COL Avalanche
1
BOS Bruins
3
2. tempo
(1-0 : 0-3)
bancari-il-telelavoro-e-da-regolare-nel-ccl
Natalia Ferrara, co-direttrice di Asib
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
6 ore

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
7 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
7 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
8 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
8 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
9 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
10 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
10 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
11 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
12 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
13 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
Bellinzonese
13 ore

Due nuovi defibrillatori automatici esterni a Biasca

Gli apparecchi sono stati posati in prossimità dell’entrata della Scuola dell’infanzia Nord e dell’entrata sud-ovest del Palazzo scolastico
10.09.2021 - 19:200
Aggiornamento : 12.09.2021 - 17:12

Bancari, il telelavoro è da regolare nel Ccl

L’Asib ha tenuto la sua assemblea nazionale a Lugano. I delegati chiedono il riconoscimento dell’home office

È stata la cornice del Lac a ospitare la 103esima assemblea nazionale dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (Aisb). Nel suo saluto iniziale, il presidente della sezione locale, Matteo Gianini, ha sottolineato l’importanza di riunirsi a Lugano, nel cuore della piazza finanziaria ticinese, dove negli ultimi anni Asib ha sostenuto le migliaia di collaboratrici e collaboratori confrontati loro malgrado con la perdita del posto di lavoro e la difficoltà di trovare un altro impiego.

Dopo aver assolto i compiti statutari durante la mattinata, i delegati, tutti dipendenti della piazza finanziaria provenienti da tutta la Svizzera, nel pomeriggio hanno partecipato a un approfondimento sul tema del mercato del lavoro e dell’evoluzione della piazza finanziaria. A dirigere i lavori il presidente nazionale, Michael von Felten, insieme alle due neo co-direttrici, Anne–Wienke Palm e Natalia Ferrara, già responsabile regionale dell’associazione negli ultimi cinque anni.

Con la partecipazione dei ricercatori della Fachhochschule Nordwestschweiz i delegati si sono confrontati apertamente sulle posizioni e le linee guida che dovranno ispirare il sindacato in vista delle prossime negoziazioni del contratto collettivo del settore che verrà rinnovato all’inizio del 2022.

Natalia Ferrara, responsabile dei soci e delle relazioni con i datori di lavoro, a capo della delegazione che condurrà i negoziati, ha posto l’accento sull’importanza del partenariato sociale e la ricerca di soluzioni condivise che vadano oltre le situazioni di crisi. «Le ristrutturazioni nel settore sono ormai una costante e diventa sempre più impellente lavorare all’impiegabilità dei dipendenti e alla possibilità di riqualificarsi e, se necessario, cambiare settore», ha affermato a laRegione. «Questo per dire che la formazione continua deve essere pensata come un modo per aggiornare sempre le competenze dei dipendenti che possono poi utilizzare anche in un’ipotesi di cambio di lavoro», continua Ferrara. «Il contratto collettivo attuale – che non è di forza obbligatoria – dev’essere rafforzato in diversi ambiti, affinché il personale non paghi sempre sulla propria pelle le rivoluzioni del settore senza beneficiare dei risultati straordinari, come è stato il caso in questo periodo di pandemia. Un periodo in cui i dipendenti – con tutte le difficoltà del caso – hanno lavorato in modo produttivo anche a distanza, garantendo l’operatività delle aziende», precisa Ferrara che quindi si aspetta un riconoscimento economico per i dipendenti dal futuro Ccl. «Anche i delegati presenti hanno condiviso la visione degli oltre 5mila partecipanti al sondaggio promosso da Asib all’inizio dell’anno e stabilito che il contratto collettivo vigente dev’essere rafforzato in relazione a più aspetti, in particolare per rapporto all’impiegabilità dei dipendenti (anche a fronte dell’età pensionabile che tende ad aumentare), alle nuove forme di lavoro (flessibilità, home office, ecc.) ma anche nell’ambito della politica salariale (bonus e assegni familiari sono due aspetti tuttora critici) e non meno importante, anche in relazione alla parità». Il lavoro a distanza, riconosciuto come un valore anche dai vertici dell’Associazione bancaria ticinese, potrebbe diventare un benefit per permettere la conciliabilità tra lavoro e vita privata. «Una flessibilità, quella data dal telelavoro, che deve essere però regolamentata», commenta Natalia Ferrara. «E questo perché diventi veramente un’opportunità per i collaboratori e non un’opzione in mano solo alle aziende».

La direzione generale, coinvolgendo l’insieme dei gremi dell’associazione in tutta la Svizzera, elaborerà misure concrete per la delegazione che condurrà i negoziati, l’obiettivo è siglare entro il mese di giugno del 2022 un Ccl più articolato e adeguato all’evolversi del mercato del lavoro.

Così anche il presidente, Michael von Felten, che a chiare lettere ha affermato che Asib continua a credere nel partenariato sociale, nella risoluzione dei problemi insieme alle commissioni del personale e ai datori di lavoro, ma senza dare nulla per scontato e, anzi, rafforzando in futuro la collaborazione ripensando anche a temi centrali quali il finanziamento e l’accesso agli istituti per entrare in contatto diretto con le collaboratrici e i collaboratori.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved