turismo-il-governo-chiede-il-rinnovo-del-credito-quadro
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
20 min

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
23 min

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
24 min

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
1 ora

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
1 ora

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
2 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
2 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
20.10.2021 - 15:47
Aggiornamento: 18:09

Turismo, il governo chiede il rinnovo del credito quadro

Il Consiglio di Stato propone lo stanziamento complessivo di 42 milioni di franchi per i prossimi quattro anni

Il Consiglio di Stato ha approvato il messaggio che, in base alla Legge sul turismo (LTur), prevede per il quadriennio 2022-2025 lo stanziamento di un credito quadro di 18 milioni di franchi a sostegno degli investimenti strutturali e delle attività nel settore. Accettato pure il contributo di 24 milioni di franchi per il finanziamento delle attività di promozione svolte dall’Agenzia turistica ticinese (Att).

“Il settore turistico, che in Ticino genera circa il 10% del prodotto interno lordo cantonale e il 12% del totale dei posti di lavoro, ha saputo reagire proattivamente per contenere le conseguenze negative della pandemia”, si legge nel comunicato del Dipartimento finanze ed economia (Dfe). Secondo quest’ultimo parte del merito va al Cantone, che è intervenuto, per esempio, con il finanziamento di una campagna di marketing verso il resto della Svizzera nell’estate 2020 e con l’iniziativa Vivi il tuo Ticino.

Il Dfe ricorda che il credito per il quadriennio 2018-2021 è pressoché esaurito. Esso ha permesso di sostenere 62 progetti per circa 14,5 milioni di franchi in contributi a fondo perso. Il volume complessivo di investimenti generati ammonta a circa 123 milioni di franchi. Una dimostrazione “di quanto il settore turistico sia dinamico e in costante evoluzione”.

“Considerato lo sviluppo degli investimenti nel settore, che non solo non si è fermato ma si è accelerato negli ultimi mesi, e l’indotto da essi generato”, il Consiglio di Stato propone lo stanziamento di un credito quadro di 18 milioni di franchi per l’adozione di misure cantonali a sostegno degli investimenti e delle attività per il turismo. “Il rinnovo del credito quadro contribuisce quindi ad accompagnare questa fase di crescita del settore e permette di dare continuità al ritrovato dinamismo dell’ambito turistico ticinese e dei suoi operatori, sull’onda dei risultati positivi degli ultimi mesi”, si legge ancora.

Con il messaggio s’intende anche confermare la dotazione del credito quadro per il finanziamento delle attività di promozione turistica che saranno svolte dall’Agenzia turistica ticinese durante il quadriennio 2022-2025, con un credito di sei milioni di franchi l’anno. Questa somma – la stessa che in passato –, è destinata sia allo svolgimento di attività di marketing sia allo sviluppo e realizzazione di progetti turistici strategici cantonali.

Infine, sono proposte alcune modifiche legislative puntuali della LTur, “volte a ottimizzare alcuni aspetti di applicazione pratica”. Il Dfe riferisce che “con il rinnovo del credito si ribadisce quindi la volontà di continuare una politica di sostegno al settore turistico e si compie un ulteriore e importante passo nella direzione di aumentare la competitività e l’attrattiva del Ticino e delle sue destinazioni”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credito quadro dfe turismo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved