ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
12 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
14 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
18 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
22 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
22 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
22 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
03.10.2022 - 19:23

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo

mafie-in-ticino-tanti-i-progetti-ma-sono-davvero-operativi
Ti-Press

Ritenendo «insoddisfacente» il messaggio del Consiglio di Stato sulla propria mozione che chiede di costituire un pool cantonale contro le mafie in Ticino, tre mesi fa il deputato liberale radicale Matteo Quadranti ha annunciato l’intenzione di portare il dossier nella commissione parlamentare competente. E così ha fatto oggi quando è stato sentito in audizione dalla ‘Giustizia e diritti’. In particolare perché a suo giudizio le risposte del governo sono state «troppo generiche», spiega Quadranti a ‘laRegione’.

Nell’atto parlamentare il deputato Plr formula tre richieste: "L’immediata designazione di due procuratori pubblici, uno per l’ambito finanziario e uno per quello dei reati di polizia, che vengano formati e fungano da persone di contatto col Ministero pubblico della Confederazione o col pool; l’immediata designazione di più poliziotti, con formazione ad hoc, aventi compiti speciali per le questioni in oggetto e che possano poi fungere da istruttori e contatti con le Polizie comunali che sorvegliano il territorio a scopo preventivo; la dichiarazione, o meglio attività politica, da parte delle autorità cantonali a fronte di quelle federali in sostegno alla richiesta del procuratore federale Mastroianni di adozione urgente di normative di perseguimento penali più adeguate".

Dal canto suo l’esecutivo propone al Gran Consiglio di considerare evasa la mozione in quanto allo stato attuale ritiene la creazione di un pool per affrontare e proporre misure contro il fenomeno della mafia in Ticino non necessaria, data "la buona collaborazione fra Autorità cantonali e federali, le quali, a loro volta, hanno buoni contatti con i loro partner esteri", si legge nel messaggio governativo. In particolare secondo il Consiglio di Stato la proposta di istituire un gruppo di lavoro risulta "di fatto già attuata per il tramite dell’adesione al programma Coc", acronimo di ‘Countering organised crime’, che prevede che sia "coordinata e concordata più strettamente la collaborazione interdisciplinare tra gli attori del perseguimento penale e altre autorità della Confederazione e dei Cantoni".

‘Molte le domande di dettaglio su cui il Consiglio di Stato dovrebbe esprimersi’

Per Quadranti, però, «ci sono diverse domande più di dettaglio a cui il governo dovrebbe rispondere. I progetti sono molti – rimarca il granconsigliere – ma il fatto che esistano e il fatto che siano operativi sono due questioni diverse». Per questo motivo in commissione ha chiesto diverse delucidazioni. «Benché abbia fatto varie interrogazioni sulla mafia, il gruppo di coordinamento ‘Coc’ l’ho sentito nominare per la prima volta nel messaggio. È stato creato, ma questo cosa significa? Chi c’è dentro, che missione ha, quali compiti è chiamato ad assolvere, a che punto è e cosa prevede di fare in futuro?».

Altro aspetto poco chiaro secondo Quadranti è l’istituzione di uno ‘Spoc’ (Single Point Of Contact) designato tra i magistrati del Ministero pubblico ticinese con il compito di tenersi in contatto con il Nucleo compiti speciali della Polizia cantonale. «Quante volte è stato sollecitato, in che occasioni si è presentato o ha fornito informazioni al Ministero pubblico della Confederazione, di quanti casi si è occupato?», vorrebbe sapere Quadranti, che ha anche suggerito di sentire, oltre al procuratore pubblico ‘Spoc’, ad esempio il consigliere nazionale Marco Romano «che ha proposto diverse iniziative a livello federale inerenti alle mafie», ma pure i responsabili dell’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’Usi e le associazioni economiche «perché, come è emerso anche durante l’audizione da parte dei commissari, qualche segnale della presenza delle mafie nel mondo reale c’è. Nella Commissione economia e lavoro è ancora pendente la mozione sulle società bucalettere – evidenzia Quadranti –, si tratta sicuramente di uno dei possibili filoni a cui prestare attenzione, ma non è certo l’unico», commenta, auspicando che non si lasci cadere il tema e si proceda ora a ulteriori approfondimenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved