ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
27 min

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
4 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
8 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
8 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
8 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
16 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
17 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
17 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
17 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
18 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
18 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
19 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
laR
 
08.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 19:08

Il ‘caro lunghino’ ci sarà, ma il problema è il lavoro

L’aumento dei costi dell’energia investe anche panifici e pasticcerie, che dovrebbero reggere, ma potrebbero ridimensionare un po’ gli impieghi

il-caro-lunghino-ci-sara-ma-il-problema-e-il-lavoro
Keystone

Anzitutto, calma: non dovrebbero esserci razionamenti, fallimenti di massa e neppure aumenti di prezzo talmente esorbitanti da prospettare scenari manzoniani, con tanto di assalto al ‘prestin di scansc’ (o ‘Forno delle grucce’). Però anche il pane – la cui produzione richiede un elevato consumo di energia non solo per i forni, ma anche per la macinazione delle farine – dovrà fare i conti con gli aumenti in bolletta. «Faremo meglio il punto nelle prossime settimane, ma è già possibile stimare un aumento dei costi per l’approvvigionamento energetico attorno al 30-40%, che in parte possiamo ancora assorbire, ma che si tradurranno anche in un rincaro di circa il 20% nei prezzi al dettaglio rispetto allo scorso anno».

Ad anticipare le prime, provvisorie stime è Massimo Turuani, presidente della Società dei mastri panettieri, pasticcieri e confettieri del Canton Ticino: «Non mi piace sparare nel mucchio e fomentare allarmismo, per cui dico subito che non prevedo ondate clamorose di forni chiusi a causa del rincaro; se vi saranno chiusure, saranno probabilmente legate anzitutto a problemi pregressi. I maggiori costi avranno però un impatto negativo su attività artigianali che per loro stessa natura sono difficili da ‘razionalizzare’ ulteriormente. Così, oltre a rischiare un impoverimento della produzione – per evitare di sfornare quei prodotti che hanno meno mercato – a risentirne almeno parzialmente potrebbe essere l’impiego». Una prospettiva che naturalmente preoccupa anche i sindacati (vedi sotto).

Turuani distingue poi tra due tipi di attività: da una parte quelle che vendono principalmente al dettaglio, «a clienti che, magari dopo qualche mugugno iniziale, dovrebbero comunque metabolizzare relativamente di buon grado gli aumenti di prezzo», visto anche l’impatto minimo del pane sui consumi privati; e quelle che invece «vendendo a ristoranti, hotel, mense, scuole, ospedali si trovano molto più sotto pressione quando si tratta di negoziare i prezzi di fornitura».

A impensierire un po’ è anche il costo della farina, finora toccato solo relativamente dal blocco del ‘granaio’ ucraino – due terzi delle forniture provengono comunque da cereali svizzeri –, ma ora investito a sua volta dal rincaro energetico: «Anche i mulini risentiranno degli aumenti, e se le incertezze logistiche di inizio anno avevano influito solo in parte sui costi, ora è pressoché certo che anche le farine avranno un maggiore peso sulle nostre spese».

IL SINDACATO

Unia: ‘Agevolare il lavoro ridotto’

Sia come sia, alla fine la preoccupazione è soprattutto una: non tanto gli scaffali sguarniti – visto che un inverno senza il più esotico dei pani integrali si può pur sopportare –, quanto l’eventuale contrazione della forza lavoro. In questo, panifici e pasticcerie si fanno emblema delle difficoltà di interi settori del piccolo commercio e dell’artigianato. Difficoltà per certi versi paradossali: «È infatti da notare che la prospettiva di licenziamenti, in questi casi, non coincide con una crisi di domanda e produzione», nota il segretario regionale di Unia Giangiorgio Gargantini. La contrazione degli impieghi sarebbe semmai il riflesso condizionato di un sistema economico altrimenti ‘sano’ davanti a uno shock esterno sui costi, col rischio di aggravare la situazione: «Un taglio avrebbe ulteriori conseguenze negative per tutti – prosegue Gargantini – lavoratori, aziende ed economia in generale. Per questo ci auguriamo che lo Stato trovi adeguate soluzioni di sostegno: occorre portare sollievo alle aziende come ai privati di fronte all’aumento dei costi, in modo da evitare di cadere in un circolo vizioso».

In questo e in altri settori, dunque, occorrerebbe evitare una spirale che travolga tanto il lavoro quanto il potere d’acquisto. A venire in soccorso potrebbero essere ancora una volta, come durante le fasi acute della pandemia da Covid-19, le indennità per lavoro ridotto. «In fin dei conti – conclude Gargantini – parliamo di una crisi che risponde a tutti i requisiti per l’accesso a questo strumento: un momento di difficoltà dovuto all’impossibilità di completare lavori previsti a causa di fattori esterni limitati nel tempo. La priorità, comunque sia, dev’essere quella di salvaguardare l’impiego».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved