anche-al-ticino-serve-una-strategia-climatica
Ti-Press
I giovani chiedono da tempo misure concrete
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
2 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
4 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
4 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
15 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
15 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
15 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
15 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
16 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
17 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
17 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
17 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
17 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
laR
 
04.12.2021 - 05:30

‘Anche al Ticino serve una strategia climatica’

Lo chiede una mozione socialista, primo firmatario Ivo Durisch, che ricalca quanto fatto dai Grigioni e dal Cantone di Berna

Una strategia climatica simile a quella del Cantone dei Grigioni anche in Ticino entro la primavera del 2022. È quanto chiede una mozione presentata da Ivo Durisch per conto del gruppo socialista nell’ambito della strategia di rilancio definita dal Partito socialista. Anche il Ppd, una settimana fa, aveva presentato un’iniziativa per inserire la protezione del clima nella Costituzione ticinese

“Parlamento e governo grigionesi si sono mossi velocemente per quanto riguarda l’adozione di una strategia climatica con l’obiettivo di avere un ‘saldo netto delle emissioni di gas serra pari a zero’ entro il 2050”. Agire a livello locale comunque non è solo un’azione declamatoria, ha effetti concreti sul territorio. “Investendo nelle energie rinnovabili, nella protezione dell’ambiente e nella transizione energetica si creano nuovi posti di lavoro e si diventa attrattivi sia per l’industria, che per le famiglie”, ricorda ancora Durisch. Recentemente, oltre ai Grigioni, anche il Cantone di Berna ha adottato un piano climatico. Ora, per il capogruppo socialista in Gran Consiglio, tocca anche al Ticino. “È responsabilità di tutti i governi dare il proprio contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici. È un fenomeno che sta investendo in maniera repentina tutto il globo e che ha visto molte discussioni e piani di intervento sia a livello internazionale, che a livello nazionale, purtroppo con risultati ancora insufficienti”. “Bisogna essere coscienti di questo anche a livello locale, perché se non lo facciamo noi, nessuno lo farà per noi”, si legge ancora nella mozione. “Abbiamo avuto per anni un’economia a rimorchio, durante la pandemia siamo andati a rimorchio delle misure a tutela dell’economia e del mercato del lavoro messe in atto dalla Confederazione, non possiamo e non dobbiamo andare a rimorchio anche nella lotta contro i cambiamenti climatici”. “È ora di abbandonare la cultura del ‘ci penseranno’ gli altri”.

Negli ultimi anni si è investito molto sia nel trasporto pubblico, sia nel piano di risanamento degli edifici ed è stato anche adottato un documento sulla Politica energetica cantonale (Pec). Quest’ultimo, come annunciato dal consigliere di Stato Christian Vitta (cfr. laRegione del 2.12.2021), è in fase di aggiornamento e prenderà il nome di Piano energetico e climatico cantonale. “Nonostante questo, non abbiamo una vera strategia cantonale, che misuri il livello delle emissioni dei gas fossili e che si ponga degli obiettivi quantitativi e temporali, così come non abbiamo una vera politica per quanto riguarda la transizione energetica”, continua Durisch. Anche l’Azienda elettrica ticinese (Aet) – e le altre imprese attive nella distribuzione – dovrebbe adeguarsi all’indirizzo del Cantone per quanto riguarda, per esempio, l’energia fotovoltaica. “Per questo chiediamo che il Pec venga aggiornato periodicamente e gli obiettivi monitorati annualmente”, afferma il capogruppo Ps.

Nella mozione si cita anche Bruno Giussani, curatore internazionale di Ted e originario di Faido, che invita a leggere la sesta valutazione dell’Ipcc, il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico dell’Onu, per prendere coscienza di quello che sta capitando. “Sono solo 39 pagine: probabilmente le 39 più importanti scritte nei tempi moderni”.

Coira investirà 1,7 miliardi in 30 anni

Il Cantone dei Grigioni per elaborare il suo piano si è avvalso anche di una consulenza esterna. La strategia è ad ampio raggio e va dall’accelerazione dell’utilizzo delle energie rinnovabili, alla promozione e potenziamento del trasporto pubblico, passando per l’efficienza energetica. Anche la riduzione della produzione di gas serra nei processi aziendali è uno dei punti del piano, come pure la promozione della produzione di energia rinnovabile (pure privata). Previsto, tra le altre cose, anche un supporto per start-up innovative e rispettose del clima e il potenziamento della politica di protezione dai rischi naturali.

L’investimento totale nell’arco di 30 anni è di 1,7 miliardi di franchi che le autorità grigionesi contano di sostenere agendo su tre assi: indebitamento, contributi federali e aumento del moltiplicatore cantonale d’imposta.

Leggi anche:

‘Inserire la protezione del clima nella Costituzione cantonale’

I blackout elettrici non sono solo un’ipotesi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ivo durisch mozione strategia climatica ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved