ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Pensi di leggere il giornale, ti trovi a far propaganda russa

Facebook blocca profili di una rete fra le più complesse mai individuata attivi soprattutto in Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Ucraina
cinema
4 ore

Ruggini per l’attore Alec Baldwin a rischio incriminazione

Possibili guai giudiziari per l’attore statunitense che sul set di ‘Rust’ esplose un colpo vero di pistola che uccise Halyna Hutchins
Spettacoli
4 ore

Riposo vocale per Anastacia, rinviato il concerto di Locarno

Imposizioni mediche impongono la riprogrammazione del live del 29 settembre al Fevi. I biglietti restano validi per la nuova data, di prossimo annuncio
Spettacoli
6 ore

Vita da pornostar: Rocco Siffredi diventa una serie tivù

Netflix annuncia ‘Supersex’, di cui sono iniziate le riprese a Roma: ‘È la storia di un uomo che ci mette 7 puntate e 350 minuti a dire ti amo’
Spettacoli
6 ore

I ‘Sogni’ dei Legnanesi a Locarno

Sabato 19 novembre al PalaExpo Fevi tornano Antonio Provasio, Enrico Dalceri, Lorenzo Cordare con uno spettacolo onirico
Culture
7 ore

‘Emergenza Terra’ a Mendrisio, al via con Marco Paolini

La minaccia climatica che incombe sul pianeta, aggravata dalla guerra in Ucraina, in un ciclo d’incontri che inizia mercoledì 28 settembre
Spettacoli
10 ore

Shakira va alla sbarra, chiesti otto anni e due mesi

La cantante colombiana rinviata a giudizio per frode ai danni del fisco iberico. Dovrà pagare anche una multa di oltre 23 milioni di euro.
Letteratura
13 ore

La continua ricerca di Siddhartha

L’opera di Hermann Hesse compie il secolo di vita e conta innumerevoli ripubblicazioni, merito del carattere universale della figura protagonista
Spettacoli
13 ore

Chiasso, Edoardo Bennato torna al Cinema Teatro

Sei anni dopo, il ritorno del cantautore napoletano. L’appuntamento è per venerdì 3 marzo 2023 alle 20.30.
Ascona
15 ore

Sotto le stelle del Jazz Cat Club (la nuova stagione)

Bill Charlap, il nuovo Frank Salis, Uros Peric che omaggia Ray Charles. Brillano i Take 6, 10 volte Grammy. Parla Nicolas Gilliet, direttore artistico
Cinema
1 gior

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
1 gior

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
1 gior

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
1 gior

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
23.04.2021 - 18:41

Sergio Emery, Miki Tallone: incontro d’arte a Mendrisio

Il Museo d’arte ospita due installazioni site-specific di Tallone e quasi una retrospettiva dedicata a Emery

di Ivo Silvestro
sergio-emery-miki-tallone-incontro-d-arte-a-mendrisio
Sergio Emery, ‘Legni’, 1988, acrilico su tela

Due sbarre blu scuro, una curva l’altra dritta: non una presenza ingombrante, ma sufficiente a ridisegnare, insieme a una lastra di ottone con dodici tagli posta al centro, lo spazio del chiostro dell’ex convento ora sede del Museo d’arte di Mendrisio. Così viene accolto il visitatore della doppia mostra che si apre oggi e chiuderà ad agosto, con la prima parte dell’installazione di Miki Tallone. Intitolato [ēx], il progetto appositamente realizzato per il museo dall’artista ticinese è un richiamo all’assenza, aspetto ancora più chiaro nel secondo spazio a lei dedicato, nella grande sala che apre il percorso espositivo vero e proprio (al quale si arriva, val la pena ricordarlo, attraverso un corridoio dove troviamo alcune opere dalla collezione del museo). Miki Tallone torna a quella che con ogni probabilità era la funzione originale della grande sala, cioè il refettorio del convento; l’artista ha quindi posto una grande tavola imbandita con piatti trasparenti e tovaglioli inamidati, una presenza che rimanda all’assenza di cibo e commensali in parte sublimati in alcune matrici fotografiche appese alle pareti.

Lasciato alle spalle il silenzio di Miki Tallone, troviamo la fragorosa pittura di Sergio Emery, secondo protagonista della doppia esposizione. In mostra troviamo, con un allestimento intelligente nello sfruttare gli spazi gli spazi talvolta ristretti del museo, diversi cicli di opere realizzate da Emery negli ultimi vent’anni di attività: le ‘Bambole’, i ‘Vegetali’, i ‘Viadotti’ e gli ‘Interni con tavola’, i ‘Legni’, le ‘Ferite’, le ‘Cadute’, le ‘Acque’, le ‘Terre’,  i ‘Cactus’, le ‘Risaie’. «Già dalla titolazione si capisce che Emery è un artista che parte dal dato reale» ha spiegato in conferenza stampa il direttore del museo e curatore della mostra Simone Soldini. «Un dato reale, riconoscibile nelle opere, che lui poi estrapola, lo isola, ne fa una reliquia, entrando in un processo creativo che porta a inventare tantissime soluzioni, restando al limite tra il reale, l’oggetto e il gesto».

Quella che propone il Museo d’arte di Mendrisio non è una retrospettiva ma, come detto, si sofferma sugli ultimi, intensi, vent’anni. Una scelta, è sempre Soldini a spiegarlo, che trova la sua ragion d’essere nella biografia di Sergio Emery, nel suo «singolare percorso» dell’artista nato a Chiasso nel 1928. «Talento precoce, inizia guardando al Novecento italiano e appena ventenne è in grado di capire e interpretare a modo suo quello che i mastri Carrà, Siloni e Morandi proponevano. Artista di una “generazione di mezzo”, termine non molto gratificante per dire che non è né di qua né di là, Emery è proiettato verso il moderno, capisce il valore della parola avanguardia e prende contatto con questi nuovi movimenti prima a Zurigo, poi a Milano e a Parigi». Ma, prosegue Soldini, «nella metà degli anni Cinquanta il Ticino è una realtà piccola, misera e Emery fa una scelta radicale: smette di dipingere, si dedica al design con un negozio di mobili modernisti, grande novità per Lugano, e poi alla scenografia per la Tsi». All’arte tornerà a metà degli anni Sessanta ma quella parentesi è solo apparentemente un momento di discontinuità: «Dal design e dalla scenografia Emery apprende, fa tesoro di elementi quali la versatilità, la padronanza dello spazio, l’essenzialità del disegno, lo spiccato senso della composizione».

Emery è un artista animato «da una continua curiosità di sperimentazione, rinnovando sempre il proprio discorso artistico, con continue virate» e allora Soldini indica alcuni elementi di continuità in una produzione che rischierebbe di apparire frammentata. «La dinamicità è un aspetto fondamentale dell’opera di Emery, ma questa dinamicità viene controllata e incanalata sia dalla sua perizia, sia dalla sua sensibilità: la sua parrebbe una pittura di getto, istintiva, e invece lui stesso dice che ogni elemento è frutto di un ragionamento, cosa che si percepisce soprattutto andando da ciclo in ciclo». Di questo, come accennato, si ha traccia nell’allestimento che alterna formati grandi e piccoli, disegni e opere. C’è poi un altro aspetto importante che però non è immediato cogliere: «Emery è un grande colorista, anche se non parrebbe perché ha una tavolozza limitata che si fonda sul nero, ma proprio qui sta la bravura e la sensibilità del colorista, basta vedere la modulazione che troviamo nelle ‘Acque’ o nelle ‘Risaie’».

Entrambe le mostre sono accompagnate da un catalogo: per Sergio Emery, troviamo contributi critici di Simone Soldini, del filosofo e figlio dell’artista Nicola Emery, di Matthias Frehner, che colloca il lavoro di Emery nel contesto svizzero, e di Emanuela Burgazzoli; il catalogo dedicato a Miki Tallone, curato da Barbara Paltenghi Malacrida, oltre ad approfondire le due installazioni dell’artista ne ripercorre il percorso artistico attravero i suoi principali lavori.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved