le-nature-di-jean-e-marguerite-arp-e-di-fritz-overbeck
Fritz Overbeck Estate II o Giovani bagnanti presso l’Aue 1908
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
16 ore

‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi

Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
16 ore

Fabio Andina vince il Prix du public Rts

L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
Culture
20 ore

Seicento in fuga: la versione di Bargniff

In diretta da un’infame bettola milanese, l’intervista al ‘protagonista assoluto’ (o così dice lui) dell’ultimo romanzo di Carlo Silini
Culture
1 gior

Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini

Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Spettacoli
1 gior

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
1 gior

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
1 gior

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
1 gior

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
2 gior

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
2 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
2 gior

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
2 gior

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
2 gior

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
2 gior

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
2 gior

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
laR
 
30.08.2021 - 05:30
Aggiornamento : 14:48

Le nature di Jean e Marguerite Arp e di Fritz Overbeck

Due mostre, alla Fondazione Arp a Solduno e al Castello San Materno di Ascona, per approfondire il rapporto tra arte e vita

di Claudio Guarda
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Due chilometri di distanza, due mostre concise, due artisti lontani e vicini a un tempo: ad accomunarli è lo stesso amore per la natura fonte di vita e di ispirazione, ma che dà poi origine a due percorsi molto diversi nonostante siano coetanei.

Al Ronco dei Fiori la natura è anche realtà fisica che dialoga con il luogo espositivo grazie a un’ampia finestra che dà sul parco sottostante: l’osservatore sposta lo sguardo dalle opere esposte e ne ritrova l’affinità con quelle che vede nel luogo dove vissero Marguerite Hagenbach (1902-1994) e Jean/Hans Arp (1886-1966). I quali, quando si sposarono nel 1959, acquistarono la tenuta Ronco dei Fiori per poi viverci insieme gli ultimi anni del loro connubio. Arp è ormai famoso, da decenni ha individuato la sua cifra in un linguaggio astratto ispirato alle forme e alle leggi che presiedono ai fenomeni naturali: la genesi, la crescita, il deperire delle strutture organiche. Ciò che condurrà poi a una concezione d’arte radicalmente nuova, fondata non più sull’imitazione delle forme, ma sulla assimilazione evolutiva degli stessi processi che – e questo è l’intento della mostra – si rinnovano nel tempo e perdurano anche nel corso degli ultimi suoi anni di vita, quando Arp dimostra ancora un’inesauribile voglia di sperimentare.

In certo qual modo la mostra ci immette nel suo laboratorio privato e consente di assistere al processo creativo basato sulla combinazione sempre variabile di alcune forme precostituite in bilico tra figurazione, astrazione e possibili richiami naturalistici: si tratta di una serie di sagome di carta i cui contorni stilizzati rimandano alla figura umana, spesso femminile, ma anche ad anfibi o anfore. Ma noi ne conosciamo anche l’interna linea di sviluppo: all’inizio è un singolo elemento che spicca sul bianco o sul nero dello sfondo, poi diventano due, tre, si infoltiscono, creano dinamiche, danno vita a strane composizioni. Infine si staccano dal fondo e acquisiscono autonomia: diventano forme tridimensionali, Poupées in bronzo alluminio o vetro, fino a trasformarsi in strane sculture biomorfe in marmo Cristallina di Peccia. Per questo ampio spazio è dedicato alle opere su carta – disegni, dipinti, collage e découpage – e in particolare all’insieme delle Poupées nelle loro diverse declinazioni: dalla Poupée borgne (1963) in bronzo, alla “bambola” in vetro di Murano (1964). Queste sculture – una sorta di commiato da parte di Arp legato anche alla fisicità del territorio ticinese, ai suoi materiali – si staccano da quanto Arp aveva realizzato fino a quel momento e svelano quanto le caratteristiche architettoniche e paesaggistiche del Ronco dei Fiori lo abbiano ispirato.

Poco distante, il Museo Castello San Materno di Ascona accoglie una rassegna dedicata a un importante paesaggista tedesco: Fritz Overbeck (1869-1909). Nato a Brema e formatosi all’Accademia di Belle Arti di Düsseldorf, che a quell’epoca aveva un ruolo determinante nello sviluppo della pittura di paesaggio, nel 1894 si trasferisce nella rinomata comunità artistica di Worpswede, luogo isolato e rurale, non lontano dalle rive del mare del Nord, lasciando alle sue spalle la città, luogo di crescente industrializzazione e di forti tensioni sociali, per vivere in un rapporto di armonia con la natura e gli umani. Chi ha seguito le attività museali del borgo capirà le ragioni di questa mostra e non tarderà a trovarvi tutta una serie di fili che legano Ascona e il Monte Verità con Werspede e i suoi artisti, alcuni dei quali presenti pure nella Collezione Alten qui esposta, tra cui Otto Modersohn e sua moglie Paula Modersohn-Becker, oggi considerata un’antesignana dell’espressionismo tedesco, ed è probabilmente la più nota di loro.

In quel piccolo villaggio agreste Fritz Overbeck si lascia assorbire dalla malia del posto, dal fascino dei canali che attraversano la brughiera, dalle vaporosità dei tramonti madidi d’acqua, dai vecchi salici o dai viottoli contornati di betulle, dalle casupole dei contadini con tetti di paglia, ma soprattutto dai giochi di nuvole e di colori che smuovono l’immensità del cielo, dalle ombre lunghe dei notturni rischiarati da una grande luna. Ottimo disegnatore e grande incisore, nella sua pittura egli oscilla tra naturalismo, impressionismo e simbolismo, sembra attenersi al dato di natura ma lo carica non di rado di soffuse sensazioni interiori, capace com’è di rendere “un’atmosfera di campane lontane”, di creare spazi che si perdono all’infinito. È questa varietà di linguaggi ma anche di emozioni, di combinazione di forme e colori a suscitare l’interesse dei collezionisti dell’epoca. “A cosa servirebbero le nostre capanne di paglia, i sentieri tra le betulle, i canali della brughiera, se non avessimo questo cielo che nobilita tutto, anche le cose più insignificanti? […] Questo è il paesaggio al quale mi sento affine”. Così scriveva Overbeck nel 1903 a proposito di Worpswede, ma in mostra trovano spazio anche alcune opere con i paesaggi dell’isola di Sylt e dei dintorni di Davos dove egli ha soggiornato a lungo per stare accanto alla moglie Hermine ricoverata nel sanatorio per via della tubercolosi. Purtroppo tre soli giorni dopo il loro ritorno a casa, carico di speranze, l’8 giugno 1909, Fritz Overbeck muore a causa di un ictus. Sarà la moglie a salvaguardarne l’opera oggi raccolta nell’Overbeck-Museum di Brema.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte fondazione arp fritz overbeck museo ascona
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved