ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
7 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
8 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
11 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
14 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
18 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
18 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
01.05.2022 - 13:54
Aggiornamento: 16:06

‘Per salari che permettano di vivere, non solo sopravvivere’

Un migliaio in piazza a Bellinzona per il Primo maggio, dove si parla anche di Ucraina. Gargantini: ‘Una lotta che si declina in molti ambiti’

per-salari-che-permettano-di-vivere-non-solo-sopravvivere
Ti-Press
Il corteo lungo Viale Stazione

Circa un migliaio le persone che si sono date appuntamento quest’oggi a Bellinzona per il tradizionale corteo del Primo maggio, ma in un clima «anomalo» segnato dal ritorno della guerra in Europa, ha sottolineato il presidente dell’Unione Sindacale Svizzera (Uss) Ticino e Moesa Renato Minoli, aprendo la carrellata di interventi dal palco di piazza Governo. Dove, ovviamente, l’accento è stato messo sul tema del lavoro e della sua dignità.

Non sono però mancate parole di ferma condanna per l’invasione dell’Ucraina, i cui colori hanno punteggiato il consueto trionfo di bandiere rosse. E in effetti, prima ancora dei discorsi scanditi in piazza Governo, è stato toccante il canto dell’inno nazionale da parte di un drappello di ucraini: «Non è ancora morta l’Ucraina», hanno intonato dalla scalinata della Collegiata.

In piazza Governo, il primo a prendere la parola, come detto, è stato il presidente dell’Uss Renato Minoli, il quale, spiegando il senso dello slogan scelto, ha ricordato come la pace sia «una condizione indispensabile per una vita dignitosa, un lavoro dignitoso, un salario dignitoso», come il mancato rispetto della dignità delle persone sia pregiudizievole per i diritti sociali per la democrazia e quanto sia centrale per il movimento sindacale la solidarietà internazionale tra lavoratrici e lavoratori: oggi è «più che mai importante che non si perda questo sentimento», ha ricordato Minoli, rivolgendo tra l’altro un pensiero «anche alle lavoratrici e ai lavoratori russi che vivono sotto una pesante dittatura».

Icilio Polidoro, infermiere e membro di comitato del sindacato Vpod Ticino, ha invece voluto ricordare la necessità di «maggiori investimenti per migliorare il settore sociosanitario ticinese», sempre in attesa di risposte dopo aver «operato in condizioni molto difficili durante la pandemia». Investimenti necessari anche per la scuola, altro ambito centrale del servizio pubblico, che il decreto legislativo per il contenimento della spesa (il cosiddetto "decreto Morisoli") in votazione il prossimo 15 maggio minaccia pesantemente, ha ricordato Polidoro invitando a votare no ai tagli e a un risanamento finanziario che va a scapito della maggioranza della popolazione.

«Oggi come oggi, la priorità in Svizzera e nel Ticino è quella dei salari – sottolinea invece Giangiorgio Gargantini, segretario di Unia Ticino –. Salari che permettano di vivere degnamente, e al tempo stesso di disporre di un potere d’acquisto necessario alle famiglie per poter vivere anziché limitarsi a sopravvivere. È una lotta che si declina in molteplici ambiti. Oggi, in particolare, con la lotta a difesa delle pensioni, che rappresentano il vero e proprio salario una volta terminata la carriera lavorativa, e con quella a difesa dei vari contratti collettivi: durante il corteo si sono espressi rappresentanti del settore dei trasporti, dell’edilizia e del delivery, categorie tutte e tre in lotta proprio in questi giorni per le loro condizioni di lavoro».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved