psichiatria-sempre-piu-vicina-la-struttura-per-minorenni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
1 ora

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
1 ora

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
2 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
2 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
2 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
3 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
4 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
4 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
5 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
6 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
6 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
6 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
8 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
14 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
14 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
14.12.2021 - 05:30
Aggiornamento : 16:25

Psichiatria, sempre più vicina la struttura per minorenni

L’Unità di cura integrata potrebbe aver sede nel Bellinzonese. Il Dss: fra stazionario e ambulatoriale è prevista una ventina di posti

Potrebbe trovare sede nel Bellinzonese l‘Unità di cura integrata per minorenni, struttura pubblica specializzata nella presa a carico di giovani con seri problemi di natura psichiatrica. Il progetto è da tempo sul tavolo del Dipartimento sanità e socialità e nelle intenzioni del Dss verrà inserito nell’attesa Pianificazione sociopsichiatrica cantonale. Un progetto di cui oggi è possibile fornire alcuni ulteriori dettagli. Fra questi, il numero di posti nella struttura. «Sono previsti dieci posti letto per giovani adolescenti che necessitano di un ricovero ospedaliero a causa della loro malattia - spiega, contattato dalla ’Regione’, il Dipartimento -. Il progetto però non si limita a proporre solo delle prestazioni stazionarie, ma vuole integrarle con un’offerta di ospedalizzazione a domicilio (cinque posti in ’home treatment’) e con un ospedale di giorno dotato di cinque posti (’day hospital’). Quindi complessivamente - tra stazionario e ambulatoriale - i posti che si profilano sono una ventina».

La nuova struttura psichiatrica destinata a pazienti minorenni, indica ancora il Dss, «permetterà di rispondere alle necessità di questa fascia d’età, per la quale attualmente il ricovero è possibile soltanto nelle cliniche psichiatriche per adulti - che però non sono specializzate per questa casistica né dovrebbero accogliere contemporaneamente anche minorenni - oppure nel mini reparto di pedopsichiatria dell’Ospedale Civico di Lugano». Un piccolo reparto, cinque i posti letto al quattordicesimo piano del nosocomio sottocenerino, aperto da circa un anno. Scriveva al riguardo il Consiglio di Stato in un comunicato stampa diffuso il 16 dicembre 2020: “Il progetto nasce da nuove modalità di collaborazione fra l’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale e l’Istituto pediatrico della Svizzera italiana e si propone come offerta stazionaria per bambini e adolescenti fino ai 16 anni con problematiche psicologiche e psichiatriche”. Il piccolo reparto di pedopsichiatria, precisava il governo, “è da intendersi come una soluzione transitoria e parziale, in attesa che la prossima Pianificazione sociopsichiatrica cantonale definisca un più ampio progetto di Unità di cura integrata per minorenni”.

‘La nuova Pianificazione presto in governo’

E il progetto di Unità di cura integrata, assicura il Dipartimento sanità socialità, «verrà inserito nella Pianificazione sociopsichiatrica, che intendiamo portare all’attenzione del Consiglio di Stato all’inizio del prossimo anno e che dovrà poi essere sottoposta al Gran Consiglio». I progetti della Pianificazione sociopsichiatrica e i relativi impegni finanziari, prosegue il Dss, «sono esclusi dalla tendenza del piano finanziario, ma sono comunque preannunciati anche nel Preventivo 2022». Sul quale il governo ha già varato il messaggio, che è ancora sui banchi della commissione parlamentare della Gestione (sui conti cantonali il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà a gennaio). Stando al Preventivo, «le unità di personale» contemplate per la nuova struttura psichiatrica «sono 27,8». Per le quali, continua il Dss, «è prevista una spesa annua lorda di 3,9 milioni di franchi, con entrate per 1,23 milioni e un onere netto quindi di 2,67 milioni».

‘L’auspicio è che possa essere operativa tra un paio d’anni’

Quanto all’ubicazione dell’Unità di cura integrata per minorenni, il Dipartimento diretto da Raffaele De Rosa sta valutando una soluzione d’intesa con la Sezione della logistica: «Gli sforzi sono concentrati per individuare degli spazi nel Bellinzonese e ciò per inserire al meglio questa Unità nella rete dei servizi già presenti sul territorio, con la garanzia della prossimità a un ospedale somatico acuto», ovvero il San Giovanni. L’entrata in funzione? «Dopo l’approvazione della Pianificazione sociopsichiatrica, occorrerà consolidare la soluzione logistica: il nostro auspicio - annota il Dss - è che la struttura possa essere operativa nel giro di due anni». C’è comunque una certa urgenza, anche perché «il mini reparto al Civico, attualmente l’unico reparto di degenza in Ticino destinato esclusivamente a minorenni con problematiche di tipo psichiatrico, è una struttura prettamente ospedaliera che in quanto tale - ricorda il Dss - non permette una presa a carico adeguata, che dovrebbe avere spazi anche per attività e occupazioni, tanto più se si considera che la Pediatria al Civico è situata al quattordicesimo piano dell’ospedale. Purtroppo diversi minorenni devono essere collocati anche in cliniche per adulti». Un argomento, quello del collocamento nelle cliniche, sollevato pure da un’interrogazione depositata nel settembre 2020, e ancora pendente, dai deputati socialisti Sirica, Biscossa, Buri, Corti e La Mantia. Ponendo alcune domande al Consiglio di Stato sul tema “Minorenni e psichiatria”, i cinque granconsiglieri rilevano fra l’altro che "nonostante l’ottimo lavoro di medici e infermieri, così come di tutti i professionisti delle reti sociali di questi utenti, le cliniche non sono i luoghi adeguati per accogliere l’utenza minorenne, che dovrebbe invece essere ospitata in un luogo idoneo e con competenze professionali specifiche”.

La missione della nuova unità psichiatrica non è da confondere con quella del centro educativo chiuso previsto ad Arbedo-Castione, destinato, puntualizza il Dipartimento, «a un’altra casistica e tipologia di presa a carico». Quest’ultimo dossier, derivante dall’iniziativa popolare ‘Le pacche sulle spalle non bastano!’ lanciata dai Giovani liberali radicali e da anni nell’agenda della politica, è sotto la lente della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dipartimento dss pianificazione psichiatria sociopsichiatrica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved