavoro nel suo laboratorio, e un’installazione, ancora video. Si tratta di un suo quaderno d’artista»: è esposto l’oggetto accompagnato da uno schermo tattile, grazie al quale sarà possibile sfogliare virtualmente il libriccino contenente dipinti e disegni. Si entra poi nel vivo dell’esposizione con una trentina di opere.

Informazioni complete inerenti alla mostra su www.museocasarusca.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved