pandemia-e-integrazione-l-importante-e-conoscersi
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
23 min

Fermata Tilo: ‘Niente votazione, ma chiedo accorgimenti’

Minusio, Tiziano Tommasini intende rinunciare alla chiamata alle urne contro uno dei due crediti contestati (ma potrebbe doverla confermare)
Mendrisiotto
24 min

Cade il carcere per il cacciatore che uccise per sbaglio l’amico

I giudici della Corte di appello hanno ridotto e sospeso a 2 anni la condanna per omicidio colposo all’autore, un 53enne del Mendrisiotto
Mendrisiotto
28 min

Mendrisio, al campo Adorna arrivano le finali di Coppa allievi

L’appuntamento è per questo giovedì. A sfidarsi saranno i migliori giovani calciatori del cantone.
Locarnese
29 min

Passeggiate guidate alla scoperta di Ronco s/Ascona

Mercoledì 25 maggio per riscoprire la vita nel passato, mentre domenica 29 maggio per conoscere le peculiarità urbanistiche e paesaggistiche
Luganese
42 min

Crediti facili con documenti falsi, una condanna a Lugano

Trenta mesi, in larga parte sospesi, a un 60enne che truffando banche e società è riuscito a ottenere finanziamenti per circa 65’000 franchi
Ticino
1 ora

Nelle casse dei benzinai ticinesi manca il pieno dei frontalieri

Conti alla mano, l’assenza dei frontalieri pesa di più rispetto a quella dei ticinesi che preferiscono fare il pieno in Italia
Locarnese
1 ora

Il ‘Carnage’ del Piccolo Teatro al Centro S. Antonio

L’adattamento della commedia di Yasmina Reza torna in scena mercoledì a Locarno per la regia di Katya Troise
Luganese
1 ora

Melide-Gentilino, si pavimenta l’A2. Sarà a prova di rumori

Il cantiere interessa l’ultimo tratto autostradale nell’ambito delle opere di risanamento globale
Gallery
Luganese
2 ore

Reti alte 9 metri a protezione delle Ffs a Capo San Martino

Il progetto sarà ultimato nel 2023 a tutela della tratta ferroviaria fra Lugano e Melide. L’investimento è di 18 milioni
Ticino
2 ore

Coronavirus, da venerdì nuovo allentamento delle misure

Cadono le restrizioni per accedere a istituti per invalidi, centri terapeutici e centri diurni. Il punto sui contagi si fa settimanale
Grigioni
2 ore

Buseno, escursione botanica con il Parco Val Calanca

Domenica 5 giugno sarà possibile andare alla scoperta di fiori ed erbe con la guida Antonella Borsari nella zona fra i Monti di San Carlo e Mazzucan
Mendrisiotto
4 ore

Al Centro diurno di Chiasso si fa prevenzione

In programma per venerdì misurazione di pressione e glicemia. L’appuntamento è in via Franscini
Bellinzonese
4 ore

Gite di natura sociale e culturale per i pensionati statali

Le attività rivolte ai 3’300 associati vanno dai viaggi in località particolari, alle visite guidate nei musei, passando anche dal gioco delle bocce
22.11.2021 - 19:08
Aggiornamento : 19:51

Pandemia e integrazione, ‘l’importante è conoscersi’

Intervista alla capodivisione migrazione della Croce Rossa nel Sottoceneri in occasione della giornata cantonale dedicata al tema

«Alla fine, l’importante è sempre conoscere e farsi conoscere. Uscire dai centri d’accoglienza, collaborare a progetti professionali e sociali, entrare in contatto con la popolazione: è da lì che passano l’integrazione e il superamento della paura verso il diverso. Questa pandemia ci ha costretto a trovare nuovi modi per riuscirci». Parole di Debora Banchini Fersini, vicedirettrice e capodivisione della migrazione per la Croce Rossa svizzera sezione del Sottoceneri (Crss), chiamata a fare un bilancio dopo quasi due anni di coronavirus in occasione della Giornata cantonale dell’integrazione (vedi sotto).

In Ticino, la Crss amministra su mandato Cantonale i 4 centri d’accoglienza che ospitano circa 280 migranti, tra famiglie, adulti soli e giovani non accompagnati. Quasi la metà è costituita da minorenni. Nell’ultimo periodo «anche per noi, come credo per tutte le persone, le associazioni e le aziende, la parola chiave è stata flessibilità: abbiamo dovuto garantire i processi di integrazione nonostante i lockdown e le limitazioni imposte dal Covid-19», spiega Banchini. «Ad esempio, per permettere ai minorenni di continuare le lezioni di lingua e di partecipare alle attività scolastiche durante le chiusure, ci siamo muniti di computer e tablet, e con la Protezione civile abbiamo allestito tendoni nei quali svolgere in sicurezza le nostre attività».

Attività che mirano a tre diversi obiettivi: «Autonomia linguistica, autonomia sociale – prenotare un appuntamento, fare la spesa o andare a una visita medica, tutte cose che a noi paiono banali, ma non lo sono affatto per chi viene da realtà molto diverse – e infine esperienza professionale». Se la pandemia ha certamente ostacolato questi sforzi, non li ha però fermati: «Abbiamo proseguito ad esempio con attività di coaching e atelier di cucina, sartoria, arte, giornalismo… Inoltre sono continuati progetti molto importanti per il percorso di conoscenza reciproca con la comunità, quali la pulizia delle aree verdi e gli interventi di volontariato». Il temporaneo prosciugamento delle rotte migratorie non ha cambiato molto la situazione in termini quantitativi, anche perché il leggero calo di arrivi è stato comunque compensato dal prolungarsi dei soggiorni nei centri, anch’esso dettato dalla situazione sanitaria.

A patire di più sono stati probabilmente i giovani, «ma questo è vero anche in altre realtà», nota Banchini: «È su di loro che pesa di più l’impossibilità di andare a scuola, di scoprire la nuova realtà nella quale si trovano. Un problema che però in questo caso investe tutta la famiglia, perché spesso sono proprio bambini e ragazzi il motore dell’integrazione familiare». Anche dai servizi della Crss è passata infine la campagna vaccinale, che all’inizio registrava ulteriori titubanze proprio tra le realtà migranti: «Il nostro servizio sanitario si è impegnato per superare eventuali diffidenze dovute a barriere culturali e linguistiche, cercando anche di rendere il vaccino accessibile in modo facile e immediato. Questo ha consentito di coinvolgere i richiedenti asilo nello sforzo sanitario».

Quanto alla collaborazione con le autorità cantonali, Banchini si dice soddisfatta: «Lavoriamo in stretta collaborazione e c’è ascolto delle varie esigenze. C’è anche la volontà di agevolare nuovi progetti e di lavorare nella stessa direzione. Naturalmente è sempre possibile fare ancora di più e cercare nuove sinergie, ma la strada mi pare quella giusta», anche nel tentativo di superare le diffidenze nei confronti dei migranti da parte di alcune frange della popolazione. D’altronde, ancora una volta, «l’importante è conoscersi».

Dipartimento istituzioni

Il convegno a Bellinzona

La Giornata cantonale dell’integrazione 2021 si terrà mercoledì a Bellinzona, dalle 16.45 alle 19.45, presso l’Istituto cantonale di economia e commercio. “Partendo dallo sguardo storico sullo stress test delle pandemie nelle società” – si legge nel comunicato del Dipartimento delle istituzioni –, l’incontro “farà il punto sulle misure di integrazione promosse dalla Segreteria di Stato della migrazione, per poi interrogare i principali responsabili del settore sui cambiamenti vissuti a livello cantonale”. Tra gli ospiti, oltre a Banchini: lo storico Rosario Talarico; Tindaro Ferraro, responsabile della divisione Promozione dell’integrazione della Segreteria di Stato della migrazione; Valeria Canova, coordinatrice del settore migrazione di Soccorso Operaio Svizzero; Marcello Cartolano, presidente Acli Servizi Ticino; Vladimir Miletic, direttore del progetto Serbinfo.ch; parteciperà anche il medico cantonale Giorgio Merlani. L.E.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
integrazione migrazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved