si-crei-un-fondo-per-apprendisti-in-difficolta-e-in-emergenza
Ti-Press
‘Una proposta da rendere concreta quanto prima’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
26 min

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
29 min

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni ticinesi in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘La polizia di prossimità ha un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
51 min

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
1 ora

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
1 ora

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
1 ora

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
1 ora

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
1 ora

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
Ticino
2 ore

Como, il neosindaco: salto di qualità dell’elettorato

Le prime dichiarazioni di Alessandro Rapinese dopo la sua elezione a primo cittadino. Quando scrisse di multe non pagate e di ‘precisetti elvetici’
Bellinzonese
2 ore

A fine agosto la quinta edizione del Greina Trail

Oltre alle consuetudinarie competizioni, da quest’anno in calendario anche il percorso ‘Walking’ e il ‘Kids Trail’
Luganese
2 ore

Passaggio di consegne al Lions Club di Lugano

In occasione dell’annuale cerimonia di fine anno l’uscente Luca Maria Gambardella ha ceduto il testimone al neopresidente Paolo Lamberti
Grigioni
2 ore

Monica Piffaretti presenta ‘La memoria delle ciliegie’

Il prossimo 5 luglio alle 19 in quel di Verdabbio l’autrice illustrerà la nuova indagine della detective Delia Fischer
Ticino
2 ore

Commesse pubbliche, progetto pilota sulla parità salariale

Al via venerdì 1° luglio, saranno selezionate per i controlli almeno cinque aziende che impiegano oltre 100 lavoratrici e lavoratori
Mendrisiotto
2 ore

Da Mendrisio un contributo straordinario per le società

Il Municipio mette a disposizione un fondo di 100mila franchi, accantonati dall’anno scorso, per il rilancio di attività culturali e di svago
laR
 
26.03.2022 - 05:30

‘Si crei un fondo per apprendisti in difficoltà e in emergenza’

A chiederlo con una mozione sono i Ppd Ermotti-Lepori e Fonio: ‘Non si tratta di grandi cifre, ma di forte empatia verso i giovani in formazione’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Creare un fondo per aiutare gli apprendisti con comprovate difficoltà finanziarie e in situazione di emergenza. È quanto chiedono con una mozione inoltrata al Consiglio di Stato i deputati del Ppd Maddalena Ermotti-Lepori e Giorgio Fonio, i quali partono da tre pilastri.

Il primo è che "le autorità cantonali, con la recente modifica della Legge della scuola per estendere l’obbligo formativo fino al compimento dei 18 anni, hanno chiaramente dichiarato l’intento di aiutare i giovani a ottenere un diploma e di ridurre i casi di abbandono scolastico". Il secondo dato di partenza di Ermotti-Lepori e Fonio è che la situazione di difficoltà di alcuni apprendisti "è ormai nota da tempo sia alla Divisione della formazione professionale sia al Dipartimento educazione, cultura e sport" mentre uno sprazzo di fiducia sull’iter di questa mozione per i due granconsiglieri popolari democratici consiste nel fatto che "il capo dipartimento (Manuele Bertoli, ndr) ha già espresso, a suo tempo, un parere favorevole in relazione alla creazione di un fondo con queste finalità".

‘Da rendere concreto quanto prima’

Questa possibilità, vale a dire l’istituzione di questo credito, deve "essere resa concreta quanto prima – scrivono Ermotti-Lepori e Fonio –, in modo che le sedi scolastiche del settore professionale possano far fronte con tempismo alle richieste di aiuto da parte degli studenti in difficoltà".

Finora sono ‘diversi insegnanti’ ad aiutare

Anche perché la situazione non è sempre rosea. "Da tempo nell’ambito della formazione professionale – si legge nel testo della mozione – diversi insegnanti aiutano, attingendo a risorse personali, apprendisti che si trovano in difficoltà finanziarie a causa di situazioni impreviste o dovute al deterioramento repentino di una situazione già precaria". Si tratta "di aiuti necessari nell’immediato, nell’attesa che la situazione si assesti e/o che i vari organi di sostegno presenti sul territorio si attivino, e che coprano piccole spese di vario tipo: acquisto di libri e altro materiale scolastico, tassa scolastica, biglietto del treno per andare a scuola e tornare a casa, pranzo in mensa e altro ancora". Aiuti che, sottolineano Ermotti-Lepori e Fonio "sono mirati per situazioni transitorie dovute all’allontanamento dalle famiglie, la morte di un genitore, ricorsi contro l’Ufficio della migrazione, eccetera".

Con la volontà di non perdere nessun giovane per strada

Gesti solidali da non dare per scontati, che "hanno alla base la relazione umana di prossimità tra allievi e docenti, nonché la volontà di non perdere nessuno per strada; la stessa volontà che negli ultimi anni anche la politica ha voluto sottolineare con l’estensione dell’obbligo formativo fino al compimento dei 18 anni".

Complessivamente, si continua a leggere nel testo, "non si tratta di grandi cifre". Ma per gli apprendisti che si trovano a dover fronteggiare una situazione emergenziale e improvvisa "questi aiuti immediati e di forte impatto empatico significano spesso la possibilità di poter continuare l’apprendistato o comunque di poterlo fare con maggior serenità e in ogni caso di sentirsi un po’ meno soli".

Da un Istituto è già arrivata una richiesta

Il tema è noto ai vertici del Decs, si diceva. I due deputati popolari democratici infatti affermano: "Ci è stato riportato che, circa un anno fa, alcuni docenti di un Istituto scolastico del settore professionale abbiano fatto richiesta esplicita alla Divisione della formazione professionale e, tramite questa, al Dipartimento educazione, cultura e sport per la creazione di un fondo dal quale le sedi scolastiche possano attingere in caso di comprovate difficoltà finanziarie dei propri studenti". Ebbene, "a distanza di un anno, nonostante i solleciti tramite la direzione dell’Istituto scolastico, poche o nulle sono state le comunicazioni e soprattutto non è stato creato alcun fondo". Quindi, con questa mozione, il Ppd prova ad accelerare l’iter facendo arrivare, materialmente, il dossier sul tavolo del Consiglio di Stato.

Cosa è l’obbligo formativo

Proposto con un messaggio governativo il 7 gennaio 2020 e approvato dal Gran Consiglio il 27 maggio dello stesso anno, l’obbligo formativo fino a 18 anni fa parte di una delle sei misure che hanno composto il pacchetto ‘Obiettivo 95%’, attraverso il quale si vuole aumentare il numero di giovani con un titolo secondario II entro i 25 anni. L’obbligo formativo, è stato rimarcato più volte da Bertoli, non è da confondersi con l’obbligo scolastico. Che non cambia. Semmai, per usare le parole del Decs, "è un sostanziale divieto di non formarsi fino al raggiungimento della maggiore età".

Leggi anche:

Scuola, ‘sfuggono ai nostri radar 300 giovani all’anno’

Ticinesi 'obbligati a formarsi fino a 18 anni’

L'obbligo formativo fino ai 18 anni è legge

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
apprendisti giorgio fonio maddalena ermotti-lepori ppd
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved