suter-i-prezzi-ai-ristoranti-saliranno-sara-un-forte-aumento
Ti-Press
Questa sera ci sarà l’assemblea annuale a Mendrisio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
12 min

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
28 min

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
43 min

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
1 ora

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
1 ora

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
2 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
2 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
2 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
2 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
3 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
laR
 
21.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:38

Suter: ‘I prezzi ai ristoranti saliranno. Sarà un forte aumento’

Per il direttore di GastroTicino l’adeguamento è necessario per bilanciare i maggiori costi. Preoccupa anche la mancanza di personale.

Rincari in vista anche nel mondo della ristorazione. Con l’inflazione che galoppa, spinta dal rincaro delle materie prime, anche in Ticino è da prevedere che per andare al ristornante bisognerà spendere un po’ di più di quanto si faceva in passato. Quanto? Difficile quantificarlo, «ma l’adeguamento sarà forte. Non certo nell’ordine di qualche decina di centesimi» spiega Massimo Suter, direttore di GastroTicino. «Il motivo è presto detto: questo aumento delle materie prime difficilmente potrà essere assorbito. È forte e bisognerà prendere delle contromisure anche per quanto riguarda i prezzi di vendita. Gli esercenti dovranno sicuramente essere vigili nella gestione dei loro costi». Alla questione legata al costo materie prime (e dell’energia) si aggiunge anche il rialzo di mezzo punto dei tassi d’interesse deciso settimana scorsa dalla Banca nazionale svizzera (Bns). «Il franco si è rafforzato e questo ci penalizza. Risulteremo essere più cari di quanto già non lo fossimo prima» sottolinea Suter. «Per questo, però, noi possiamo fare ben poco».

‘La pandemia ha cambiato la mentalità dei lavoratori’

Al centro dei temi che verranno discussi questa sera durante l’assemblea annuale di GastroTicino a Mendrisio c’è anche quello della mancanza di personale. Un problema che sta colpendo diversi settori economici in tutta Europa. «La ristorazione è forse la categoria più colpita ed è sicuramente quello dove la carenza di personale è più visibile. Basta andare al ristorante per accorgersene» sottolinea il direttore di GastroTicino. «Con la pandemia sono cambiati un po’ i paradigmi e i lavoratori ragionano in maniera diversa. Si dà maggiore peso alla vita privata e forse non si è più disposti a determinati sacrifici che prima si facevano». Per Suter le ragioni che sfavoriscono la ristorazione rispetto ad altri settori sono da trovare nella programmazione della giornata lavorativa: «Per certi versi siamo i meno attrattivi, con turni serali e un’intensa attività nel fine settimana. Lavoriamo quando la gran parte delle altre persone sono libere». L’intenzione, che è anche una necessità, è quindi quella di diventare maggiormente attrattivi per i lavoratori, specialmente i giovani. Un passo in questa direzione è l’aumento dei salari minimi nell’albergheria e nella ristorazione, previsti dal 2023 a livello nazionale. Gli stipendi aumenteranno, si legge in un comunicato pubblicato sul sito di GastroTicino, "in linea con il rincaro, previsto a settembre 2022, e in termini reali fino a 40 franchi al mese secondo il livello salariale".

‘Settimana lavorativa di quattro giorni? Un’idea’

Le "ricette" sul piatto, per un settore che già durante la pandemia ha dovuto sapersi adattare, sono però diverse. «Possiamo ad esempio rivedere le strategie aziendali, modificando magari gli orari di apertura o i turni» afferma di direttore di GastroTicino. Un altro tema, arrivato anche a palazzo delle Orsoline con una mozione firmata da Fabrizio Sirica (Ps) e Marco Noi (Verdi) che chiede di realizzarne uno studio, è quello della settimana lavorativa da quattro giorni. «Si potrebbe pensare di spalmare l’orario lavorativo su quattro giorni invece di cinque. Ma ci sarebbe poi bisogno di avere a disposizione più personale per coprire tutti i turni. È un po’ come il gatto che si morde la coda».

‘Scordiamoci un’estate come gli ultimi due anni’

Ma che stagione sarà quella che, complice il gran caldo, sta entrando già nel vivo? «Sicuramente non come quelle degli ultimi due anni. Dobbiamo renderci conto che quanto vissuto difficilmente lo ritroveremo nei prossimi mesi. Sono cambiate le condizioni quadro, la gente può viaggiare e vuole viaggiare. Dopo due anni di lago e montagna ci sta che qualcuno voglia andare a passare le vacanze al mare». A dimostrazione di questo, spiega Suter, ci sono i primi dati della stagione, «che sono normali, ovvero in linea con quelli pre pandemici». Come capire quindi se dalla pandemia si è riusciti a ottenere qualcosa di buono? «La sfida non era convincere il turista svizzero a trascorrere due settimane di vacanza in Ticino, quella era e resta pura utopia. L’obiettivo era far stare bene il cliente e convincerlo a tornare anche in futuro, per un fine settimana o una vacanza di qualche giorno».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gastroticino prezzi ristorazione suter
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved