ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
46 min

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
55 min

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
59 min

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
1 ora

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
1 ora

Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità

Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Bellinzonese
2 ore

Ad Arbedo-Castione 90 abitanti in più

Il dato della popolazione conferma la tendenza di una crescita costante
Luganese
2 ore

Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi

Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
2 ore

In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino

In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Bellinzonese
2 ore

Professioni tecniche: a Bodio tre giorni per scoprirle

Da giovedì 2 a sabato 4 febbraio il Campus formativo apre le proprie porte ai ragazzi di terza e quarta media e ai loro genitori
Bellinzonese
2 ore

Festival ticinese del film non commerciale: il concorso

Appuntamento il 26 marzo a Bellinzona: il termine per l’invio dei filmati scade mercoledì 15 febbraio
Luganese
3 ore

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
3 ore

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Ticino
3 ore

La Lega dei Ticinesi lancia la campagna elettorale con 4 feste

Si parte da Giubiasco per poi toccare Mendrisio, Quartino e Pregassona. Come consuetudine, alla parte politica è abbinato un pranzo conviviale offerto
Muralto
3 ore

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
14.06.2022 - 17:38
Aggiornamento: 18:33

Tra mascherine e alfabeto cirillico: ‘La scuola ha reagito’

Positivo il bilancio sull’anno scolastico tracciato dal Decs, che sottolinea: ‘Non chiudere gli istituti a gennaio è stata la scelta giusta’.

tra-mascherine-e-alfabeto-cirillico-la-scuola-ha-reagito
Ti-Press
Ci si rivede lunedì 29 agosto

Prima è stata la pandemia, che per il terzo anno consecutivo ha bussato alle porte delle aule scolastiche. Poi è arrivata la guerra in Ucraina, con la necessità di collocare centinaia di allievi nel giro di pochi giorni all’interno del sistema scolastico. «Possiamo dire che la scuola è andata oltre le crisi, ritrovando il suo ruolo quale punto di riferimento per tutta la società», ha affermato il direttore del Dipartimento educazione cultura e sport (Decs) Manuele Bertoli, tracciando il bilancio dell’anno scolastico che si concluderà domani. Un anno segnato dalla necessità di sapersi adattare in tempi rapidi a nuove circostanze e che, hanno affermato con un pizzico di orgoglio i vertici del Decs, «si è svolto completamente in presenza. La scelta di non chiudere le scuole durante i primi mesi del 2022 alla fine si è rivelata azzeccata».

‘Assenze sopra la media solo a inizio gennaio’

Il passaggio più difficile per quando riguarda la pandemia lo si è avuto durante i mesi invernali, quando ha preso piede in maniera prorompente la variante Omicron. «A inizio gennaio i tassi di assenza erano del 7-8% per via delle quarantene e degli isolamenti. Una situazione che ci ha spinto per un breve periodo anche a introdurre la mascherina obbligatoria per gli allievi delle scuole elementari», ha spiegato Bertoli. «Il resto dell’anno invece le assenze sono state in linea con i periodi normali, intorno al 3-5%. Speriamo che anche in futuro, nel caso di nuove ondate pandemiche, riusciremo a mantenere la scuola sempre in presenza».

‘Integrati oltre 640 allievi, e il lavoro va avanti’

Il secondo "picco" di stress per il Dipartimento è invece arrivato nel mese di marzo, quando la guerra in Ucraina ha spinto migliaia di famiglie a chiedere rifugio in Svizzera. «Finita una crisi ne è iniziata subito un’altra. Il nostro lavoro si è concentrato sul garantire una regolare integrazione scolastica, con prospettive a medio-lungo termine», ha detto Bertoli. Sono oltre 640 i ragazzi che hanno trovato posto tra i banchi delle aule ticinesi, e un’altra parte andrà invece introdotta con l’inizio dell’anno scolastico 2022-23. Alcune cifre: circa 110 frequentano la scuola dell’infanzia, 260 quella elementare, 170 la scuola media e 100 il post obbligatorio. «L’impegno continuerà anche durante l’estate – prosegue il direttore del Decs –. Con corsi intensivi d’italiano. Oltre 200 docenti si sono messi a disposizione e le iscrizioni superano le 400 unità». La conoscenza della lingua, hanno ribadito più volte le autorità nel corso degli ultimi mesi, è ritenuto un obiettivo da raggiungere il più presto possibile.

‘Monitorare e includere, non vogliamo perdere ragazzi per strada’

Novità dell’anno scolastico appena concluso è anche l’obbligo formativo per legge, che riguarda tutti i giovani residenti in Ticino. Non è l’equivalente dell’obbligo scolastico. Ma richiede a ogni giovane di avere un progetto formativo concreto davanti a sé. «La prima sfida è stata il monitoraggio. Capire cosa stanno facendo i giovani tra i 15 e i 18 anni», ha spiegato il coordinatore del Decs e direttore della divisione scuola Emanuele Berger. Sono un centinaio i casi davvero problematici «per i quali va costruita un’alternativa specifica». Un altro servizio lanciato lo scorso settembre è la consulenza in ambito scolastico per situazioni di possibili maltrattamenti o abusi sessuali su minori. «Si tratta di personale specializzato che affianca i docenti in caso di necessità per aiutare le vittime o potenziali vittime». Continua anche la progressione nella creazione di classi inclusive. «Attualmente ne abbiamo 36, e puntiamo ad arrivare fino a 50. Si tratta di un insegnamento condiviso che è sempre più richiesto, segno anche che la cultura sta cambiando». E per favorire il passaggio verso l’istruzione del futuro si punta sulla digitalizzazione degli istituti: «15 sedi verranno digitalizzate durante l’estate con lavagne interattive e wi-fi. 12 istituti hanno già subito questo intervento». I tutto prima della ripresa delle lezioni, che avverrà il 29 agosto.

Campagna di collocamento: inizio d’anno col botto

Può sorridere anche Paolo Colombo, direttore della Divisione della formazione professionale. I primi risultati del 2022 della campagna di collocamento registrano infatti 566 contratti sottoscritti, con un aumento del 21% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il dato è superiore anche a quello degli anni precedenti alla pandemia, «c’è soddisfazione, ma non bisogna abbassare la guardia. Siamo solo a un terzo della strada». I dati presentati mostrano infatti come ci siano ancora 889 posti ancora liberi. Il lavoro da fare, quindi, non manca.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved