pericolo-mafie-consapevolezza-da-rafforzare
Non solo riciclaggio (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
3 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
3 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
5 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
5 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
6 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
6 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
6 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
6 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
7 ore

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
7 ore

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
Mendrisiotto
7 ore

Occhi puntati su Simonetta Sommaruga. ‘Ne sono cosciente’

Dalle corsie A2 ad AlpTransit, la direttrice del Datec sa che le resistenze dei momò sono forti e le aspettative elevate
Ticino
7 ore

Galeazzi (Udc): ‘L’aliquota fiscale sarà adeguata dal 2023?’

Il deputato democentrista interroga il Consiglio di Stato: ‘Con la ‘progressione a freddo’ il contribuente si troverebbe a pagare meno imposte’
Bellinzonese
7 ore

Si cerca Giuseppe Brioschi, è scomparso martedì da Bellinzona

La polizia prega chiunque dovesse vederlo di chiamare il Comando allo 0848 25 55 55.
03.09.2021 - 20:23

'Pericolo mafie, consapevolezza da rafforzare'

Presenza in Svizzera della criminalità organizzata, il Consiglio federale risponde al deputato ticinese al Nazionale Marco Romano

Sono almeno tre le considerazioni del Consiglio federale piuttosto importanti. La prima: “Dalle informazioni scambiate con partner esteri si è evinto che negli ultimi decenni la presenza e le attività delle organizzazioni di stampo mafioso in Svizzera sono state sottovalutate”. La seconda: “La consapevolezza della minaccia rappresentata dalle organizzazioni criminali non ha raggiunto ovunque lo stesso livello in seno alle autorità, e deve essere ulteriormente rafforzata”. La terza: “Secondo le informazioni delle autorità partner estere, la criminalità organizzata cerca anche di influire sulle istituzioni statali. Per motivi di confidenzialità e di protezione dei dati non è possibile fornire informazioni concrete su indagini di polizia o procedimenti penali in corso”. Tre considerazioni contenute nella risposta che il governo ha dato in questi giorni all’interpellanza depositata in giugno da Marco Romano sulla presenza di organizzazioni criminali internazionali “di stampo mafioso” nel nostro Paese.

Il deputato: confidiamo nel nuovo procuratore generale

L’atto parlamentare era stato inoltrato dal consigliere nazionale del Ppd alla luce della relazione tenuta a Lugano in maggio dalla direttrice dell’Ufficio federale di polizia (Fedpol) Nicoletta della Valle in occasione dell’apertura ufficiale dell’ 'Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata’, operativo in seno all’Istituto di diritto dell’Università della Svizzera italiana.

Oggi in Svizzera, aveva fra l’altro dichiarato della Valle in quell’occasione, riferendosi in particolare alla ’Ndrangheta, “conosciamo meglio il fenomeno dopo che è stato sottovalutato per molto tempo”. «Ora anche il governo riconosce, nero su bianco, che la questione mafia è stata per anni minimizzata: un'ammissione politicamente molto significativa - evidenzia Romano, interpellato dalla ’Regione’ -. Le autorità elvetiche devono colmare il ritardo accumulato. Sotto la direzione di della Valle, la Polizia federale si sta muovendo nella giusta direzione. Mi auguro - aggiunge il parlamentare ticinese - che lo stesso faccia finalmente anche il Ministero pubblico della Confederazione, al quale compete il perseguimento del reato di organizzazione criminale, contemplato dall’articolo 260ter del Codice penale, a condizione che il reato sia stato commesso prevalentemente all’estero o in più cantoni. Spero allora che il nuovo procuratore generale, che eleggeremo nella prossima sessione delle Camere federali e che salvo sorprese sarà Stefan Blättler, presti maggiore attenzione, rispetto a quella riservata dai precedenti pg della Confederazione, agli aspetti operativi della Procura federale nella lotta alle organizzazioni mafiose». Perché «non basta modificare le norme per inasprire le sanzioni, è necessario anche e soprattutto rendere più incisive le indagini, che possono poi sfociare nei processi. Teniamo poi presente che la criminalità organizzata non conosce confini, neppure quelli tra un cantone e l’altro, per riciclare denaro sporco e compiere altri illeciti».

Sempre a Lugano la direttrice di Fedpol aveva mostrato una cartina e accennato alla piattaforma Coc. “La cartina presentata in occasione della conferenza inaugurale dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - scrive il Consiglio federale - è uno dei primi risultati scaturiti dalla piattaforma di collaborazione ’Countering Organised Crime’ (Coc), attiva da circa un anno e istituita in attuazione della strategia di lotta alla criminalità 2020-2023 del Dipartimento federale di giustizia e polizia”. Si tratta di "una panoramica delle conoscenze attualmente disponibili a livello federale: la precisione e la completezza della cartina dipendono in primo luogo dalle informazioni e dai contributi forniti dai partner (Coc, Interpol, Europol, autorità italiane)", spiega il governo, ricordando che “i rischi correlati alle organizzazioni criminali non riguardano solo una determinata regione, bensì tutta la Svizzera”. La creazione della piattaforma di collaborazione interdisciplinare Coc, si sottolinea ancora nella risposta all’interpellanza, "è un primo importante passo nella lotta alle organizzazioni criminali in Svizzera”. La piattaforma “prevede la partecipazione di autorità appartenenti a diversi livelli statali e comprende l’analisi criminale, il perseguimento penale e soprattutto le misure di prevenzione. La consapevolezza dei rischi legati alle organizzazioni criminali non ha raggiunto ovunque lo stesso livello in seno all’amministrazione pubblica, nell’economia e nella società, e deve ancora essere sviluppata”.

La collaborazione fra autorità, amministrative comprese

Nell’azione di contrasto al crimine organizzato, annota inoltre il governo, "diverse autorità hanno un ruolo da svolgere, in particolare le autorità competenti in materia di perseguimento penale, di migrazione, doganale, finanziaria, di acquisti pubblici e di affari esteri".  Tuttavia, si ribadisce, la consapevolezza della minaccia costituita dalle organizzazioni criminali "non ha raggiunto ovunque lo stesso livello in seno alle autorità": va pertanto "ulteriormente rafforzata". Continua il Consiglio federale: "Quando sospettano una correlazione con la criminalità organizzata, i settori specializzati dell’Amministrazione federale delle dogane collaborano con le altre autorità di perseguimento penale e partecipano alla piattaforma Coc. Le amministrazioni federali e cantonali come ad esempio le autorità fiscali o le autorità preposte al rilascio di autorizzazioni, nonché i settori privati particolarmente esposti come l’industria alberghiera, vengono sensibilizzati al fenomeno mediante misure di informazione promosse dalle associazioni mantello nazionali e, in modo mirato, nel quadro di corsi di formazione e perfezionamento".

«È comunque mia intenzione – annuncia Romano – redigere un atto parlamentare per far sì che i servizi amministrativi dei Cantoni segnalino tempestivamente all’Ufficio federale di polizia situazioni sospette. La lotta alle mafie passa anche da una collaborazione concreta e immediata fra le autorità, e non solo tra quelle penali».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
criminalità organizzata mafie marco romano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved