ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
8 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
8 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
10 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
10 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
10 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
11 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
11 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
11 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
11 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
12 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
12 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
12 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
12 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
12 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
12.07.2021 - 18:39
Aggiornamento: 23:46

‘La pandemia non è ancora finita’. Timori per l’autunno

L’invito delle autorità sanitarie è quello di vaccinarsi e ad avere comportamenti corretti durante le vacanze. La maggior parte dei contagi è d’importazione

di Generoso Chiaradonna
la-pandemia-non-e-ancora-finita-timori-per-l-autunno
Ti-Press
Regole di comportamento da attuare anche in vacanza

Non è ancora finita e l’autunno potrebbe riservare delle sorprese dal punto di vista dell’evoluzione della pandemia. È questo, in sintesi, quanto affermato dal dottor Giorgio Merlani, medico cantonale, durante l’aggiornamento sulla situazione epidemiologica. «L’estate di quest’anno – ha però precisato Merlani – è diversa da quella dell’anno scorso in quanto abbiamo un mezzo in più per contrastare il virus del Covid: i vaccini». Da qui l’appello agli over 50, ricalcato sulla falsariga degli ‘anziani in letargo” dello scorso anno «a fare il vaccino, a non rimandare l’appuntamento a dopo l’estate ». A preoccupare le autorità sanitarie sono le varianti del virus Sars-Cov 2 che stanno diventando prevalenti. La Delta, nota anche come variante indiana, è ora al 22% dei casi testati positivi. «Solo un mese fa erano due ogni cento i casi di Delta», ha fatto notare il dottor Merlani. Questo vuol dire che la nuova versione del coronavirus sta soppiantando le precedenti. «La variante Delta è molto più contagiosa e si sta diffondendo soprattutto tra i giovani. È vero che non c’è un aumento dei decessi e nemmeno dei ricoveri, ma i contagi stanno crescendo, ha aggiunto Merlani. Con la casistica al rialzo, aumenta anche la probabilità di ospedalizzazioni e complicazioni soprattutto tra le persone più fragili, compresi gli over 50. Ieri, per esempio, si sono registrati due ricoveri in Ticino dopo settimane di numeri tranquillizzanti. Le vacanze all’estero, inoltre, sono un fattore di rischio da ponderare attentamente, soprattutto per alcune destinazioni, ha ricordato da parte sua il consigliere di Stato Raffaele De Rosa preoccupato per l’aumento delle infezioni, raddoppiate in due settimane, in Ticino. L’invito, oltre a rimanere vigili e seguire le misure di igiene che conosciamo, «è di informarsi sulla situazione del Paese che si va a visitare: evitiamo le situazioni a rischio e comportiamoci con prudenza e responsabilità anche in vacanza e nel tempo libero».

Molti dei casi positivi delle ultime settimane sono infatti d’importazione. «Penisola iberica e Gran Bretagna sono le regioni  europee dove la variante Delta è più presente», ha fatto presente il dottor Merlani. «Quest’anno i ‘doppi zero’ nei dati dei contagi non ci sono ancora stati, il virus continua a circolare ed è meglio trasmissibile. Non possiamo vivere all'infinito da reclusi, ma dobbiamo capire che i nostri atti hanno delle conseguenze, e se possiamo guardare al futuro con speranza è grazie alla vaccinazione». 

I vaccini somministrati in Svizzera (Pfizer e Moderna, ndr), ha affermato Merlani, coprono bene anche le varianti. «Ma lo scopo del vaccino non è quello di impedire la malattia al 100%, ma di evitare il decorso grave nella maggioranza dei casi». E porta come esempio il quasi azzeramento dei casi di positività tra gli ospiti delle case per anziani. «Dal 25 gennaio, tre settimane dopo la prima iniezione, rispetto alle due ondate precedenti, a oggi si contano sulle dita delle mani i casi positivi al test Covid». In totale sono quasi 150 mila i ticinesi che hanno ricevuto la doppia dose di vaccino (il 42,5% del totale).

Un quarto dei ticinesi ha incontrato il virus

Ma quanti sono i ticinesi che sono entrati in contatto con il virus negli ultimi 18 mesi, indipendentemente dalla campagna di vaccinazione in corso? Quante persone hanno mantenuto una risposta immunitaria misurabile? Esistono peculiarità di età e di genere? Ebbene, stando allo studio di sieroprevalenza, iniziato nell’aprile del 2020 e attualizzato allo scorso maggio, il 22,3% degli abitanti del Ticino. Il campione, ha ricordato la dottoressa Martine Bouvier Gallacchi, capo servizio di promozione e valutazione sanitaria, è composto da 1500 persone stratificate età e sesso dai 5 anni in su. «Gli anti misurati sono quelli contro la proteina nucleocapside, ovvero quelli che confermano se una persona è stata o meno a contatto con il virus, diversi dagli anticorpi che proteggono in effetti contro la malattia», ha spiegato. Alla prima fase dello studio la percentuale di popolazione entrata in contatto con il virus era del 9% poi salita al 14% nei mesi di novembre e dicembre. 

Delle 68 persone che già avevano anticorpi durante il primo studio, due terzi hanno mantenuto gli anticorpi: «Non vuol dire che siano protetti, ma è un dato epidemiologico, dimostra che dopo un anno rimane una traccia dell'infezione», ha spiegato ancora la dottoressa Bouvier Gallacchi. «Possiamo dunque immaginare che anche gli anticorpi neutralizzanti, quelli che proteggono dal virus, possano rimanere presenti come pure l’immunità cellulare» ha aggiunto Bouvier Gallacchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved