NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
3
FLO Panthers
1
2. tempo
(0-1 : 3-0)
VAN Canucks
0
STL Blues
0
1. tempo
(0-0)
molestie-al-dss-l-audit-passera-dal-voto-in-gran-consiglio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
9 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
9 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
9 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
9 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
9 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
9 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
9 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
10 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
30.11.2021 - 17:570
Aggiornamento : 20:43

Molestie al Dss, l’audit passerà dal voto in Gran Consiglio

La Sottocommissione della gestione suggerisce di conferire ‘il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare’: serve un decreto legislativo

a cura de laRegione

Un audit potenziato che richiederà un decreto legislativo, dunque l’approvazione da parte della maggioranza del Gran Consiglio. Una soluzione ritenuta necessaria per conferire a chi lo svolgerà poteri d’inchiesta adeguati al compito: capire se qualcuno, all’interno del Dipartimento della sanità e della socialità, abbia ‘coperto’ il funzionario poi condannato in via definitiva per coazione sessuale e violenza carnale. Questa la proposta che la sottocommissione incaricata sottoporrà prossimamente alla Commissione della gestione, prima dell’eventuale passaggio dal plenum del legislativo cantonale.

«La sottocommissione ha concluso il lavoro di stesura e correzione del mandato tenendo conto di tutti gli input giunti dai vari membri», ci spiega il suo coordinatore Michele Guerra (Lega dei Ticinesi): «Inoltre abbiamo deciso di conferire a questo audit un potere accresciuto: chi lo svolgerà avrà il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare, cosa che un audit normale non avrebbe permesso. Il tema verrà finalizzato martedì prossimo e sarà successivamente presentato alla Commissione della gestione. A quel punto sarà la commissione a decidere».

La formula dell’audit risulta dunque preferita, come da previsioni, all’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta. Se la Gestione dovesse dare il suo via libera occorrerebbe comunque chiedere al plenum dei granconsiglieri l’approvazione di un apposito decreto legislativo, in modo che i commissari incaricati possano disporre della base legale per intimare comparizioni e testimonianze, oltre che per garantire i diritti delle persone sentite (incluso, in ultima istanza, quello di non rispondere). Lo scopo è capire cosa potrebbe essere andato storto e individuare correttivi per il futuro. Per garantire la piena indipendenza dei commissari incaricati di appurare eventuali responsabilità e negligenze, costoro verranno con ogni probabilità scelti oltre Gottardo.

La decisione di procedere con un’inchiesta in sede politica anche dopo le sentenze giudiziarie, lo ricordiamo, nasce per una serie di molestie – l’ultimo caso nel 2004 ai danni di una stagista – commesse da un funzionario attivo nelle politiche giovanili del Cantone. Vittime furono più ragazze, all’epoca anche minorenni. Il sospetto, sollevato da diversi partiti, è che i superiori del condannato sapessero e abbiano in qualche modo tollerato o nascosto il suo comportamento, senza difendere a sufficienza le vittime né incoraggiarle a rivolgersi alla giustizia.

A sollecitare lo svolgimento di un audit è stato in particolare il presidente e granconsigliere Ppd Fiorenzo Dadò, che aveva d’altronde invocato – insieme ai deputati leghisti Boris Bignasca e Sabrina Aldi e a Tamara Merlo di Più Donne – anche la costituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta. A sua volta, il Partito socialista aveva inoltrato una mozione volta a stabilire il da farsi per “Prevenire, gestire e sanzionare atti contro l’integrità della persona sul posto di lavoro”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved