ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
3 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
3 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
11 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
12 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
28.09.2022 - 11:30
Aggiornamento: 14:36

79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023

Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni

79-5-milioni-di-disavanzo-d-esercizio-nel-preventivo-2023

- il Consiglio di Stato sta lavorando per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2025

- l’esecutivo fa sapere che sta tenendo conto dell’inflazione, per questo ha preventivato 20,5 milioni per l’adeguamento degli stipendi dei dipendenti pubblici al rincaro

 

Un disavanzo d’esercizio di 79,5 milioni. È quello che prevede il Consiglio di Stato per il preventivo 2023. Un cifra che "rispetta il vincolo di freno al bilancio". L’autofinanziamento rimane in cifre positive e si attesta a 129,2 milioni di franchi, il grado di autofinanziamento è del 44%. Il disavanzo totale ammonta a 164,4 milioni di franchi, considerato un onere netto per investimenti di 293,6 milioni. Nel comunicato del Consiglio di Stato si legge che "il debito pubblico a fine 2023 potrebbe superare l’importo di 2,5 miliardi di franchi".

La spesa, si legge, cresce di 66,1 milioni di franchi (+1,6%) rispetto al preventivo 2022. Questo "a seguito dell’incremento delle spese del personale, delle spese di trasferimento e delle spese per beni e servizi".

A preventivo 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari al rincaro

Sull’aumento della spesa per il personale "incide in modo particolare l’inserimento di un importo di preventivo di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro". Un aumento che "il Consiglio di Stato determinerà al momento in cui sarà pubblicato il tasso di rincaro relativo al mese di novembre".

La crescita delle spese di trasferimento riguarda in particolare i settori della sanità e della socialità. "Per quanto concerne invece la spesa per beni e servizi, il preventivo 2023 tiene conto in particolare dell’aumento dei prezzi dell’energia".

Insieme al preventivo 2023 sono stati pubblicati anche i dati relativi al Piano finanziario della gestione corrente 2024-26, che mostrano un tendenziale peggioramento della situazione finanziaria, che dovrà essere corretto nei prossimi anni. "Le proiezioni evidenziano che la difficile situazione finanziaria necessita d’interventi correttivi anche nei prossimi anni per raggiungere l’obiettivo del pareggio nel 2025 e rispettare i vincoli del freno ai disavanzi". Per questo motivo il Consiglio di Stato fa sapere di lavorare con "un approccio pragmatico, operando su una correzione della crescita dei costi, tenendo però conto del contesto inflazionistico, per raggiungere l’obiettivo che si era prefissato, senza incidere comunque sulle prestazioni". Il prossimo obiettivo, conclude il comunicato, è l’elaborazione di un preventivo 2024 con un disavanzo massimo di 40 milioni di franchi in vista del pareggio dei conti entro il 2025.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved