commesse-pubbliche-contera-anche-la-responsabilita-sociale
Ti-Press
Il manuale sarà aggiornato con i criteri della responsabilità sociale delle imprese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
1 ora

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
12 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
13 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
14 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
14 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
14 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
13.10.2021 - 18:13
Aggiornamento: 19:59

Commesse pubbliche, conterà anche la responsabilità sociale

Una fase pilota coinvolgerà per prime la Divisione delle costruzioni del Dt e la Sezione della logistica del Dfe

Anche la responsabilità sociale delle imprese entrerà tra i criteri utilizzati per stilare la classifica dei migliori offerenti nell’ambito della Legge sulle commesse pubbliche. Il Consiglio di Stato, infatti, ha approvato le modalità di applicazione della premialità relativa al criterio della responsabilità sociale delle imprese (Csr) nella Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb). “Si tratta di un esempio concreto di applicazione dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico”, si legge in una breve nota.

Il Consiglio di Stato – considerata l’importanza dello sviluppo sostenibile negli ambiti economico, sociale e ambientale – ha inserito il tema nel Programma di legislatura 2019-2023 e in tale contesto il Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) promuove la responsabilità sociale delle imprese (Csr) quale contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile. “Quest’ultimo si sta infatti sempre più configurando anche come un fattore di competitività delle aziende e di attrattività del territorio e l’Amministrazione cantonale intende supportare le imprese in questo percorso”. “Anche le associazioni economiche che fanno parte del Gruppo Csr Ticino condividono questo obiettivo e s’impegnano nella sensibilizzazione dei loro associati attraverso l’offerta di diversi strumenti operativi e la promozione di incontri formativi sul tema”, si precisa.

Per dare un ulteriore esempio di applicazione concreta dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico, il Consiglio di Stato ha approvato oggi le modalità di applicazione della premialità relativa al criterio della Csr nella Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb).

Si procederà ora con una fase di test pilota interna all’Amministrazione cantonale, che coinvolgerà la Divisione delle costruzioni del Dipartimento del territorio e la Sezione della logistica del Dfe e le relative commesse, a partire da quelle concernenti le opere da impresario costruttore. “Successivamente il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche potrà concordare con gli enti banditori interessati l’introduzione e l’estensione graduale a tutte le tipologie di commesse e allestirà un progetto di direttive adeguate per rendere il criterio obbligatorio per le commesse non sottoposte ai trattati internazionali”. Quindi per valori soglia che non fanno scattare le gare internazionali. “Contestualmente verranno proposti dei percorsi formativi sia per gli enti committenti che per le imprese offerenti”, si spiega.

L’inserimento della Csr nella legislazione sulle commesse pubbliche “è un esempio concreto di applicazione dello sviluppo sostenibile in ambito pubblico, che si pone come obiettivo la sensibilizzazione delle imprese nei confronti della responsabilità economica, sociale e ambientale del loro operato”.

La scheda informativa che fissa i criteri della Csr, tenendo conto dell’impegno delle imprese nell’ambito della sostenibilità economica, ambientale e sociale, è stata allestita grazie a un lavoro congiunto tra la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi), il Centro di competenza in materia di commesse pubbliche, l’Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche del Dipartimento del territorio e la Divisione dell’economia del Dfe.

La Crs peserà per il 4% del totale

«Sono trenta i criteri contenuti nella scheda e tutti chiedono di dimostrare alle aziende partecipanti di andare oltre quanto previsto dalle norme legali», spiega Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia. Si va dalle certificazioni sull’efficienza energetica, al pagamento di salari superiori al minimo legale o a congedi parentali più lunghi di quelli di legge. «Anche la parità di genere e la rappresentanza femminile in seno alla direzione o nei Cda sono ad esempio criteri presi in considerazione», continua Rizzi che precisa che «il criterio di aggiudicazione della Csr pesa per un 4% rispetto alla ponderazione degli altri fattori presi in esame per l’aggiudicazione. Per ora si è in una fase di test, con l’obiettivo di testare gli indicatori e contemporaneamente formare committenti e imprese».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
commesse pubbliche legge responsabilità sociale sviluppo sostenibile
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved