ex-funzionario-dss-c-e-la-bozza-di-mandato-per-l-audit
Ti-Press
Il deputato della Lega Michele Guerra
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
7 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
9 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
9 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
9 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
11 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
23.11.2021 - 19:35
Aggiornamento : 21:28

Ex funzionario Dss, c’è la bozza di mandato per l’audit

Il coordinatore della Sottocommissione parlamentare Michele Guerra: ‘C’è la ferma intenzione di fare sul caso la massima chiarezza’

Eppur si muove. Nella riunione di stamattina la sottocommissione parlamentare della Gestione ha messo a punto la bozza di mandato da assegnare a esperti esterni all’Amministrazione cantonale e al Ticino per l’eventuale audit con cui si intende fare piena luce sul caso dell’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità condannato in Appello in via definitiva per coazione sessuale e per violenza carnale, reato quest’ultimo commesso ai danni, nel 2004, di una giovane stagista. Un audit per chiarire ogni aspetto della gestione del caso in seno all’Amministrazione all’epoca dei fatti, quando, come emerso anni dopo dai processi di primo e secondo grado, nel mirino dell’allora collaboratore del Dss, attivo nell’ambito delle politiche giovanili, era finita più di una ragazza, quando nel suo mirino erano finite più vittime, anche minorenni.

Resta l’opzione della Commissione parlamentare d’inchiesta

La bozza di mandato, fa sapere alla ‘Regione’ il presidente della sottocommissione ‘Finanze’, il leghista Michele Guerra, «verrà affinata e, come spero, resa definitiva nella seduta che terremo martedì prossimo. Dopodiché la trasmetteremo al plenum della commissione della Gestione che nel giro di un paio di settimane la esaminerà e la discuterà per poi decidere come procedere». Anche perché l’audit non è l’unica opzione sul tavolo della Gestione. L’altra è l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta, come propone uno degli atti parlamentari inoltrati in questi mesi sul dossier. Tornando all’audit, non è da escludere che la Gestione svolga degli approfondimenti giuridici sugli effettivi poteri di cui potrà godere chi verrà incaricato di eseguire le verifiche chieste nel mandato. «Qualora per finire optasse per l’audit, la commissione - riprende Guerra - designerebbe il o i periti tra professionisti fuori Cantone, perché l’audit, secondo mandato, sarà esterno e indipendente». Tutto ciò richiederà la preliminare approvazione da parte del plenum del Gran Consiglio? «È un aspetto che dovrà chiarire la Gestione», taglia corto il presidente della sottocommissione, composta, oltre che dal granconsigliere leghista, dai capigruppo di Plr e Ps, rispettivamente Alessandra Gianella e Ivo Durisch, dal popolare democratico Fiorenzo Dadò, dal democentrista Paolo Pamini e da Samantha Bourgoin in rappresentanza dei Verdi.

Se si riterrà opportuna l’opzione mandato, questo dovrà essere comunque approvato dai deputati che siedono nella Gestione, o perlomeno dalla maggioranza. Il voto del Gran Consiglio e quindi una discussione su questo tema in aula non sono nemmeno esclusi in quanto la possibilità di attribuire il mandato esterno direttamente dipende dal costo preventivabile dello stesso. Fino a una determinata somma non c’è bisogno dell’avallo del Gran Consiglio: se viene superata occorrerà chiedere un credito e seguire quindi l’iter parlamentare. Ma l’intervento del plenum del Gran Consiglio potrebbe essere necessario per il fatto che a sollecitare l’attribuzione, da parte della commissione Gestione, di “un audit esterno indipendente” è una mozione, inoltrata nell’ottobre 2020 da Dadò per il gruppo Ppd. Si vedrà.

‘L’obiettivo è di evitare il ripetersi di situazioni simili’

Sui contenuti della bozza di mandato in vista di un eventuale audit, Guerra per il momento non si sbilancia: «Quello che oggi posso dire, essendo stato incaricato dai colleghi di rispondere alle domande dei media, è che la sottocommissione si è sempre mossa con la ferma intenzione di fare assoluta chiarezza su come all’interno dell’Amministrazione è stato gestito il caso in questione quando alcune delle vittime, come accertato in sede giudiziaria, si sono palesate». Fare assoluta chiarezza «per individuare i correttivi, i necessari strumenti affinché certe vicende non si ripetano mai più», sottolinea il coordinatore della sottocommissione. Sottocommissione, aggiunge, che «con la collaborazione di ogni singolo membro ha definito e corretto - punto per punto - la bozza di mandato da usare se si dovesse procedere con un audit esterno e indipendente». Tiene ancora a precisare Guerra: «Da quando, nel giugno di quest’anno, siamo stati incaricati dalla Gestione di occuparci del delicato dossier abbiamo acquisito e vagliato documenti sensibili e proceduto con audizioni: si è fatto un lavoro serio e approfondito». Condotto alla luce di alcuni atti parlamentari. Fra cui quelli citati, ovvero la mozione di Dadò per un audit esterno; l’atto parlamentare, sempre di Dadò, sottoscritto anche dai leghisti Boris Bignasca e Sabrina Aldi nonché da Tamara Merlo di Più Donne, che propone di dar vita a una Commissione parlamentare d’inchiesta; e una mozione del capogruppo socialista Durisch dal titolo “Prevenire, gestire e sanzionare atti contro l’integrità della persona sul posto di lavoro”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex funzionario michele guerra sottocommissione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved