NY Rangers
PHI Flyers
01:00
 
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
illuminating-questo-nostro-bisogno-di-luce
In Piazzetta San Carlo e al Boschetto Parco Ciani, all'interno del LongLake Festival Lugano
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
4 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
6 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
9 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
9 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
11 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
12 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
2 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
2 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
3 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
Videoarte
 
18.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 19.08.2021 - 13:22

'Illuminating', questo nostro bisogno di luce

A Lugano, tra il 22 agosto e il 4 settembre, quindici dei migliori videoartisti internazionali accendono il tessuto urbano. A colloquio con Eva Fabbris, curatrice.

Le coordinate: Piazzetta San Carlo; Boschetto Parco Ciani, Lugano. Nella stanza dei bottoni c'è l'Associazione fare arte nel nostro tempo (Nel), in collaborazione con il LongLake Festival e l'Usi. La rassegna d'incontri è intitolata ‘È per rinascere che siamo nati’ e vedrà a cavallo tra 2021 e 2022 Dominique Bourg (Università di Losanna), Jacques Dubochet (Nobel 2017 per la chimica), Niccolò Scaffai (Università di Siena). L'appuntamento più vicino è però ‘Illuminating’, rassegna di videoarte internazionale in programma il 22 e 23 agosto dalle 21 in Piazzetta e il 4 settembre alle 20.30 al Boschetto. Quindici i videoartisti che ‘espongono’, portando l'arte nel tessuto urbano per un'analisi della natura come specchio emotivo ed elemento di conforto e simbiosi. Quindici tra pionieri del genere e nuove generazioni. Quindici: Uri Aran, Giorgio Andreotta Calò, Alex Cecchetti, Kiluanji Kia Henda, Joan Jonas, Pauline Julier, William Kentridge, Jieun Lim, Adrien Missika, Pipilotti Rist, Mathilde Rosier, Vanessa Safavi, Roman Signer, Bill Viola, Jala Wahid.

‘Illuminating’ si deve a Eva Fabbris, curatrice e storica dell’arte di base a Milano, dove lavora alla Fondazione Prada come Exhibition Curato. È lei che con Giovanna Manzotti ha curato ‘Illuminating’. È a lei che chiediamo questa personale visita guidata.

Eva Fabbris, partiamo da ‘È per rinascere che siamo nati’?

Sì, è un verso di Pablo Neruda scelto da Cristina Bettelini, presidente, per raccontare il nuovo corso di ‘Nel’, visto che anche l’associazione vuole celebrare con tutta l’attenzione e la prudenza del caso il fatto che usciamo da un periodo molto complesso e, in qualche modo, abbiamo capito che dobbiamo re-immaginare il nostro rapporto con la natura, in un senso che ‘Nel’ vuole vedere come positivo. E all’interno di questa rassegna ha pensato di offrire alla città la presenza dell’arte nello spazio pubblico, per celebrare un ritrovato modo di vivere lo spazio collettivo. All’interno di ‘È per rinascere che siamo nati’, ‘Illuminating’ ha la responsabilità di offrire, attraverso il medium del video, la presenza di arte che racconti, affronti e discuta questi stessi temi.

E la videoarte, quando si parla di ambienti urbani, in essi è calata da sempre...

Le arti visive, l’arte contemporanea sono in realtà molto più legate alla tecnologia di quanto non si tenda a volte romanticamente a pensare. Figure come Pipilotti Rist, una delle protagoniste della serata inaugurale, non appena vengono a sapere che esistono macchine per riprendere accessibili economicamente se le procurano e iniziano a usarle in maniera diversa. Lo stesso è vero per le pareti, inizialmente nate per la pubblicità e non per l’arte, che invece possono essere usate, grazie alla tecnologia, come pareti retroilluminate, ledwall, e Pipilotti è proprio una campionessa di questo uso ambientale del video. Nel caso di Lugano, avremo una situazione un po’ più classica, e cioè due schermi, uno per location, con video che non necessariamente sono stati concepiti per essere proiettati all’aperto, ma che hanno messo d’accordo tutti gli artisti coinvolti nella decisione, entusiasti di poter immaginare il proprio lavoro comunque nello spazio pubblico, con lo schermo a fare da diaframma.

Videoarte che in questi mesi di chiusura è stata spesso la migliore soluzione d’emergenza...

Sì, aiutati dal fatto che il video prevede una modalità di fruizione che può essere continua, giorno e notte, e i molti aspetti sia estetici che tecnici rendono la videoarte molto plasmabile, anche solo come risorsa che già alcuni musei avevano contemplato, quella di condividere, anche in tempi limitati, opere storiche o nuove di videoarte nei siti dei musei, risorsa importante perché, diversamente da altre soluzioni, il video di un computer non sarà un supporto ideale, ma è sicuramente meno ‘traviato’ di un olio su tela, di una scultura o di una installazione.

Il concetto ‘Illuminating’ assume ulteriore significato se affiancato a ‘Yellow’: ‘Yellow Illuminating’ è uno dei due colori scelti da Pantone per rappresentare l’anno 2021.

È qualcosa che a me incuriosisce sempre, il come esistano entità, in questo caso private, che si prendono la responsabilità di provare a definire per sintesi un determinato periodo storico. Quando ho scoperto che Pantone propone un colore dell’anno, per rendere cromaticamente il mood, la temperatura emotiva dell’anno, l’ho subito trovato un bel modo di sintesi a livello globale. E mi è rimasto in mente questo Yellow Illuminating, un colore che parla di energia, di futuro e di resilienza, parola sin troppo usata, sì, ma il motivo c’è ed è perché di resilienza c’è tanto bisogno. Da una parte, come ci ricordano i fratelli Lumière, cinema e videoarte non sono che immagini in movimento visibili grazie alla luce, da cui, molto semplicemente, ‘Illuminating’; dall’altra parte c’è anche questo aspetto più ‘culturalizzato’ di un colore che ci è piaciuto come piccolo spunto per il titolo.

Come sono stati scelti i nomi e quali particolarità regala questa rosa di 15 artisti?

Nel momento in cui questa presenza suscita una curiosità, per me era molto importante, stante il fatto che la gran parte del pubblico di ‘Illuminating’ sarà un pubblico di passanti, ben lontani dagli addetti ai lavori, che l’insieme degli artisti documentassero una eterogeneità generazionale e di provenienza geopolitica. E dunque ci sono pionieri come l’americana Joan Jonas, nata nel 1936, che fonde videoarte, performance, teatralità e danza. Un altro artista non solo dedito alla videoarte ma storicamente e socialmente fondamentale è William Kentridge, noto anche perché il suo lavoro, essendo egli nato in Sudafrica, è stato un importante mezzo di denuncia dell’apartheid. Ma allo stesso tempo ci sono figure molto più giovani: mi piace ricordare Jala Wahid, nata nell'88, artista britannica di origine curda che presenta un lavoro all’apparenza molto giocoso, ma da scoprire in tutti i suoi significati nascosti. Ovviamente, com’è giusto che sia, c’è un’attenzione alle figure che hanno dato particolare rilievo alla videoarte in Svizzera. Citavo Pipilotti Rist, con un lavoro recente, e cito anche Roman Signer, Pauline Julier, Vanessa Safavi.

Riassumendo: che importanza ha una mostra pubblica in questo momento?

Rispondo, innanzitutto, specificando che gli artisti sono stati molto coinvolti nel dialogo su cosa sarebbe stato mostrato. E rispondo anche con parole di Mathilde Rosier, artista francese sentita qualche giorno fa, il cui lavoro, ‘Le massacre du primtemps’, sarà proiettato nella terza serata. Mathilde mi parlava di una parola molto semplice, forse un po’ meno presente nel lessico quotidiano di ‘resilienza’, ma forse ancora più efficace, che è ‘energia’. Il suo è un lavoro all’apparenza molto sottile, delicato, in realtà intriso di una forza politica strabordante. Lei dice: “Mi guardo attorno e vedo una natura in difficoltà, e mi chiedo quale sia il mio ruolo come artista. E il mio ruolo come artista è suscitare energia”. Ho trovato che la sua fosse una verità assolutamente ispiratrice. Se attraverso queste proiezioni, che sono a tutti gli effetti proposte estetiche, sorgerà anche solo un senso un po’ diverso di guardare il mondo come si guardava il giorno prima, o un tentativo di trovare nuovi modi per entrare in relazione con esso, intenzione che mi rendo conto essere ambiziosissima, il risultato mi darà conferma del motivo per il quale ho scelto questo mestiere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved