ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
17 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
17 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
17 ore

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
11.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:06

‘Scuola, non basta cancellare i livelli. Le nostre proposte’

Medie, l’Mps chiede anche il potenziamento del doposcuola e dell’orientamento, meno allievi per classe e una riduzione delle ore-lezione per i docenti

scuola-non-basta-cancellare-i-livelli-le-nostre-proposte
Ti-Press
Iniziative e mozione. Nel riquadro Angelica Lepori

«Anche noi siamo per l’abolizione dei livelli, chiediamo però una riforma globale della scuola media. Perché i livelli – dice la deputata dell’Mps Angelica Lepori alla ‘Regione’ – sono solo un aspetto del problema. Ci sono infatti anche altri fattori che oggi alle Medie accentuano, anziché rimuoverle, le differenze sociali tra gli allievi. Se non si terrà conto pure di questi fattori, se non ci si muoverà con una visione d’insieme, cancellare i livelli servirà a poco o a nulla». Ed è per questo che il Movimento per il socialismo ha appena stilato un «primo» pacchetto di atti parlamentari: quattro iniziative, di cui tre elaborate, e una mozione. "Una serie di proposte – annota il partito – che da un lato intervengono sull’organizzazione scolastica e pedagogica: vanno in questa direzione le proposte di abolizione dei livelli, quelle relativa al sostegno pedagogico, alla diminuzione del numero di allievi per classe, alla diminuzione dell’onere di insegnamento in ore-lezione per i docenti. E che dall’altro agiscono sulle differenze di ordine sociale attraverso strumenti messi in campo dalla scuola stessa: vanno in questa direzione, ad esempio, le proposte relative al doposcuola, all’orientamento scolastico e professionale, all’accesso alle scuole post-obbligatorie". L’Mps non ha dubbi: il rendimento scolastico "è in gran parte legato alle condizioni sociali, economiche e culturali degli allievi".

I tre granconsiglieri del Movimento (Lepori, Simona Arigoni e Matteo Pronzini) auspicano allora un "forte" potenziamento del doposcuola. Propongono quindi di ancorare al relativo articolo della Legge sulla scuola media alcuni punti. Ovvero: nell’ambito del doposcuola "vengono organizzate attività di tipo scolastico (recupero, studio assistito ecc.) o ricreativo (artistico, sportivo ecc.)"; il servizio di doposcuola "è organizzato in tutte le sedi di scuola media, copre il tempo tra la fine delle lezioni e le ore 19, altre forme orarie possono essere pianificate"; le direzioni scolastiche, con la collaborazione dei docenti di classe e dei docenti di sostegno pedagogico, "informano dettagliatamente le famiglie sulla possibilità di fare capo a questo servizio"; ad "ogni" sede di scuola media "sono assegnate almeno due unità lavorative per l’attività del doposcuola"; le spese "sono interamente" a carico del Cantone. L’Mps chiede un potenziamento pure "dell’orientamento scolastico e professionale". Concretamente, propone che in ogni sede di scuola media sia istituito "un gruppo per la transizione scolastica e professionale (composto da direttore/trice, orientatori/trici professionali e docenti) con l’obiettivo di pianificare e realizzare un insieme di attività formative ed esperienziali, a partire dalla classe seconda, volte a favorire progressivamente lo sviluppo di capacità di scelta scolastica o professionale adeguata, ponderata e adeguata all’allievo". Il gruppo di lavoro "ricercherà attivamente la collaborazione dei genitori, delle scuole post-obbligatorie, delle associazioni padronali e sindacali". Per garantire "un trattamento il più individualizzato possibile, continuo e approfondito", ogni sede di scuola media "disporrà di almeno un/a orientatore/trice a tempo pieno per ogni 150 allievi o frazione di esso". Per inciso: con il decreto Morisoli sul contenimento della spesa del Cantone come la mettiamo? «La scuola è un investimento, non una spesa», taglia corto Lepori.

Fra i temi su cui l’Mps pone l’accento figurano altresì il numero di allievi per classe, che chiede di diminuire ulteriormente, e "l’onere lavorativo" dei docenti. Un onere lavorativo, afferma, "da tempo insostenibile", non solo per "l’aumento delle ore di insegnamento (aumentate di un’ora settimanale all’inizio degli anni Duemila)", ma anche per "una serie di compiti supplementari di ordine didattico e amministrativo". D’altronde, aggiunge il Movimento, l’incremento "dello stress e dei casi di burnout tra gli insegnanti non sono altro che indizi preoccupanti di questa situazione". «A beneficiare di una riduzione del numero di allievi per classe e delle ore-lezione è l’insegnamento, la sua qualità – evidenzia a sua volta Lepori –. Riteniamo che senza un miglioramento delle condizioni di lavoro dei docenti sia impossibile procedere a riforme adeguate della scuola media e del settore medio-superiore». Per tradurre in pratica i desiderata, Lepori, Pronzini e Arigoni chiedono che un comprensorio di scuola media abbia "un massimo" (la legge vigente parla di "un minimo") di 400 allievi e che le sezioni della scuola media non abbiano più di "18 allievi" (adesso 22). Propongono inoltre di modificare la Lord, la Legge sull’ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti, affinché "nelle scuole medie e post-obbligatorie, l’orario settimanale d’insegnamento a tempo pieno di ciascuna categoria di docenti" sia "di 20 ore lezione".

‘Un attestato di proscioglimento’

Come altre forze politiche, anche l’Mps sollecita l’abolizione dei livelli. "L’attuale organizzazione a livelli – scrive – non solo è fonte di discriminazioni (sostanzialmente derivanti dall’ordine sociale), ma si rivela anche inefficace dal punto di vista degli obiettivi che si presuppone. Pensiamo, ad esempio, alla assoluta incapacità di fungere da ‘filtro’ per il passaggio con successo alle scuole medie superiori. Il tasso di insuccesso (tra il 40 e il 50% nei primi due anni delle medie superiori) testimonia che le esigenze poste dall’insegnamento a livelli non sono per nulla una garanzia di una prosecuzione con successo degli studi". C’è di più. Il Movimento propone che al termine delle Medie venga consegnato all’allievo "unicamente un attestato di proscioglimento che gli conferisce il diritto ad accedere a qualsiasi percorso formativo successivo". Per l’Mps è "necessario lasciare la più ampia libertà agli allievi e alle famiglie di scegliere il percorso formativo successivo, abolendo condizioni di ammissione che, inevitabilmente, tendono a discriminare (quasi vi fossero attestati di ‘serie A’ e attestati di ‘serie B’) tra le licenze rilasciate alla fine della scuola media".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved