altri-11-milioni-per-la-mobilita-elettrica
Watt nel motore (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
2 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
7 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
7 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
9 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
12 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
12 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
12 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
Mendrisiotto
13 ore

Ecocentro di Morbio, ‘non ci aspettavamo un no così netto’

Le reazione alla bocciatura del progetto da oltre 2 milioni di franchi. ‘Ora aspettiamo delle altre proposte dal Municipio‘
Locarnese
14 ore

Associazione Cristiano Castelletti in assemblea a S. Nazzaro

Venerdì 10 giugno dalle 19 uno sguardo sulle attività nel ricordo dello studioso, divulgatore e giornalista di Minusio, prematuramente scomparso
13.07.2021 - 09:48
Aggiornamento : 20:28

Altri 11 milioni per la mobilità elettrica

Il Consiglio di Stato stacca un ulteriore credito per invogliare all'acquisto e alla diffusione delle infrastrutture di ricarica

Altri 11 milioni di franchi a favore della mobilità elettrica. Lo ha proposto il Consiglio di Stato che ha licenziato il relativo messaggio, che dovrà essere avallato dal parlamento, per lo stanziamento di un ulteriore credito. L’obiettivo è di “incentivare l’acquisto di veicoli totalmente elettrici, lo sviluppo dell’infrastruttura di ricarica elettrica domestica e presso i datori di lavoro, nonché l’acquisto di veicoli di ultima generazione vincolato alla messa fuori servizio di veicoli ad alte emissioni di CO2 e inquinanti”, si legge nel comunicato. A due anni dall’entrata in vigore del decreto esecutivo del 19 giugno 2019, il credito quadro di 3 milioni di franchi è prossimo al suo esaurimento. Al primo luglio si contano infatti un totale di 1’181 automobili e di 756 stazioni di ricarica incentivate, per un importo totale di quasi 2,74 milioni di franchi erogati.

Come ottenere gli aiuti

«Gli incentivi vengono erogati dal Cantone e chi è interessato deve fare richiesta tramite il sito ti.ch/incentivi, come già avviene oggi con il credito che si sta esaurendo», ci spiega Michele Fasciana, capo dell’Ufficio dell’aria, del clima e delle energie rinnovabili del Dipartimento del territorio (Dt). «La richiesta va fatta dopo aver effettuato l’acquisto o l’installazione, ma entro 30 giorni da essi – ricorda –. Si ottiene una risposta in circa un mese, ma dipende dal numero d’incarti che abbiamo in quel momento. Viene confermato il versamento dell’incentivo e poi c’è un tempo amministrativo di circa due settimane per ricevere i soldi».

Contributo di 2mila franchi per l’acquisto di una vettura elettrica

«Gli incentivi sono forfettari – prosegue Fasciana –. Per l’acquisto di un’automobile totalmente elettrica si ricevono 2mila franchi, per la stazione di ricarica 500». L’intento della nuova proposta di credito è anche quello di “accelerare la sostituzione del parco veicoli vetusto, ad alte emissioni di CO2 e altamente inquinante. A tale scopo verranno messi a disposizione bonus all’immatricolazione di veicoli di ultima generazione vincolati alla messa fuori servizio di automobili, motoveicoli, quadricicli e tricicli altamente inquinanti, incentivi questi che potranno sommarsi a quelli per l’acquisto di veicoli elettrici”, si legge nella nota del governo e il capoufficio precisa: «Per una nuova automobile, anche se a benzina, che sostituisce un’automobile vecchia risalente a prima del 2009, o per un motociclo (motocicletta, triciclo, quadriciclo) risalente a prima del 2005, se ne ricevono 2mila in più. Se invece la sostituzione avviene con un nuovo motociclo e non con una macchina, sono altri mille franchi».

Negli ultimi due anni aumentate drasticamente le immatricolazioni

Il primo credito quadro, come detto, è quasi esaurito: «Non ci aspettavamo che finisse così in fretta – afferma Fasciana–. C’è stato un aumento delle immatricolazioni di automobili che è stato rilevante. Se fino al 2018 si immatricolavano circa 150 auto l’anno, nel 2019 sono state 515 e nel 2020 erano 906». Da cosa è dovuto questo aumento? «È difficile da dire. L’incentivo ha di certo un effetto leva, anche solo per quanto riguarda la sensibilizzazione. Potrebbe essere anche che il mercato vada in quella direzione. Inoltre vi sono delle condizioni a livello federale. Nei confronti degli importatori la Confederazione fissa dei limiti per le emissioni di CO2 al chilometro per automobile. Unicamente con le macchine a benzina si va oltre il tetto massimo, per questo è necessario avere dei veicoli elettrici nel parco macchine. Sforando i limiti dati dalla Confederazione gli importatori devono pagare delle sanzioni, che sono cifre importanti, nel 2020 erano più di 130 milioni di franchi».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantone credito incentivi mobilità elettrica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved