microbiologia-istituto-fondamentale-per-la-lotta-al-covid
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 min

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
50 min

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
1 ora

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
1 ora

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
2 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
3 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
3 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
3 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
4 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
4 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
09.12.2021 - 18:49
Aggiornamento: 19:57

Microbiologia: ‘Istituto fondamentale per la lotta al Covid’

Il Cantone vuole rinnovare la convenzione con la Supsi. Il messaggio prevede un contributo annuo di 1,36 milioni di franchi

«Tutti gli obiettivi sono stati raggiunti, in particolare la crescita quantitativa e qualitativa che permette ora di disporre in Ticino di un centro di competenza riconosciuto». Si esprime così il direttore del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa in merito alla delega alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) di vari compiti pubblici nell’ambito della microbiologia applicata. Soddisfatto della collaborazione degli ultimi sette anni, il Consiglio di Stato ha approvato il rinnovo della convenzione per i prossimi tre anni. Il messaggio, che attende la convalida da parte del Gran Consiglio, prevede lo stanziamento di un contributo globale annuo di 1,36 milioni di franchi.

«Avere in Ticino una struttura dedicata, con competenze elevate, e inserita in una rete di ricerca e formazione di valore nazionale e internazionale genera notevole valore aggiunto e ulteriori possibilità di sviluppo», afferma De Rosa che ricorda il ruolo dell’Istituto di microbiologia durante la pandemia: «È stato possibile sviluppare in tempi rapidi nuove prestazioni e capacità necessarie per contrastare il coronavirus». Quali? «La prima è l’analisi delle acque reflue, progetto a livello nazionale che permette di avere un indicatore empirico – che magari sfugge alle analisi dei test – il quale consente di capire il volume di virus che circola», illustra il direttore del Dss. «La seconda riguarda il Servizio di microbiologia Eolab dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc), che ha sviluppato le prerogative per far sì che il laboratorio sia ora riconosciuto a livello nazionale per effettuare le analisi dei test Covid. Inizialmente bisognava mandare i campioni a Ginevra e passavano parecchie ore dal responso. Pensiamo poi all’adeguamento per le nuove varianti, quindi avere le competenze certificate e i protocolli che permettono d’identificare le mutazioni che sono arrivate man mano». Un altro ambito è quello «dell’identificazione del Covid sulle superfici che vengono toccate, come quelle dei mezzi pubblici», ricorda Silvio Seno, direttore del Dipartimento ambiente costruzioni e design della Supsi, in cui è annesso l’Istituto di microbiologia.

Tornando ad aspetti più istituzionali, per quale motivo la proposta di rinnovo della convenzione è di soli tre anni? «Deriva dalla volontà di allineare a fine 2024 la scadenza delle convenzioni stipulate con la Supsi dal Dipartimento educazione cultura e sport (Decs) e dal Dipartimento del territorio (Dt)», spiega De Rosa. Per l’ambito della microbiologia applicata «la fase triennale andrà a consolidarsi e concludersi con l’integrazione anche di queste prestazioni e di questi compiti direttamente nel mandato generale che il Cantone affida alle proprie istituzioni universitarie», aggiunge Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute pubblica del Dss.

Per quanto riguarda il finanziamento all’Istituto di microbiologia della Supsi, l’unica differenza è presente nel settore della ricerca: «Questa parte di attività è in grado quasi di autofinanziarsi a seguito dell’evoluzione del numero di mandati ricevuti da terzi che ha ormai raggiunto il 40 per cento dell’attività», espone il direttore del Dss. «Questo mette in evidenza le competenze che si sono sviluppate in questi anni».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus istituto microbiologia paolo bianchi raffaele de rosa silvio seno supsi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved