Atalanta
Venezia
18:30
 
Fiorentina
Sampdoria
18:30
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
sergio-emery-miki-tallone-incontro-d-arte-a-mendrisio
Sergio Emery, ‘Legni’, 1988, acrilico su tela
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
9 min

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
23 min

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
46 min

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 ora

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 ora

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
4 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
7 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
23 ore

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
23 ore

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
1 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
1 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Arte
23.04.2021 - 18:410

Sergio Emery, Miki Tallone: incontro d’arte a Mendrisio

Il Museo d’arte ospita due installazioni site-specific di Tallone e quasi una retrospettiva dedicata a Emery

Due sbarre blu scuro, una curva l’altra dritta: non una presenza ingombrante, ma sufficiente a ridisegnare, insieme a una lastra di ottone con dodici tagli posta al centro, lo spazio del chiostro dell’ex convento ora sede del Museo d’arte di Mendrisio. Così viene accolto il visitatore della doppia mostra che si apre oggi e chiuderà ad agosto, con la prima parte dell’installazione di Miki Tallone. Intitolato [ēx], il progetto appositamente realizzato per il museo dall’artista ticinese è un richiamo all’assenza, aspetto ancora più chiaro nel secondo spazio a lei dedicato, nella grande sala che apre il percorso espositivo vero e proprio (al quale si arriva, val la pena ricordarlo, attraverso un corridoio dove troviamo alcune opere dalla collezione del museo). Miki Tallone torna a quella che con ogni probabilità era la funzione originale della grande sala, cioè il refettorio del convento; l’artista ha quindi posto una grande tavola imbandita con piatti trasparenti e tovaglioli inamidati, una presenza che rimanda all’assenza di cibo e commensali in parte sublimati in alcune matrici fotografiche appese alle pareti.

Lasciato alle spalle il silenzio di Miki Tallone, troviamo la fragorosa pittura di Sergio Emery, secondo protagonista della doppia esposizione. In mostra troviamo, con un allestimento intelligente nello sfruttare gli spazi gli spazi talvolta ristretti del museo, diversi cicli di opere realizzate da Emery negli ultimi vent’anni di attività: le ‘Bambole’, i ‘Vegetali’, i ‘Viadotti’ e gli ‘Interni con tavola’, i ‘Legni’, le ‘Ferite’, le ‘Cadute’, le ‘Acque’, le ‘Terre’,  i ‘Cactus’, le ‘Risaie’. «Già dalla titolazione si capisce che Emery è un artista che parte dal dato reale» ha spiegato in conferenza stampa il direttore del museo e curatore della mostra Simone Soldini. «Un dato reale, riconoscibile nelle opere, che lui poi estrapola, lo isola, ne fa una reliquia, entrando in un processo creativo che porta a inventare tantissime soluzioni, restando al limite tra il reale, l’oggetto e il gesto».

Quella che propone il Museo d’arte di Mendrisio non è una retrospettiva ma, come detto, si sofferma sugli ultimi, intensi, vent’anni. Una scelta, è sempre Soldini a spiegarlo, che trova la sua ragion d’essere nella biografia di Sergio Emery, nel suo «singolare percorso» dell’artista nato a Chiasso nel 1928. «Talento precoce, inizia guardando al Novecento italiano e appena ventenne è in grado di capire e interpretare a modo suo quello che i mastri Carrà, Siloni e Morandi proponevano. Artista di una “generazione di mezzo”, termine non molto gratificante per dire che non è né di qua né di là, Emery è proiettato verso il moderno, capisce il valore della parola avanguardia e prende contatto con questi nuovi movimenti prima a Zurigo, poi a Milano e a Parigi». Ma, prosegue Soldini, «nella metà degli anni Cinquanta il Ticino è una realtà piccola, misera e Emery fa una scelta radicale: smette di dipingere, si dedica al design con un negozio di mobili modernisti, grande novità per Lugano, e poi alla scenografia per la Tsi». All’arte tornerà a metà degli anni Sessanta ma quella parentesi è solo apparentemente un momento di discontinuità: «Dal design e dalla scenografia Emery apprende, fa tesoro di elementi quali la versatilità, la padronanza dello spazio, l’essenzialità del disegno, lo spiccato senso della composizione».

Emery è un artista animato «da una continua curiosità di sperimentazione, rinnovando sempre il proprio discorso artistico, con continue virate» e allora Soldini indica alcuni elementi di continuità in una produzione che rischierebbe di apparire frammentata. «La dinamicità è un aspetto fondamentale dell’opera di Emery, ma questa dinamicità viene controllata e incanalata sia dalla sua perizia, sia dalla sua sensibilità: la sua parrebbe una pittura di getto, istintiva, e invece lui stesso dice che ogni elemento è frutto di un ragionamento, cosa che si percepisce soprattutto andando da ciclo in ciclo». Di questo, come accennato, si ha traccia nell’allestimento che alterna formati grandi e piccoli, disegni e opere. C’è poi un altro aspetto importante che però non è immediato cogliere: «Emery è un grande colorista, anche se non parrebbe perché ha una tavolozza limitata che si fonda sul nero, ma proprio qui sta la bravura e la sensibilità del colorista, basta vedere la modulazione che troviamo nelle ‘Acque’ o nelle ‘Risaie’».

Entrambe le mostre sono accompagnate da un catalogo: per Sergio Emery, troviamo contributi critici di Simone Soldini, del filosofo e figlio dell’artista Nicola Emery, di Matthias Frehner, che colloca il lavoro di Emery nel contesto svizzero, e di Emanuela Burgazzoli; il catalogo dedicato a Miki Tallone, curato da Barbara Paltenghi Malacrida, oltre ad approfondire le due installazioni dell’artista ne ripercorre il percorso artistico attravero i suoi principali lavori.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved