ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
laR
 
05.01.2022 - 14:08
Aggiornamento: 06.01.2022 - 15:53

Il Conservatorio al Decs: ‘Siamo una scuola, non tempo libero’

Dopo la decisione di applicare il 2G per gli iscritti a Smus e Pre-College, la reazione: Decisione illogica e irrispettosa, è una formazione riconosciuta

il-conservatorio-al-decs-siamo-una-scuola-non-tempo-libero
Ti-Press

Sono per una volta dolenti le note che escono dal Conservatorio della Svizzera italiana, e piuttosto polemiche. Oggetto del contendere, le nuove misure anti Covid adottate dal Dipartimento educazione, cultura e sport nei confronti della Scuola di musica (Smus) e del Pre-College (Pre).

Per il Decs sono ‘attività culturali’

In una lettera di tre pagine inviate a tutti gli studenti e alle loro famiglie, il Conservatorio stigmatizza - per usare un eufemismo - “il completo cambio di rotta del Decs che ha portato a fitte discussioni sullo statuto della Smus e del Pre". Fino allo scorso mese di dicembre, “le decisioni governative relative alle misure anti Covid per le scuole sono state estese anche alla Smus e al Pre” ricorda la direzione del Conservatorio nel testo. Gli ultimi giorni del 2021 invece hanno portato a un cambiamento che ha fatto inalberare gli scriventi: "Il Decs ha comunicato che considera la Smus e il Pre ‘attività culturali’, ossia da ’tempo libero’, fatto che fa scattare le relative disposizioni federali, segnatamente il 2G, per tutti gli allievi a partire dai 16 anni”.

Un’interpretazione, questa, “che si scosta dalla prassi di molti altri Cantoni, che considerano le scuole di musica parte del sistema educativo-scolastico, in sintonia con la presa di posizione del Verband Musikschulen Schweiz, condivisa e difesa da anni anche dal Conservatorio della Svizzera italiana”.

‘Il Pre-College prepara a esami presso Scuole universitarie di musica’

Unica concessione che arriva da Lugano è il fatto che per quanto riguarda la Smus “questa interpretazione è difendibile a livello legale, in quanto il finanziamento della Scuola avviene sulla base della Legge sulla cultura". Ma per quanto riguarda il Pre-College per il Conservatorio proprio non ci siamo. Nel senso che "per il Pre consideriamo la decisione arbitraria, illogica e irrispettosa nei confronti delle nostre studentesse e dei nostri studenti”. Il Pre-College, annota la direzione, "è finanziato, dal 1999, dalla Divisione della formazione professionale, poiché propedeutico a uno studio universitario: è in effetti l’unica formazione che prepara a un esame d’ammissione presso una Scuola universitaria di musica. Non passa perciò dai conti della cultura e del ‘tempo libero’.

Si tratta, insomma, “di una formazione riconosciuta. Si è sottoposto, con successo, a varie procedure di valutazione esterna". Studiare al Pre, si legge ancora nella lettera inviata a iscritti e famiglie, "richiede impegno, passione e tante ore di lavoro: parliamo di 50-60 ore di studio la settimana, liceo incluso. È ormai un passo indispensabile per poter accedere a una Scuola universitaria di musica che, come il Pre, lavora con esami d’ammissione e un numero chiuso”.

‘Equivale a un obbligo vaccinale, con ripercussioni anche sui vaccinati’

Insomma, la decisione di aggregare il Pre-College, cioè “una scuola ormai rinomata a livello nazionale e internazionale” al settore del tempo libero che sottostà all’obbligo del 2G (e 2G+ per attività senza mascherina) “equivale a un obbligo vaccinale per una categoria di persone (gli adolescenti) già duramente colpita dalla pandemia, pur non essendo una categoria a rischio o a rischio per terzi. Siamo ben consapevoli che per alcuni studenti, che non potranno assistere alle lezioni in presenza, la preparazione degli esami di maturità, o di un esame d’ammissione a una Scuola universitaria di musica, sarà alquanto difficile. La decisione avrà però un impatto anche su chi è vaccinato, per le attività collettive in forse e che potrebbero essere soppresse, e perché per tanti giovani il Pre è una rete sociale fondamentale, se non quella principale, fuori dalla famiglia”.

Il timore del Conservatorio, però, è anche rivolto al futuro: “Siamo coscienti del fatto che un ulteriore irrigidimento delle misure potrebbe toccare proprio le attività da ‘tempo libero’, obbligandoci a offrire tutta l’attività della Smus e del Pre in modalità a distanza. Siamo molto dispiaciuti di questa decisione del Decs: altri cantoni decidono diversamente. Stiamo esercitando tutto quanto in nostro potere per cercare di sottolineare l’illogicità di questa decisione dipartimentale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved