ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
27 min

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
1 ora

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
2 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
3 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
3 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
3 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
3 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
3 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
4 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
4 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
5 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
Ticino
6 ore

In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità

Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Mendrisiotto
6 ore

‘Il benessere alimentare’, se ne parla a Chiasso

Nell’incontro promosso da Acd a Villa Olimpia si affronteranno vari temi legati all’alimentazione
Luganese
7 ore

Massagno festeggia con i tifosi la sua prima Coppa della Lega

Al termine della partita contro il Monthey, domenica 5 febbraio ci sarà una maccheronata conviviale. Prima della contesa iniziale parola alle autorità
Ticino
7 ore

In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%

Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
03.09.2021 - 20:23

'Pericolo mafie, consapevolezza da rafforzare'

Presenza in Svizzera della criminalità organizzata, il Consiglio federale risponde al deputato ticinese al Nazionale Marco Romano

pericolo-mafie-consapevolezza-da-rafforzare
Non solo riciclaggio (foto Ti-Press)

Sono almeno tre le considerazioni del Consiglio federale piuttosto importanti. La prima: “Dalle informazioni scambiate con partner esteri si è evinto che negli ultimi decenni la presenza e le attività delle organizzazioni di stampo mafioso in Svizzera sono state sottovalutate”. La seconda: “La consapevolezza della minaccia rappresentata dalle organizzazioni criminali non ha raggiunto ovunque lo stesso livello in seno alle autorità, e deve essere ulteriormente rafforzata”. La terza: “Secondo le informazioni delle autorità partner estere, la criminalità organizzata cerca anche di influire sulle istituzioni statali. Per motivi di confidenzialità e di protezione dei dati non è possibile fornire informazioni concrete su indagini di polizia o procedimenti penali in corso”. Tre considerazioni contenute nella risposta che il governo ha dato in questi giorni all’interpellanza depositata in giugno da Marco Romano sulla presenza di organizzazioni criminali internazionali “di stampo mafioso” nel nostro Paese.

Il deputato: confidiamo nel nuovo procuratore generale

L’atto parlamentare era stato inoltrato dal consigliere nazionale del Ppd alla luce della relazione tenuta a Lugano in maggio dalla direttrice dell’Ufficio federale di polizia (Fedpol) Nicoletta della Valle in occasione dell’apertura ufficiale dell’ 'Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata’, operativo in seno all’Istituto di diritto dell’Università della Svizzera italiana.

Oggi in Svizzera, aveva fra l’altro dichiarato della Valle in quell’occasione, riferendosi in particolare alla ’Ndrangheta, “conosciamo meglio il fenomeno dopo che è stato sottovalutato per molto tempo”. «Ora anche il governo riconosce, nero su bianco, che la questione mafia è stata per anni minimizzata: un'ammissione politicamente molto significativa - evidenzia Romano, interpellato dalla ’Regione’ -. Le autorità elvetiche devono colmare il ritardo accumulato. Sotto la direzione di della Valle, la Polizia federale si sta muovendo nella giusta direzione. Mi auguro - aggiunge il parlamentare ticinese - che lo stesso faccia finalmente anche il Ministero pubblico della Confederazione, al quale compete il perseguimento del reato di organizzazione criminale, contemplato dall’articolo 260ter del Codice penale, a condizione che il reato sia stato commesso prevalentemente all’estero o in più cantoni. Spero allora che il nuovo procuratore generale, che eleggeremo nella prossima sessione delle Camere federali e che salvo sorprese sarà Stefan Blättler, presti maggiore attenzione, rispetto a quella riservata dai precedenti pg della Confederazione, agli aspetti operativi della Procura federale nella lotta alle organizzazioni mafiose». Perché «non basta modificare le norme per inasprire le sanzioni, è necessario anche e soprattutto rendere più incisive le indagini, che possono poi sfociare nei processi. Teniamo poi presente che la criminalità organizzata non conosce confini, neppure quelli tra un cantone e l’altro, per riciclare denaro sporco e compiere altri illeciti».

Sempre a Lugano la direttrice di Fedpol aveva mostrato una cartina e accennato alla piattaforma Coc. “La cartina presentata in occasione della conferenza inaugurale dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - scrive il Consiglio federale - è uno dei primi risultati scaturiti dalla piattaforma di collaborazione ’Countering Organised Crime’ (Coc), attiva da circa un anno e istituita in attuazione della strategia di lotta alla criminalità 2020-2023 del Dipartimento federale di giustizia e polizia”. Si tratta di "una panoramica delle conoscenze attualmente disponibili a livello federale: la precisione e la completezza della cartina dipendono in primo luogo dalle informazioni e dai contributi forniti dai partner (Coc, Interpol, Europol, autorità italiane)", spiega il governo, ricordando che “i rischi correlati alle organizzazioni criminali non riguardano solo una determinata regione, bensì tutta la Svizzera”. La creazione della piattaforma di collaborazione interdisciplinare Coc, si sottolinea ancora nella risposta all’interpellanza, "è un primo importante passo nella lotta alle organizzazioni criminali in Svizzera”. La piattaforma “prevede la partecipazione di autorità appartenenti a diversi livelli statali e comprende l’analisi criminale, il perseguimento penale e soprattutto le misure di prevenzione. La consapevolezza dei rischi legati alle organizzazioni criminali non ha raggiunto ovunque lo stesso livello in seno all’amministrazione pubblica, nell’economia e nella società, e deve ancora essere sviluppata”.

La collaborazione fra autorità, amministrative comprese

Nell’azione di contrasto al crimine organizzato, annota inoltre il governo, "diverse autorità hanno un ruolo da svolgere, in particolare le autorità competenti in materia di perseguimento penale, di migrazione, doganale, finanziaria, di acquisti pubblici e di affari esteri".  Tuttavia, si ribadisce, la consapevolezza della minaccia costituita dalle organizzazioni criminali "non ha raggiunto ovunque lo stesso livello in seno alle autorità": va pertanto "ulteriormente rafforzata". Continua il Consiglio federale: "Quando sospettano una correlazione con la criminalità organizzata, i settori specializzati dell’Amministrazione federale delle dogane collaborano con le altre autorità di perseguimento penale e partecipano alla piattaforma Coc. Le amministrazioni federali e cantonali come ad esempio le autorità fiscali o le autorità preposte al rilascio di autorizzazioni, nonché i settori privati particolarmente esposti come l’industria alberghiera, vengono sensibilizzati al fenomeno mediante misure di informazione promosse dalle associazioni mantello nazionali e, in modo mirato, nel quadro di corsi di formazione e perfezionamento".

«È comunque mia intenzione – annuncia Romano – redigere un atto parlamentare per far sì che i servizi amministrativi dei Cantoni segnalino tempestivamente all’Ufficio federale di polizia situazioni sospette. La lotta alle mafie passa anche da una collaborazione concreta e immediata fra le autorità, e non solo tra quelle penali».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved