ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
5 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
6 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
10 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
13 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
16 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
16 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
1 gior

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
09.06.2022 - 19:40
Aggiornamento: 19:58

Luci e ombre sull’inclusione di persone con disabilità

Per ‘inclusione andicap ticino’ il 2021 è stato un anno contraddistinto da ‘tanti riscontri mirati e concreti’, ma restano numerosi problemi da risolvere

luci-e-ombre-sull-inclusione-di-persone-con-disabilita
Ti-Press

È trascorso poco più di un anno da quando è stata posata la prima pietra di un progetto «che si prefigge l’ambizioso obiettivo di rendere universale il tema dell’accessibilità». Il riferimento fatto dal direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele de Rosa è al Centro di competenza "Design for all" inaugurato nel maggio del 2021 da inclusione andicap ticino presso la propria sede di Giubiasco. Partecipando alla presentazione del rapporto annuale dell’associazione, De Rosa ha fornito alcune cifre che «dimostrano che l’interesse suscitato dal progetto nelle diverse cerchie professionali e accademiche è rimarchevole»: 826 ore già effettuate, a fronte di un obiettivo di 800, mentre per il 2022 l’asticella è fissata a 1’400. Il direttore del Dss ha colto anche l’occasione per annunciare che all’interno del nuovo documento di Pianificazione del settore Lipsi, uno spazio sarà riservato alla Convezione Onu sul diritto delle persone con disabilità (Cdpd) ratificato dalla Svizzera nel 2014. A otto anni dalla sua entrata in vigore, l’Ufficio degli invalidi intende valutarne lo stato dell’implementazione a livello cantonale e «delineare le azioni che sarà necessario intraprendere in futuro per onorare tale impegno», ha detto De Rosa, ricordando tra le recenti azioni intraprese dalla politica il via libera in Gran Consiglio all’introduzione della lingua dei segni nella Costituzione cantonale.

Il direttore di inclusione andicap ticino Marzio Proietti ha dal canto suo illustrato come nonostante il 2021 sia stato «un anno particolare», l’associazione sia riuscita a dare «tanti riscontri mirati e concreti a molte persone con disabilità» attraverso i suoi settori di attività. Diverse le cifre presentate. Il Servizio barriere architettoniche, che lavora per migliorare l’accessibilità attraverso la realizzazione di spazi a misura di tutti, lo sorso anno ha seguito il 25% di casi in più relativi ad abitazioni private rispetto al 2020, mentre sono aumentate del 50% le richieste di consulenza specializzata da parte dei professionisti del settore edile. Numerose sono poi state le collaborazione con Cantone e Comuni, tra cui ad esempio quella con Bellinzona per rendere fruibile alle sedie a rotelle il percorso della Golena. Nell’ambito della Consulenza giuridica fornita nel campo delle assicurazioni sociali, sono state effettuate poco meno di 5’000 ore di consulenza per 906 persone, con un tasso di riuscita degli interventi del 79%. Nel settore Azienda, costituito da un’impresa sociale, lo scorso anno erano 42 le persone con disabilità occupate in un’ampia paletta di servizi, dalla gestione di cataloghi patriziali, all’allestimento di dichiarazioni fiscali, ai lavori di segretariato. Nel 2021 sono anche state avviate due nuove collaborazioni per la stampa di magliette con una startup ticinese e per la vendita di prodotti con un negozio locale. Quanto al settore Formazione, che prepara all’entrata o al rientro nel mercato del lavoro in modo da evitare o ridurre l’erogazione di rendite Ai, sono state 38 le persone seguite. Al capitolo Politica sociale e promozione culturale, si annoverano ad esempio nove giornate organizzate per formare autisti di trasporto pubblico, dipendenti dell’Amministrazione cantonale e bibliotecari, allo scopo di sensibilizzarli a un comportamento adeguato di fronte alle persone con disabilità. Proficua pure la raccolta fondi grazie a progetti come il Festival Orme giunto alla sua sesta edizione, al Calendario, nonché al sostegno di diversi privati. Guardando a futuro, quello alle porte sarà l’anno del 50esimo dell’associazione: «Stiamo lavorando per sottolineare al meglio questo anniversario», ha preannunciato Proietti, mettendo in luce come dalla fondazione di inclusione andicap ticino «molto è stato fatto da istituzioni e privati, ma ancora molto resta da fare». Dello stesso avviso il presidente Sergio Mencarelli: «Ritengo che la vita delle persone con disabilità possa essere ancora notevolmente migliorata, l’obiettivo finale non è quindi ancora stato raggiunto. Siamo pertanto attivi per risolvere le numerose problematiche che le persone con andicap devono ancora affrontare».

Il poco incoraggiante "rapporto ombra" di Inclusion Handicap

Che la strada da percorrere per una società realmente inclusiva sia ancora lunga lo dimostra il "rapporto ombra" di Inclusion Handicap, l’associazione mantello delle organizzazioni svizzere di aiuto ai disabili, redatto per coadiuvare il Comitato delle Nazioni Unite a esaminare per la prima volta l’attuazione della Cdpd. Tra i vari aspetti, nel documento si legge che "il sistema giuridico svizzero si basa ancora su una concezione medica orientata ai deficit della disabilità, come si evince dalla terminologia" (ad esempio "assegno per grandi invalidi"), e di conseguenza "il tema della disabilità è trattato soprattutto dal punto di vista della politica sociale e assistenziale". Il rapporto deplora anche il fatto che "non esiste un piano nazionale per l’accessibilità a tutti i livelli federali". E anche che, nel sistema di curatele, "nell’ambito dell’accertamento delle capacità di discernimento non si considera se una persona, con un eventuale supporto, sarebbe in grado di agire ragionevolmente". A ciò si aggiunge "un comportamento paternalistico in materia di vigilanza e di gestione: nell’adempimento dei loro compiti, le curatrici e i curatori devono agire nell’interesse della persona assistita, ma devono tener conto soltanto ‘per quanto possibile’ delle sue opinioni". Non esiste poi "una strategia di deistituzionalizzazione per consentire maggior libertà di scelta" rispetto alle soluzioni abitative. E la lista di criticità segnalate da Inclusion Handicap è ancora lunga, passando dal mercato del lavoro alla formazione, dall’accesso alla giustizia alla protezione contro le discriminazioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved