ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
1 ora

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
1 ora

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
1 ora

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
1 ora

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 ora

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
2 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
3 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
3 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
3 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
3 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
3 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
3 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
4 ore

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
4 ore

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
Ticino
4 ore

BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni

I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
01.09.2022 - 21:20

Opuscolo sulle targhe, energia e lupo. Dadò è un fiume in piena

Il presidente del Centro davanti al proprio ‘parlamentino’ spara ad alzo zero su tre temi di scottante attualità: ‘Dalla cancelleria manomissione abusiva’

opuscolo-sulle-targhe-energia-e-lupo-dado-e-un-fiume-in-piena
Ti-Press
Fiorenzo Dadò

«Il nostro partito ha una responsabilità politica e storica non indifferente e non può più tacere di fronte a delle situazioni che trasudano di fanatismo ideologico, oppure di inadempienza e di negligenza istituzionale». È un fiume in piena il presidente del Centro Fiorenzo Dadò davanti al suo ‘parlamentino’ riunitosi stasera a Sant’Antonino. Un fiume in piena che travolge tre questioni di pressante attualità: il lupo, la crisi energetica e il reclamo contro l’opuscolo informativo sulla votazione popolare riguardo l’iniziativa sulle nuove imposte di circolazione.

‘Sulle predazioni del lupo dal governo atteggiamento inaccettabile’

«Ieri a Bellinzona c’è stata la manifestazione dei contadini e degli allevatori che, mossi dalla disperazione dopo un’estate disastrosa e abbandonati a se stessi in balia del lupo, si sono presentati davanti al governo per chiedere la fine dell’inerzia da parte del Dipartimento del territorio e del Dipartimento finanze economia, responsabili del dossier», ricorda Dadò.

Un atteggiamento ritenuto «inaccettabile», e che «anche il nostro partito deve denunciare, in quanto l’assenza di un intervento immediato sta portando a una crisi irreversibile della pastorizia nel nostro cantone, con conseguenze devastanti per il territorio, l’attività economica alpestre, il turismo e le nostre tradizioni, per non parlare delle famiglie e dei giovani allevatori e alpigiani, che si sentono cittadini di serie B abbandonati da tutti, dopo aver magari investito cifre considerevoli per dar vita alla propria azienda», tuona Dadò.

‘Fotovoltaico, noi patria del sole e... fanalino di coda’

Altra situazione affrontata dal presidente del Centro, «è la risposta che ci è stata data alla nostra mozione per incentivare il fotovoltaico in un momento di grave crisi energetica, considerato che il Ticino, pur essendo la patria del sole, è il fanalino di coda in rapporto a tutti gli altri cantoni».

La mozione, riprende Dadò, «chiedeva di remunerare in maniera equa la corrente elettrica ai cittadini che installano un impianto fotovoltaico sul tetto della propria casa, in quanto attualmente la realizzazione di questi impianti va troppo a rilento proprio perché costano troppo e la corrente prodotta non è sufficientemente pagata dalle aziende elettriche, che la rivendono cara traendone notevoli guadagni».

La risposta del governo, arrivata l’8 giugno, «nonostante le belle parole sull’ecologia, l’approvvigionamento energetico indigeno eccetera eccetera... invece di essere propositiva e di apertura come dovrebbe essere nella logica delle cose, è a dir poco deludente in quanto stronca sul nascere l’idea».

Questo, per Dadò, «fa capire come anche questa strada che è sulla bocca di tutti sia in salita, in quanto gli interessi in gioco sono tanti e che all’interno dell’Amministrazione dimorano alcune sacche di dannosa staticità, che bloccano lo sviluppo del Paese anche di fronte a emergenze come quella energetica».

‘Opuscolo sulle targhe, toccati i valori cardine della democrazia’

Come non bastasse, il tono già tendente al caldo si fa rovente quando si passa all’opuscolo sulle imposte di circolazione: «Il più grave istituzionalmente, in quanto tocca i valori cardinali della nostra democrazia e dello Stato di diritto, ossia i diritti popolari».

«Trovandoci di fronte a un altro tentativo di sabotaggio da parte della cancelleria e del Dipartimento delle istituzioni attraverso la manomissione abusiva del testo da noi preparato per il libretto della votazione - rincara Dadò -, siamo stati costretti a inoltrare ricorso nei tre giorni a disposizione dati dalla legge, salvo scoprire che il libretto era già stato stampato in fretta e furia in oltre 200 mila copie, nella più totale incuranza delle legge e dei diritti politici, che, assieme alla decenza e al buonsenso, imponeva di aspettare».

Finito? Neanche per idea: «Il costo di questa operazione ordinata dalla cancelleria dello Stato su mandato di almeno una parte del governo lo lascio immaginare a voi, così come vi lascio immaginare chi sarà a pagare un’eventuale ristampa o un’altra votazione ordinata dai giudici, come è già capitato per gli stessi motivi con l’iniziativa sulla legittima difesa di Ghiringhelli» ammonisce ancora Dadò. Che conclude, amaro: «A noi risulta oramai chiaro, a fronte di questi e altri fatti che questa sera evito di narrare, che c’è perlomeno un grosso problema di conduzione e di leadership in questo Paese, e che anche all’interno degli uffici giuridici dell’Amministrazione e nella Cancelleria il pressapochismo ha oramai trovato fissa dimora».

Passalia: ‘C’è un’altra iniziativa sulle imposte di circolazione che è pendente...’

Sul tema torna, e ci mancherebbe altro, il vicepresidente del Centro e primo firmatario dell‘iniziativa in questione Marco Passalia: «Quello che è successo è abbastanza grave. Abbiamo presentato dei dati, e la cancelleria ce li ha modificati di dieci milioni basandosi su informazioni diverse. Noi, però, abbiamo usato i dati del Consiglio di Stato. Ma stiamo scherzando? Dov’è la trasparenza?». Per poi ricordare, sibillino fino a un certo punto, che sulle imposte di circolazione «c’è un’altra iniziativa pendente». Passalia si riferisce a quella, sempre del 2017, chiamata ’Gli automobilisti non sono bancomat’. L’intento era quello di chiedere la restituzione dell’aumento deciso dal Consiglio di Stato per il 2017 come sconto sulle prossime imposte di circolazione. Iniziativa fermata "per motivi di opportunità", qualche mese fa. Ma che è pronta a uscire dal cassetto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved