CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
NJ Devils
5
PHI Flyers
2
3. tempo
(1-1 : 1-0 : 3-1)
BOS Bruins
3
VAN Canucks
2
3. tempo
(1-1 : 0-1 : 2-0)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
2
2. tempo
(0-0 : 0-2)
commesse-pubbliche-contera-anche-la-responsabilita-sociale
Ti-Press
Il manuale sarà aggiornato con i criteri della responsabilità sociale delle imprese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
5 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
8 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
9 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
10 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
10 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
10 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
10 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
10 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
11 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
11 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
11 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
11 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Ticino
13.10.2021 - 18:130
Aggiornamento : 19:59

Commesse pubbliche, conterà anche la responsabilità sociale

Una fase pilota coinvolgerà per prime la Divisione delle costruzioni del Dt e la Sezione della logistica del Dfe

Anche la responsabilità sociale delle imprese entrerà tra i criteri utilizzati per stilare la classifica dei migliori offerenti nell’ambito della Legge sulle commesse pubbliche. Il Consiglio di Stato, infatti, ha approvato le modalità di applicazione della premialità relativa al criterio della responsabilità sociale delle imprese (Csr) nella Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb). “Si tratta di un esempio concreto di applicazione dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico”, si legge in una breve nota.

Il Consiglio di Stato – considerata l’importanza dello sviluppo sostenibile negli ambiti economico, sociale e ambientale – ha inserito il tema nel Programma di legislatura 2019-2023 e in tale contesto il Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) promuove la responsabilità sociale delle imprese (Csr) quale contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile. “Quest’ultimo si sta infatti sempre più configurando anche come un fattore di competitività delle aziende e di attrattività del territorio e l’Amministrazione cantonale intende supportare le imprese in questo percorso”. “Anche le associazioni economiche che fanno parte del Gruppo Csr Ticino condividono questo obiettivo e s’impegnano nella sensibilizzazione dei loro associati attraverso l’offerta di diversi strumenti operativi e la promozione di incontri formativi sul tema”, si precisa.

Per dare un ulteriore esempio di applicazione concreta dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico, il Consiglio di Stato ha approvato oggi le modalità di applicazione della premialità relativa al criterio della Csr nella Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb).

Si procederà ora con una fase di test pilota interna all’Amministrazione cantonale, che coinvolgerà la Divisione delle costruzioni del Dipartimento del territorio e la Sezione della logistica del Dfe e le relative commesse, a partire da quelle concernenti le opere da impresario costruttore. “Successivamente il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche potrà concordare con gli enti banditori interessati l’introduzione e l’estensione graduale a tutte le tipologie di commesse e allestirà un progetto di direttive adeguate per rendere il criterio obbligatorio per le commesse non sottoposte ai trattati internazionali”. Quindi per valori soglia che non fanno scattare le gare internazionali. “Contestualmente verranno proposti dei percorsi formativi sia per gli enti committenti che per le imprese offerenti”, si spiega.

L’inserimento della Csr nella legislazione sulle commesse pubbliche “è un esempio concreto di applicazione dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico, che si pone come obiettivo la sensibilizzazione delle imprese nei confronti della responsabilità economica, sociale e ambientale del loro operato”.

La scheda informativa che fissa i criteri della Csr, tenendo conto dell’impegno delle imprese nell’ambito della sostenibilità economica, ambientale e sociale, è stata allestita grazie a un lavoro congiunto tra la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi), il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche, l’Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche del Dipartimento del territorio e la Divisione dell’economia del Dfe.

La Crs peserà per il 4% del totale

«Sono trenta i criteri contenuti nella scheda e tutti chiedono di dimostrare alle aziende partecipanti di andare oltre quanto previsto dalle norme legali», spiega Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia. Si va dalle certificazioni sull’efficienza energetica, al pagamento di salari superiori al minimo legale o a congedi parentali più lunghi di quelli di legge. «Anche la parità di genere e la rappresentanza femminile in seno alla direzione o nei Cda sono ad esempio criteri presi in considerazione», continua Rizzi che precisa che «il criterio di aggiudicazione della Csr pesa per un 4% rispetto alla ponderazione degli altri fattori presi in esame per l’aggiudicazione. Per ora si è in una fase di test, con l’obiettivo di testare gli indicatori e contemporaneamente formare committenti e imprese».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved