sergio-morisoli-e-una-doppia-vittoria-dell-udc
Ti-Press
Sergio Morisoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
8 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
12 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
15 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
16 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
16 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
referendum finanziario
26.09.2021 - 17:32
Aggiornamento: 22:28

Sergio Morisoli: ‘È una doppia vittoria dell’Udc’

Per il padre dell’iniziativa ‘Basta tasse e basta spese’ lo scopo era quello di moderare preventivamente governo e Gran Consiglio. ‘Ci siamo riusciti’

Nulla da fare per l’iniziativa dell’Udc ‘Basta tasse e basta spese: che i cittadini possano votare su determinate spese’. A larga maggioranza – 58,2% di contrari e 42,8% di favorevoli – i ticinesi hanno detto no all’introduzione del referendum finanziario obbligatorio. È stato però accettato il controprogetto elaborato dal Gran Consiglio che pur accettando lo spirito dell’iniziativa, lo ha moderato alzando l’asticella a 30 milioni per le spese uniche o una spesa annua superiore a sei milioni per almeno quattro anni. Nel contempo è stato introdotto un quorum parlamentare. In pratica sarà il Gran Consiglio, con un terzo favorevole dei presenti e con un minimo di 25 deputati, a decidere se sottoporre o no la spesa a voto popolare.

Sergio Morisoli, capogruppo dell’Udc e ‘padre’ dell’iniziativa parla di «doppia vittoria». «Il Ticino sarà il 19esimo cantone a dotarsi di uno strumento che costringe l’amministrazione, il governo e il parlamento a moderarsi preventivamente sul lato della spesa pubblica», afferma l’esponente Udc. «Anche il controprogetto, approvato dal popolo (51,9% di sì e 48,1% di no) è frutto della mediazione della nostra deputata Lara Filippini», continua Morisoli che precisa che lo scopo del nuovo istituto «non sarà quello di chiamare i cittadini alle urne a ogni piè sospinto, ma di far ragionare i decisori politici sulle spese evitando da subito quelle inutili». E a chi fa notare che si voterà eventualmente solo su determinati crediti e non sulle entrate, Morisoli sottolinea che in realtà, «dopo che i cittadini hanno delegato nel 2015 al Gran Consiglio l’opzione di aumentare il moltiplicatore d’imposta cantonale ora abbiamo riequilibrato la partita».

“Il Plrt si è opposto fin dal principio all’introduzione in Ticino dello strumento del referendum finanziario obbligatorio nella Costituzione cantonale: un meccanismo che rallenterebbe la progettualità cantonale ed alimenterebbe i regionalismi”, si legge in una nota a firma del presidente cantonale Alessandro Speziali. “Queste spese sono peraltro già controllate ed equilibrate attraverso la legge sul freno al disavanzo e con lo strumento del referendum facoltativo, per cui già oggi – raccogliendo le firme – i cittadini possono intervenire sulle scelte del parlamento. Quanto al controprogetto, poco cambia nella sostanza; anzi, sul dibattito parlamentare aleggerebbe la strumentalizzazione del voto popolare”, si precisa.

“Di fronte alla volontà popolare, che ha sostenuto il controprogetto, come Plrt vigileremo affinché l’applicazione di questo strumento non diventi un ostacolo allo sviluppo del nostro cantone, tenendo comunque presente la necessità di investimenti e di equilibrio per le finanze pubbliche, nonché la promozione di progetti in tutte le regioni del cantone, anche quelle meno popolose”, conclude il presidente del Plrt.

Christian Vitta, consigliere di Stato e direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe) prende atto del no all’iniziativa. «Come governo ci eravamo opposti a questa iniziativa, mentre il controprogetto era una proposta della maggioranza del parlamento sulla quale non ci eravamo espressi». «A ogni modo il controprogetto non introduce un automatismo e lascia margine alla politica per decisioni comunque condivise ampiamente», commenta il responsabile del Dfe che non teme uno stravolgimento dell’attività del Consiglio di Stato. Gli importi in questione – precisa – «riguardano spesso decisioni di investimento non necessariamente contestate».

Il granconsigliere socialista Carlo Lepori, tra i relatori del rapporto di minoranza assieme alla liberaleradicale Michela Ris e che si opponeva sia all’iniziativa, sia al controprogetto, saluta comunque con favore il fatto che non ci sarà nessun automatismo tra livello della spesa e chiamata alle urne. «Più che referendum obbligatorio, con il controprogetto è stato introdotto un referendum istituzionale in quanto sarà eventualmente una minoranza del Gran Consiglio (minimo 25 deputati) a poterlo chiedere», afferma Carlo Lepori. «Bisognerà vedere come verrà applicato e quali saranno gli effetti su determinate decisioni di spesa. Come gruppo politico rimaniamo dell’idea che un conto è andare a votare su volontà dei cittadini e un altro è che sia una minoranza parlamentare a chiamare i cittadini alle urne. Ripeto, vedremo quali saranno le conseguenze concrete nei prossimi anni». «Per noi rimane comunque un istituto strabico in quanto il referendum istituzionale non si applicherà ad altre decisioni del Gran Consiglio come, per esempio, quelle sulle entrate. In futuro si potrebbe pensare di allargare l’applicazione anche a queste ultime».

Per Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd «l’augurio è che lo strumento del referendum finanziario obbligatorio indiretto sia di stimolo a Consiglio di Stato e Gran Consiglio a promuovere e approvare investimenti largamente condivisi che evitino inutili contrapposizioni regionali».

La Lega dei Ticinesi accoglie invece con “grande favore l’approvazione del Referendum finanziario obbligatorio (Rfo)”. “Il Ticino si dota così di uno strumento collaudato, che già esiste in varie forme in 18 cantoni. I cantoni che conoscono l’Rfo non sono né paralizzati, né retrogradi. E i loro cittadini non sono chiamati ossessivamente alle urne. Per contro, le finanze di questi cantoni sono messe meglio di quelle ticinesi”, si legge in una nota. “Con il moltiplicatore cantonale, la partitocrazia ha creato lo strumento che le consente di mettere le mani nelle tasche dei cittadini tramite aggravi fiscali, facendo così pagare ai contribuenti l’incapacità - o la mancanza di volontà - delle maggioranze politiche di controllare le uscite statali. L’Rfo è il necessario contraltare”, si conclude.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
controprogetto referendum finanziario sergio morisoli
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved