sergio-morisoli-e-una-doppia-vittoria-dell-udc
Ti-Press
Sergio Morisoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 min

Ad Ascona l’inaugurazione del Bicentenario Antonio Ciseri

Domani alle 18 al Museo Castello San Materno parte la mostra realizzata in collaborazione con l’associazione dedicata al grande artista
Ticino
7 min

Intervista a monsignor Chiappini: trasmissione contestata

L’Autorità indipendente in materia radiotelevisiva esaminerà un ricorso contro la puntata di ‘Millevoci’ sulla vicenda giudiziaria del religioso
Luganese
12 min

Si apre a Lugano la campagna per i contributi 2022

Per persone fisiche o giuridiche, ed enti che svolgono un’attività sociale, educativa, ambientale, sportiva, culturale, ricreativa e turistica
Luganese
26 min

Finanze, Lugano vede sempre più rosso

Preventivo 2022: deficit d’esercizio di 24,2 milioni di franchi. Foletti: ‘Resto fiducioso ma faticheremmo a sopportare altri due anni di pandemia’
Locarnese
28 min

Loco e Intragna, i musei domenica chiudono

Stagione espositiva al termine per le due realtà etnografiche regionali
Mendrisiotto
29 min

I volti del nuovo Ufficio presidenziale del Plr di Mendrisio

Rinnovato il comitato del prossimo quadriennio: ‘Ci impegneremo sempre per la nostra cittadina, più bella, più coraggiosa e più trasparente’
Locarnese
31 min

Minusio, Quartiere Rivapiana in seduta

L’assemblea dell’associazione domenica 14 novembre a Casa San Vittore di Muralto. All’ordine del giorno anche le nomine statutarie
Luganese
33 min

Al via nel weekend la prima edizione di Lugano Classic

La kermesse, dedicata alle auto d’epoca ma non solo, animerà nell’ultimo fine settimana di ottobre alcune fra le più belle piazze del centro
Locarnese
59 min

Salva, il nuovo Regolamento dei dipendenti e la sua incidenza

Il Servizio ambulanza del Locarnese sta valutando cosa cambierà con la sua introduzione. Ai Comuni un fabbisogno da coprire di 2,41 milioni
Locarnese
1 ora

Ppd Locarno, Akai chiede la conferma alla presidenza

‘Dopo le Comunali, delusissimo, volevo lasciare, ma ci ho ripensato perché ci tengo molto’. Deciderà la prossima assemblea
Bellinzonese
1 ora

Rodi-Fiesso, Leventina Calcio in assemblea

Appuntamento per giovedì 18 novembre alle 20 al Ristorante Baldi
Bellinzonese
1 ora

‘Sentire con le protesi acustiche’ a Bellinzona

Il corso si terrà dalle 14 alle 15 alla sede di ATiDU (Salita Mariotti 2) il 12 e il 19 novembre, così come il 3 dicembre
Bellinzonese
1 ora

Mercatino di Natale a Quinto

L’evento si terrà l’8 dicembre (9.30-12.30) sul piazzale esterno dello Stadio multifunzionale di Ambrì e sarà abbinato alla vendita di alberelli di Natale
Bellinzonese
1 ora

Lottigna, finissage della rassegna ‘50 di voce 50 di blenio’

Appuntamento per domenica 7 novembre al Museo storico etnografico. Alle 16 si esibirà anche il gruppo di musica popolare Vox Blenii
Grigioni
2 ore

Guida in stato di inettitudine, impatta con il muro e si ribalta

L’incidente sulla strada cantonale H29 lungo il lago di Poschiavo, fra Le Prese e Miralago. Il 19enne guidava con una patente in prova
Mendrisiotto
2 ore

Doppio credito di circa 600mila franchi per Morbio Inferiore

Da interventi per la sistemazione della canalizzazione comunale alla sostituzione delle condotte dell’acqua potabile in via Maestri Comacini
Mendrisiotto
2 ore

Morbio Inferiore mantiene il moltiplicatore all’86%

Disavanzo d’esercizio preventivato di 839mila franchi ‘che, considerata la prudenza, risulta ampiamente sopportabile’
referendum finanziario
26.09.2021 - 17:320
Aggiornamento : 22:28

Sergio Morisoli: ‘È una doppia vittoria dell’Udc’

Per il padre dell’iniziativa ‘Basta tasse e basta spese’ lo scopo era quello di moderare preventivamente governo e Gran Consiglio. ‘Ci siamo riusciti’

Nulla da fare per l’iniziativa dell’Udc ‘Basta tasse e basta spese: che i cittadini possano votare su determinate spese’. A larga maggioranza – 58,2% di contrari e 42,8% di favorevoli – i ticinesi hanno detto no all’introduzione del referendum finanziario obbligatorio. È stato però accettato il controprogetto elaborato dal Gran Consiglio che pur accettando lo spirito dell’iniziativa, lo ha moderato alzando l’asticella a 30 milioni per le spese uniche o una spesa annua superiore a sei milioni per almeno quattro anni. Nel contempo è stato introdotto un quorum parlamentare. In pratica sarà il Gran Consiglio, con un terzo favorevole dei presenti e con un minimo di 25 deputati, a decidere se sottoporre o no la spesa a voto popolare.

Sergio Morisoli, capogruppo dell’Udc e ‘padre’ dell’iniziativa parla di «doppia vittoria». «Il Ticino sarà il 19esimo cantone a dotarsi di uno strumento che costringe l’amministrazione, il governo e il parlamento a moderarsi preventivamente sul lato della spesa pubblica», afferma l’esponente Udc. «Anche il controprogetto, approvato dal popolo (51,9% di sì e 48,1% di no) è frutto della mediazione della nostra deputata Lara Filippini», continua Morisoli che precisa che lo scopo del nuovo istituto «non sarà quello di chiamare i cittadini alle urne a ogni piè sospinto, ma di far ragionare i decisori politici sulle spese evitando da subito quelle inutili». E a chi fa notare che si voterà eventualmente solo su determinati crediti e non sulle entrate, Morisoli sottolinea che in realtà, «dopo che i cittadini hanno delegato nel 2015 al Gran Consiglio l’opzione di aumentare il moltiplicatore d’imposta cantonale ora abbiamo riequilibrato la partita».

“Il Plrt si è opposto fin dal principio all’introduzione in Ticino dello strumento del referendum finanziario obbligatorio nella Costituzione cantonale: un meccanismo che rallenterebbe la progettualità cantonale ed alimenterebbe i regionalismi”, si legge in una nota a firma del presidente cantonale Alessandro Speziali. “Queste spese sono peraltro già controllate ed equilibrate attraverso la legge sul freno al disavanzo e con lo strumento del referendum facoltativo, per cui già oggi – raccogliendo le firme – i cittadini possono intervenire sulle scelte del parlamento. Quanto al controprogetto, poco cambia nella sostanza; anzi, sul dibattito parlamentare aleggerebbe la strumentalizzazione del voto popolare”, si precisa.

“Di fronte alla volontà popolare, che ha sostenuto il controprogetto, come Plrt vigileremo affinché l’applicazione di questo strumento non diventi un ostacolo allo sviluppo del nostro cantone, tenendo comunque presente la necessità di investimenti e di equilibrio per le finanze pubbliche, nonché la promozione di progetti in tutte le regioni del cantone, anche quelle meno popolose”, conclude il presidente del Plrt.

Christian Vitta, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) prende atto del no all’iniziativa. «Come governo ci eravamo opposti a questa iniziativa, mentre il controprogetto era una proposta della maggioranza del parlamento sulla quale non ci eravamo espressi». «A ogni modo il controprogetto non introduce un automatismo e lascia margine alla politica per decisioni comunque condivise ampiamente», commenta il responsabile del Dfe che non teme uno stravolgimento dell’attività del Consiglio di Stato. Gli importi in questione – precisa – «riguardano spesso decisioni di investimento non necessariamente contestate».

Il granconsigliere socialista Carlo Lepori, tra i relatori del rapporto di minoranza assieme alla liberaleradicale Michela Ris e che si opponeva sia all’iniziativa, sia al controprogetto, saluta comunque con favore il fatto che non ci sarà nessun automatismo tra livello della spesa e chiamata alle urne. «Più che referendum obbligatorio, con il controprogetto è stato introdotto un referendum istituzionale in quanto sarà eventualmente una minoranza del Gran Consiglio (minimo 25 deputati) a poterlo chiedere», afferma Carlo Lepori. «Bisognerà vedere come verrà applicato e quali saranno gli effetti su determinate decisioni di spesa. Come gruppo politico rimaniamo dell’idea che un conto è andare a votare su volontà dei cittadini e un altro è che sia una minoranza parlamentare a chiamare i cittadini alle urne. Ripeto, vedremo quali saranno le conseguenze concrete nei prossimi anni». «Per noi rimane comunque un istituto strabico in quanto il referendum istituzionale non si applicherà ad altre decisioni del Gran Consiglio come, per esempio, quelle sulle entrate. In futuro si potrebbe pensare di allargare l’applicazione anche a queste ultime».

Per Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd «l’augurio è che lo strumento del referendum finanziario obbligatorio indiretto sia di stimolo a Consiglio di Stato e Gran Consiglio a promuovere e approvare investimenti largamente condivisi che evitino inutili contrapposizioni regionali».

La Lega dei Ticinesi accoglie invece con “grande favore l’approvazione del Referendum finanziario obbligatorio (Rfo)”. “Il Ticino si dota così di uno strumento collaudato, che già esiste in varie forme in 18 cantoni. I cantoni che conoscono l’Rfo non sono né paralizzati, né retrogradi. E i loro cittadini non sono chiamati ossessivamente alle urne. Per contro, le finanze di questi cantoni sono messe meglio di quelle ticinesi”, si legge in una nota. “Con il moltiplicatore cantonale, la partitocrazia ha creato lo strumento che le consente di mettere le mani nelle tasche dei cittadini tramite aggravi fiscali, facendo così pagare ai contribuenti l’incapacità - o la mancanza di volontà - delle maggioranze politiche di controllare le uscite statali. L’Rfo è il necessario contraltare”, si conclude.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved