lavoro-piu-fragili-del-resto-della-svizzera
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
12 sec

Losone, concerto al Meriggio

Domenica, per l’ultimo appuntamento della rassegna ‘PoMeriggio in musica’, si esibiranno Amanda Nesa e Nicolas Mottini
Ticino
36 min

In Ticino un altro decesso per Covid, 26 contagi in 24 ore

Scende di 4 unità il numero di persone ricoverate negli ospedali ticinesi
Locarnese
37 min

Locarno nelle immagini, nel paesaggio e nella letteratura

Ultimo appuntamento alla Biblioteca cantonale con il ciclo Chilometro zero’ venerdì sera
Luganese
43 min

A Bissone si festeggia san Carpoforo

Alla Messa che sarà celebrata domenica 26 settembre alle 10 sarà presente il vescovo emerito monsignor Giacomo Grampa
Locarnese
44 min

Locarno, la squadra del Salva è pronta

Nel corso dell’Assemblea del Servizio ambulanza nominati i rappresentanti nei vari organi statutari. Lorenzo Tomasetti alla presidenza.
Grigioni
44 min

Il ‘vaxbus’ riparte per un nuovo giro nei Grigioni

L’autobus per le vaccinazione spontanee visiterà altre 38 località. Durante la prima tornata sono state effettuate 3’900 vaccinazioni
Luganese
52 min

Arrivano le bici, traffico auto deviato a Lugano

In occasione dell’evento ciclistico “Lugano Bike Emotions 2021” che si terrà da sabato 25 a domenica 26 settembre
Locarnese
52 min

Il PALoc: ‘pensato male e realizzato peggio!’

Duro attacco de I Verdi del Locarnese ai contenuti del piano d’agglomerato. Troppe le soluzioni adottate che non convincono il gruppo
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio può chiudere il nucleo di Ligornetto al traffico

Il Tribunale cantonale amministrativo dà ragione alla Città sulle limitazioni a fasce orarie. Ma Stabio è già pronto ad appellarsi all’Alta Corte
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Don Feliciani: ‘Il cristiano deve fare politica’

In occasione dei suoi primi 20 anni di attività a Chiasso, l’arciprete ha pubblicato il suo quarto libro. Lo abbiamo incontrato
Ticino
13 ore

‘Salario minimo, Ccl e storture: tocca a noi dare la risposta’

Nella discussione generale in Gran Consiglio emerge un asse Ps-Lega. Fonio e Jelmini (Ppd) sulle barricate. Speziali (Plr): ‘Ombre, ma ci sono tante luci’
Bellinzonese
13 ore

Enti autonomi Bellinzona: qualche ombra, tanti ‘sì’

Votati i consuntivi 2020. Il gruppo Lega/Udc sollecita più trasparenza e intraprendenza per Musei e Teatro. Nuova illuminazione per i castelli
Locarnese
13 ore

Ascona, giù gli alberi pericolanti per proteggere la litoranea

Lavori urgenti su due ettari di bosco in zona Moscia, dopo la frana dello scorso 13 agosto
Bellinzonese
14 ore

Anche il Plr voterà 250’000 franchi per la nuova Valascia

Bellinzona: i liberali-radicali aderiscono alla proposta Ppd di dimezzare il mezzo milione ora sostenuto solo dalla Sinistra. Verdi/Mps/Fa contrari
Bellinzonese
16 ore

Lumino, via libera ai crediti legati al nubifragio di agosto

Il Consiglio comunale approva i messaggi municipali per i costi già sostenuti a la realizzazione di una vasca di contenimento sul riale Valentra
Ticino
 
14.09.2021 - 19:040
Aggiornamento : 19:57

Lavoro, più fragili del resto della Svizzera

Le transizioni in seno al mercato dell’impiego sono meno dinamiche rispetto a quanto avviene altrove. Un’analisi dell’Ustat

La tripartizione classica tra occupati, disoccupati e inattivi non è sempre sufficiente a capire tutte le sfaccettature del mercato del lavoro. Un’analisi dell’Ufficio cantonale di statistica (Ustat) pubblicato nella rivista ‘Dati - Statistiche e società’ il primo giugno del 2020 dimostrava che l’approccio statico, generalmente riservato al mercato del lavoro, pur fornendo una buona descrizione della popolazione in un determinato momento, trascura gli aspetti più dinamici, come le transizioni tra uno stato di attività e un altro. In pratica non si considera il percorso individuale di chi è colpito dalla disoccupazione. Maurizio Bigotta e Vincenza Giancone, ricercatori Ustat, hanno cercato di andare oltre l’approccio statico proponendo un’analisi longitudinale delle transizioni in seno al mercato del lavoro con l’intento di mostrarne la dinamicità. Una delle basi di dati usate è quella della Rifos (Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera). Sfruttando il potenziale longitudinale di questa fonte – si precisa nell’inserto ‘Extra Dati’ di settembre – è possibile osservare una stessa persona più volte nell’arco di 15 mesi. La popolazione di riferimento della Rifos è solo quella residente sul suolo nazionale, escludendo la manodopera transfrontaliera. I due autori precisano subito che non si intende fornire un’analisi approfondita della realtà ticinese, ma di aprire un nuovo cantiere analitico “per trarre e sfruttare informazioni più appropriate e centrate alla realtà economica”. Cosa emerge per il Ticino? Dinamiche che si conoscevano già, ma che questa analisi conferma ancora una volta: è più facile rimanere disoccupati e si rimane in tale condizione o in quella degli inattivi più a lungo rispetto ad altre zone del Paese.

Dal 2010 la Rifos è un’indagine continua che intervista una stessa persona quattro volte nell’arco di quindici mesi. In pratica ogni individuo viene quindi intervistato quattro volte a distanza di tre, dodici e quindici mesi dalla prima indagine, è quindi possibile sapere come lo stato di ogni persona cambia nel tempo. Stando a questa rilevazione in Svizzera, tra il 2011 e il 2019, la maggior parte della popolazione esercitava un’attività professionale e lo faceva già dodici mesi prima (il 60,9%). Un secondo gruppo della popolazione (il 27,3%) era invece inattivo e lo era ancora dodici mesi dopo. Una lettura semplice e diretta che potrebbe essere complicata – si spiega – introducendo altre scomposizioni dello stato di inattività: i disoccupati, i sottoccupati, gli scoraggiati eccetera. “Un approccio più semplice e intuitivo è quello delle probabilità condizionate: si calcola la probabilità di ritrovarsi in un determinato stato sul mercato del lavoro sapendo in che stato ci si trovava dodici mesi prima”, scrivono i due ricercatori. Nel caso specifico si può concludere che a livello svizzero la maggior parte di chi era occupato rimane occupato dodici mesi dopo (93,1%), una piccola parte (2%) diventa disoccupato e una quota più importante diventa inattivo (5%).

Il caso ticinese

Analizzando i risultati – sempre per il periodo 2011-2019 – delle probabilità condizionate di transizione tra i diversi stati d’attività, per il Ticino risulta una probabilità leggermente più bassa (92,1%) di rimanere occupato dopo un anno dalla prima rilevazione. Percentuale simile ce l’ha anche chi vive attorno al Lemano (92%). In entrambe queste regioni aumenta, rispetto alla media nazionale (2%), sia la probabilità di diventare disoccupato (2,9% per il Lemano e 2,7% per il Ticino) sia quella di diventare inattivo (5,1% per il Lemano e 5,2% per il Ticino). Le performance migliori si trovano nella Svizzera centrale e in quella nordoccidentale.

Per quanto riguarda la transizione dei disoccupati la situazione ticinese è meno favorevole rispetto a quella del resto della Svizzera. Il 43,3% dei disoccupati ticinesi riesce a trovare un lavoro a un anno di distanza, valore inferiore di 8,7 punti percentuali rispetto a quello nazionale e di 5,3 punti rispetto alla regione lago Lemano che si colloca penultima in questa classifica. Un risultato che si allinea con la maggiore incidenza della disoccupazione di lunga durata. Tra le grandi regioni, infatti, il Ticino è quella con la maggiore incidenza di disoccupati iscritti di lunga durata. I dati Seco relativi al 2019 mostrano che il 16% dei disoccupati iscritti a Sud delle Alpi lo è da più di dodici mesi. Nelle altre grandi regioni la quota si ferma al 13,9%, idem per il Lemano. La probabilità di diventare inattivi è invece inferiore in Ticino (16,7%) rispetto al livello nazionale (18).

Infine la transizione degli inattivi. Nel resto della Svizzera gli inattivi hanno il 10,9% di probabilità di rientrare nel mercato del lavoro da occupati, mentre il 2,1% di rientrare come disoccupati. La maggioranza degli inattivi rimane tale anche dopo un anno (87%). Anche la probabilità di lasciare questa condizione in Ticino è più bassa: 6,8%. Sempre in Ticino, si rimane inattivi con una probabilità maggiore (91,2%), mentre nel resto delle regioni non si supera mai l’88 per cento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved