scuola-un-rientro-tra-novita-e-idee-su-come-superare-i-livelli
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
4 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
8 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
8 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
9 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
9 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
9 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
9 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
9 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
9 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
9 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
9 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
10 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
10 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
10 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
10 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
27.08.2021 - 11:59
Aggiornamento : 22.09.2021 - 16:07

Scuola, un rientro tra novità e idee su come superare i livelli

Il Decs presenta il rientro, che comincerà lunedì, con meno allievi per classe e più laboratori. Corsi A e B, a breve in consultazione il progetto

È un altro, piccolo, passo avanti verso il superamento dei corsi A e B alle scuole medie, vale a dire i livelli, quello che emerge dalle ultime riflessioni fatte dal Dipartimento educazione, cultura e sport. Ne dà notizia il coordinatore del Decs e direttore della Divisione della scuola Emanuele Berger durante la canonica conferenza stampa di inizio anno scolastico, informando che «queste riflessioni, con le persone sentite finora, hanno portato a sviluppare un’ipotesi di superamento dei corsi A e B per la terza media, e all’idea di sostituirli con laboratori a classi dimezzate». Questa proposta «sarà messa in consultazione a breve», tra circa un paio di settimane, e riguarda solo la terza media perché «per quanto riguarda la quarta media ci sono un po’ più di difficoltà, ma tutto è ancora in una fase di discussione». E se questa è musica del futuro, intanto suona a pieno regime quella del presente che riguarda il rientro in classe di circa 55mila allievi e 7mila docenti lunedì prossimo.

Tante novità

Un anno scolastico, il 2021/2022, che il direttore del Decs Manuele Bertoli presenta come «arricchito da parecchie novità, già votate dal Gran Consiglio e che dopo un periodo di gestazione sono pronte a migliorare le condizioni di apprendimento degli allievi. Misure spiegate da Berger, il quale ricorda che «da settembre per le scuole comunali arriverà la generalizzazione dei docenti d’appoggio, con effetti positivi e analoghi a quelli della diminuzione degli allievi per classe, perché valorizzerà le forme il coinsegnamento e la differenziazione pedagogica. E ci sarà anche la cantonalizzazione dei docenti di lingua e integrazione, per una scuola sempre più inclusiva». Per quanto concerne la scuola media, prende «finalmente» il via la riduzione del numero di allievi per classi che, rammenta il direttore della Divisione della scuola, «li porterà da 24 a 22, ed è una grande conquista per docenti e studenti nonché un’opportunità per lavorare meglio». Il potenziamento della scuola media passerà, da lunedì, anche «dai nuovi laboratori di tedesco, che porteranno il totale delle ore di laboratorio di tutte le materie a 14 settimanali» e prenderà il via anche la sperimentazione del raddoppio, da una a due, delle ore di sgravio per i docenti di classe da dedicare al rafforzamento delle attività di orientamento: a testare la novità saranno le sedi di Stabio, Biasca, Minusio, Bedigliora e Breganzona.

Passi avanti, annota Berger, sono stati fatti anche per quanto riguarda la digitalizzazione: con i lavori effettuati in estate si è arrivati a 9 sedi completamente digitalizzate: «Dal primo giorno di scuola, allievi e docenti avranno a disposizione la rete wi-fi in ogni aula, schermi tattili interattivi, nuove risorse multimediali e tablet/pc su carrelli mobili». Nella prossima estate sarà il turno di altre 17 sedi.

L’obiettivo, sottolinea Manuele Bertoli, è che quello che va a cominciare sarà «un anno in presenza, il più normale possibile limitando le restrizioni al minimo necessario». E invitando «ancora una volta chi può e chi vuole a vaccinarsi», il direttore del Decs ricorda l’importanza «di avere un equilibrio tra didattica e misure che dovranno essere flessibili, quello che vale nella situazione epidemiologica di oggi magari non varrà più tra qualche settimana. Anche se siamo ragionevolmente convinti che l’intero anno scolastico si svolgerà in presenza». Ad ogni modo, come già comunicato, il rientro scolastico avverrà con la mascherina sul viso: fino al 10 settembre sarà obbligatoria per allievi e docenti di scuole medie e postobbligo; dal 13 settembre diventano facoltative per gli allievi delle medie e per allievi e docenti del postobbligo vaccinati o guariti, a patto di rispettare le distanze.

Contratti di tirocinio, si torna ai livelli pre-pandemia

Infine, saranno oltre 10mila i giovani che seguiranno una formazione di base nelle scuole professionali. Il direttore della Divisione della formazione professionale Paolo Colombo snocciola i numeri: «Dopo la scuola obbligatoria, due terzi dei giovani si inseriscono in questi percorsi formativi, senza dimenticare che le Scuole specializzate superiori accolgono circa 1’300 studenti». In un contesto dove il collocamento a tirocinio sta riportando il Ticino alla situazione pre-pandemica. Con i 1’992 contratti firmati al 23 agosto, il dato parla chiaro: se il miglioramento rispetto all’anno scorso - «molto più incerto e con molta meno tranquillità», ricorda Colombo - è marcato, con 149 contratti firmati in più, rispetto al 2019 si ha un +11 che fa pensare, o quantomeno sperare, in una stabilizzazione della situazione. A tenere bene «sono soprattutto le professioni legate all’industria e all’artigianato - spiega Colombo -. I settori sanitario e sociale sono stabili mentre invece si registra un calo per il commerciale e servizi, motivato dall’onda lunga delle misure anti Covid».

Entra in vigore anche l’obbligo formativo a 18 anni. Ben diverso dall’obbligo scolastico, che resta a 15, quello formativo prevede la frequenza di una scuola post-obbligatoria o di un progetto formativo (compresi apprendimento di una lingua, stages...) fino alla maggiore età. Con l’obiettivo di sostenere quel 10% di giovani che escono prematuramente dai radar del sistema formativo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anno scolastico decs manuele bertoli scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved