ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
2 ore

La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa

Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
2 ore

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
11 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
11 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
20 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
20 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
20 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
20 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
20 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
20 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
21 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
21 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
22 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
22 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
22 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
22 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
23 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
23 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
23 ore

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
23 ore

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
Ticino
23 ore

BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni

I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Bellinzonese
1 gior

Il Coro Alto Ticino in concerto a Faido

Appuntamento per il 10 dicembre alle 17.30 nella chiesa dei Frati Cappuccini
Ticino
1 gior

Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni

Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Locarnese
1 gior

Locarno: realtà giovanili, oltre la superficie

Conferenza al Centro professionale (Spai) con sei relatori per affrontare diversi temi
Luganese
1 gior

Pregassona, una panettonata contro la violenza sulle donne

Martedì 6 dicembre, l’associazione Mai più sola organizza una panettonata al Capannone di Pregassona
Mendrisiotto
1 gior

Annullato il mercatino di Castel San Pietro

L’evento, previsto domenica 4 dicembre, è stato cancellato a causa delle previsioni meteo
Bellinzonese
1 gior

Lampeggianti a Castelgrande, ma è solo uno shooting fotografico

Hanno fatto subito temere il peggio le luci blu nel prato del maniero di Bellinzona. Fortunatamente non si è trattato di nulla di preoccupante
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, la Legislazione dà l’accordo alla lite con l’Fc

La decisione definitiva sarà presa dal Consiglio comunale il 19 dicembre. Oggetto del contendere quasi 123mila franchi non versati per l’uso dello stadio
Bellinzonese
1 gior

Meno costruzioni a Bellinzona? Attese le valutazioni del Cantone

Il Municipio risponde a un’interpellanza del gruppo Verdi/Mps/Fa: terrà conto della revisione del Piano direttore cantonale decisa dal Consiglio federale
Bellinzonese
1 gior

Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco

L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
Bellinzonese
1 gior

Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo

Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale
Locarnese
1 gior

Verzasca, premiati i vincitori del nuovo stemma

Gli elaborati erano stati valutati da una giuria e avallati dal legislativo. Prossimamente verrà allestita una mostra di tutte le 107 proposte inoltrate
Mendrisiotto
1 gior

Pedrinate avrà il suo nodo del trasporto pubblico

Il Municipio di Chiasso chiede al Consiglio comunale un credito di 1’051’000 franchi per creare la fermata ‘Pedrinate paese’
Bellinzonese
1 gior

Bambino in bici urtato da un’auto a Bellinzona: ferite non gravi

L’incidente oggi pomeriggio intorno alle 13 su viale Portone
Locarnese
1 gior

Locarno, glicemia e pressione

La Croce Rossa propone la misurazione gratuita
Locarnese
1 gior

Cavigliano, bancarelle natalizie (al coperto)

Mercatino e momenti conviviali in Piazza della Gioventù
Locarnese
1 gior

Lavizzara, il marmo è più vivo che mai e va riorientato

Municipio, enti pubblici e sponsor pronti a sostenere la Fondazione per la scultura e il suo braccio operativo per affinare nuove strategie promozionali
laR
 
06.10.2022 - 05:25
Aggiornamento: 18:29

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni

giovani-nei-partiti-tra-buone-alleanze-e-spine-nel-fianco
Ti-Press

Privi di qualsiasi interesse, spettatori disillusi o desiderosi in prima persona di imprimere una direzione alla società con gli strumenti democratici previsti dallo Stato? Rispetto al passato i giovani sembrano marcar meno presenza nella politica istituzionale attiva e da più parti si critica una mancanza di rinnovo tra le fila di legislativi ed esecutivi. Secondo i responsabili di alcuni movimenti giovanili dei principali partiti ticinesi – quelli che fanno gruppo in Gran Consiglio – si è in effetti ampliata una certa lontananza tra i giovani e la politica parlamentare e governativa, secondo altri invece si tratta di una percezione non aderente alla realtà. Abbiamo chiesto loro come valutano il coinvolgimento attuale delle nuove generazioni, in che modo provano a intercettarle, di quali temi si fanno portavoce e che spazio riescono a ritagliarsi nei loro partiti di riferimento.

‘Inconcepibile la discriminazione di genere’

Secondo Yannick Demaria, membro di direzione della Gioventù Socialista (Giso) Svizzera, in generale la politica istituzionale è effettivamente lontana dalla realtà giovanile, «sia per le politiche che promuove, sia per l’età degli eletti. Sarebbe sicuramente meglio avere un maggior numero di ragazze e ragazzi nei legislativi, e perché no anche negli esecutivi». In tale ottica «i partiti giocano un ruolo importante nel garantire sufficiente posto ai giovani. Concretamente l’impiego del Ps in tal senso si è confermato in occasione dell’ultima Conferenza cantonale». Il riferimento è al fatto che la maggioranza desidera riservare un posto alla Giso nella lista per il Consiglio di Stato da presentare alle prossime elezioni, e il nome scelto è proprio quello di Demaria. Per raggiungere le nuove generazioni «dal canto nostro proviamo a fare una politica dai giovani per i giovani. Un esempio concreto è la petizione che abbiamo promosso per chiedere al governo di mettere a disposizione gratuitamente nelle scuole i prodotti igienici per il ciclo. Sono poi stati gli stessi comitati studenteschi a prendere in mano la raccolta firme che ha portato al successo dell’iniziativa». Per quanto riguarda i temi che più stanno a cuore ai giovani, secondo il membro Giso c’è innanzitutto quello delle discriminazioni di genere: «Al giorno d’oggi è inconcepibile che una donna a parità di lavoro e qualifiche guadagni meno di un uomo». Altri argomenti definiti essenziali sono «il clima (la situazione è drammatica), la ridistribuzione della ricchezza, nonché la salute mentale dei giovani messa in pericolo da un sistema che spesso produce grande stress in quanto mira essenzialmente a creare professionisti spendibili subito nel mercato economico». Rispetto alla capacità di fare aggregazione, Demaria sostiene che la Giso riesce a proporre efficacemente dei momenti che la favoriscono «partecipando alle manifestazioni, all’organizzazione di eventi e di formazioni aperte al pubblico». E i risultati si vedono: «Dalla pandemia ad ora abbiamo molto aumentato i nostri membri sia a livello svizzero che ticinese».

‘È aumentata l’urgenza ambientale’

Noemi Buzzi, co-coordinatrice de Le Giovani Verdi, tiene innanzitutto a premettere che «spesso, anche sui media, si parla della sfera giovanile interpellando persone attive in politica o esperti, ma senza coinvolgere i diretti interessati. È vero che tutti sono stati giovani, ma le esperienze e i problemi del passato non sono più per forza quelli che le nuove generazioni affrontano ora». Secondo Buzzi manca insomma un approccio partecipativo anche a causa del quale i giovani non si implicano molto nei partiti. «D’altra parte forse temono di non avere sufficiente preparazione, ma pure di dover rinunciare a tutti i propri interessi», dice la giovane dei Verdi secondo cui invece ognuno dovrebbe avere la possibilità di contribuire «quanto e come desidera, senza la necessità di essere sempre raggiungibile, anche perché è fondamentale prendersi cura della propria salute mentale ed evitare il burnout da attivismo». Fondamentale in politica è anche «fare gruppo e coltivare dei legami umani – sostiene Buzzi –. Noi ad esempio organizziamo escursioni in montagna legate a temi come la morte dei ghiacciai, dopo le raccolte firme pranziamo insieme, ma proponiamo pure degli incontri per il semplice piacere di trovarci». A livello di temi «ovviamente quello che più ci tocca è la crisi climatica, un problema che la società non affronta ancora con la dovuta serietà ma verso cui l’interesse dei giovani rimane alto. Certo, non si vedono più le grandi mobilitazioni del 2019, perché c’è stata una pandemia di mezzo che ci ha costretti a ricalibrare le forze e a cambiare alcune modalità di esprimerci. Ma è per tutti evidente che l’urgenza ambientale è aumentata». Quanto ai rapporti col partito, Buzzi li paragona a quelli in una famiglia: «In alcuni ambiti collaboriamo, ma in quanto giovani vorremmo avere un po’ più di autonomia e responsabilità per portare avanti i nostri progetti. Ci viene sempre detto che siamo il futuro ma ogni tanto sarebbe bello avere più spazio per crescere».

‘Il lavoro e l’Avs preoccupano parecchio’

Per il presidente dei Giovani del Centro (ex Generazione Giovani) Marco Profeta la disaffezione non è tanto rispetto alla politica in generale quanto piuttosto verso i partiti. Il motivo? «Al nostro congresso di giugno – riferisce Profeta – il politologo Oscar Mazzoleni presentando un’analisi condotta internamente ha fatto una distinzione molto pertinente tra "politica dei valori" e "politica dei temi". Penso che i giovani d’oggi richiedano una certa flessibilità che valuti tema per tema e non più una rigida politica dei valori di riferimento». E proprio col cambio del nome secondo Profeta è stato fatto un passo verso la giusta direzione: «Soprattutto per dare un segnale di apertura a un tipo di elettorato che magari non ha mai votato il Ppd ma si riconosce in una visione di centro». Entrando nel merito dei temi, «sicuramente c’è la questione del lavoro che ci preoccupa parecchio, ma anche quella della riforma dell’Avs che sosteniamo. Da un recente sondaggio interno osserviamo anche una forte sensibilità dei giovani riguardo ai temi legati all’ambiente e alla transizione energetica». Quanto ai nuovi affiliati, illustra Profeta, «durante la pandemia si è un po’ bloccato tutto, ma ora con la ripresa delle assemblee, delle conferenze e di altri eventi conviviali in concomitanza con il periodo pre-elettorale contiamo di tornare a crescere. Al contempo, sulla scia del Covid stiamo cercando di mantenere una presenza più marcata sul web perché abbiamo notato che per i giovani un po’ titubanti è un buon modo di avvicinarsi». In merito al coinvolgimento nel partito, «da quando sono presidente della sezione giovanile – dice Profeta – sono in contatto diretto con la dirigenza del partito e il segretariato, e per bisogni e consigli loro sono sempre presenti. È però chiara la necessità di puntare maggiormente sulla formazione dei giovani politici altrimenti il turnover non è facile».

‘Va messo l’accento sulla formazione’

Stando a Daniel Mitric, presidente dei Giovani liberali radicali ticinesi, la disaffezione verso l’esercizio democratico della politica è di lunga data e non riguarda solo le nuove generazioni. «Il Plr – valuta – è un partito giovane e vicino ai giovani, con un’attenzione particolare verso chi verrà domani e non vuole stare alla finestra a guardare». Mitric sottolinea che «dentro al partito portiamo avanti un grande lavoro e questo produce dei risultati tangibili, come dimostra il cambio ai vertici cantonali del Plr due anni fa per cui la scelta del nuovo presidente è ricaduta su una persona che aveva fatto la gavetta nel nostro movimento giovanile». Oltre a essere «alleati», i Glrt del partito sono anche «una spina nel fianco – dice Mitric –. È successo ancora recentemente col referendum sulla Legge cinema; quando il Partito si fossilizza troppo sulle dinamiche parlamentari, è nostro dovere richiamarlo ai principi liberali radicali magari dicendo anche qualche "no"». Per illustrare alcune delle principali rivendicazioni – spiegando che «quello che facciamo è parlare di temi e proporre soluzioni» – Mitric fa una breve retrospettiva: «Sulla questione dei minorenni che delinquono, nel 2012 i Glrt hanno proposto un’iniziativa popolare per creare un Centro educativo chiuso che di recente ha avuto il nullaosta dal Gran Consiglio. Quanto al mondo del lavoro sempre più sotto pressione e competitivo, abbiamo avanzato l’idea di mettere l’accento sulla formazione e anticipare l’insegnamento del tedesco nelle scuole ticinesi. Anche la previdenza vecchiaia ci preoccupa parecchio e a livello nazionale abbiamo proposto un’iniziativa popolare che sarà oggetto di dibattito politico nei prossimi anni». Non mancano poi le proposte di eventi, tra gli ultimi Mitric cita il torneo interpartitico di Beachvolley, una visita a Palazzo federale e una conferenza sui giovani e la blockchain organizzata con altri movimenti giovanili del Luganese. «Si tratta di momenti che ci danno slancio ed energia, e al contempo ci permettono di fare gruppo, cosa importante perché siamo delle persone che si ritrovano per portare avanti una visione per il Paese ma anche degli amici che hanno il piacere di stare insieme e divertirsi».

‘Salari troppo bassi per fare piani per il futuro’

Anche secondo Stefano Tonini, presidente del Movimento giovani leghisti, «è risaputo come il fascino esercitato dalla politica su tutta la comunità sia andato diminuendo nel corso degli anni. Non parlerei quindi di una problematica generazionale, quanto piuttosto "sociale". Il motivo può essere individuato nel fatto che spesso la classe dirigente non è in grado di rendersi portavoce dei cittadini, aumentando il divario percepito tra elettori ed eletti e causando così una sempre maggiore sfiducia nei confronti di chi fa politica». Per le nuove generazioni, poi, «è difficile pensare di cambiare le regole del gioco passando dalla via istituzionale quando devono occuparsi di difficoltà concrete come la carenza di lavoro, i salari bassi, l’impossibilità di fare piani stabili per il futuro in un Cantone che non è affatto per giovani». Quanto alle attività del Movimento, spiega Tonini, «spaziano in maniera da coinvolgere giovani che frequentano ambienti diversi. Organizziamo bancarelle, volantinaggi, raccolte firme e persino donazioni benefiche. Nell’era pre-Covid era chiaramente più semplice proporre eventi, ma è vero anche che la pandemia ha cambiato il modo di interagire creando nuove forme di aggregazione. Penso comunque che la politica rimanga un potente strumento per fare rete, incontrarsi con persone che condividono la stessa linea di pensiero e misurarsi con coetanei di altri partiti per ampliare gli orizzonti». Come presidente «sono soddisfatto del mio gruppo, nonostante ci siano sempre margini di miglioramento – valuta Tonini –. Grazie alla concretezza dimostrata dalle iniziative, molti giovani hanno manifestato interesse per le nostre attività. Inoltre, l’affiatamento che si respira all’interno del Movimento si traduce in una sinergia concreta con il nostro partito di riferimento. Lo si constata anche dalla presenza di giovani con cariche elettive sia in ambito locale che in Gran Consiglio, ciò che ci permette di affrontare i temi e le proposte con una maggiore forza propositiva».

‘Si sta portando all’eccesso il politically correct’

Dal proprio osservatorio di presidente dei Giovani Udc, Diego Baratti constata che c’è tutt’altro che del disinteresse per la politica: «Quando sono entrato a far parte del Movimento sette anni fa eravamo solo una manciata di membri, ora invece siamo dieci volte tanti con un partito giovanile molto più ampio e strutturato. Alle ultime Comunali abbiamo portato 30 candidati di cui la metà è stata eletta», illustra Baratti che con un altro membro dei Gudc ha assunto la carica di municipale. «Grazie al lavoro che stiamo facendo – valuta il presidente – portiamo sempre più ragazzi e ragazze a interessarsi della cosa pubblica. Da un lato ci vengono in aiuto i social media, mentre dall’altro c’è sicuramente la scelta dei temi». Stando a Baratti tra quelli che più hanno avvicinato nuovi giovani al partito c’è «la richiesta di un’immigrazione moderata formulata in un’iniziativa popolare federale. Si tratta di un argomento che tocca direttamente la situazione del lavoro molto critica in Ticino, dove occorre assicurare dei salari dignitosi e un futuro ai giovani anche per farli tornare dopo gli studi. Ultimamente parecchio sentito è anche il tema del woke, la cultura del politically correct portata all’eccesso che sta iniziando a diventare un po’ soffocante». Per quanto concerne la presenza sul territorio «stiamo puntando sugli eventi. A quelli istituzionali ne affianchiamo altri più goliardici, per il piacere di trovarci. E poi a livello pratico siamo anche il braccio destro dell’Udc: raccogliamo firme in piazza, prepariamo le sale prima dei ritrovi, ci occupiamo del servizio, puliamo. Lavoriamo dunque tanto anche dietro le quinte, con un impegno che ci viene riconosciuto». E infatti i rapporti con l’Udc sono considerati «fantastici» da parte di Baratti: «Sedendo nella direttiva cantonale sono in costante contatto con la direzione. Trovo ci venga dato molto spazio, sia all’interno del partito, sia per esprimerci pubblicamente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved