il-mondo-non-comincia-e-finisce-con-le-esigenze-dell-economia
Ti-Press
Manuele Bertoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
12 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
12 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
12 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
12 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
13 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
13 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
13 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
13 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
13 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
14 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
14 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
14 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
14 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
laR
 
07.07.2021 - 20:15
Aggiornamento : 08.07.2021 - 15:17

‘Il mondo non comincia e finisce con le esigenze dell’economia’

Manuele Bertoli, presidente del consiglio di Stato e direttore del Decs, replica a Stefano Modenini sui maggiori investimenti nella formazione professionale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Le indicazioni emerse dal Gruppo strategico per il rilancio del Paese hanno in parte un sapore autoreferenziale e sono in parte vaghe e quasi dovute». Così Manuele Bertoli, presidente del consiglio di Stato e direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) a proposito dei risultati presentati martedì dal responsabile del Dfe Christian Vitta. «Non intendo criticare questo lavoro, ma è chiaro che se diverse persone sentite per delineare gli elementi forti sul futuro del Ticino sono in qualche modo interessate a un eventuale futuro investimento, il risultato è sostanzialmente prevedibile. Penso al mondo accademico e della ricerca: è inevitabile che chi ruota attorno a questo ambito sostenga che bisogna puntare sulla ricerca, concetto sul quale a scanso di equivoci sono d’accordo, ma è anche imprescindibile fare i conti con la realtà, che è fatta di risorse finanziarie limitate, di maggioranze politiche che non vogliono aumentare la pressione fiscale o che addirittura lavorano per ridurla, e di bisogni espressi anche da altri pezzi della nostra società», continua Bertoli.

È però vero che il Ticino da 25 anni ha un suo sistema universitario ed è anche doveroso sostenerlo per renderlo attrattivo per i giovani ticinesi formatisi qui e che hanno trovato opportunità, magari nel mondo accademico ma non solo, fuori Cantone.

Il sistema universitario svizzero è basato sulla concorrenza e sulla libertà di scelta. La Svizzera ha ottime università, che offrono una formazione di alto livello che non sempre troviamo in Ticino o che semplicemente non possiamo permetterci per mancanza di massa critica. È questa una delle ragioni per cui una parte dei ragazzi vanno oltralpe per formarsi o partono dopo una formazione in Ticino. E se non tornano non è a causa del mondo della formazione, ma perché spesso da noi non trovano le condizioni di lavoro e di carriera che altrove in Svizzera sono possibili.

È quindi solo per una questione di livelli salariali diversi?

La nostra storia è purtroppo fatta di salari più bassi, ma la storia si può anche cambiare. Tra gli assi portanti del futuro sviluppo economico del Cantone è stato individuato anche quello inerente alla ‘Responsabilità sociale delle imprese’, che per me vuol dire versare stipendi adeguati, ma anche curare lo sviluppo professionale dei propri dipendenti e non solo usarli come forza lavoro usa e getta. È chiaro che l’obiettivo delle imprese è fare profitto, ma avere riguardo al benessere e alla carriera dei propri collaboratori magari evita che figure professionali importanti scelgano altre aziende altrove.

Un altro elemento emerso è quello della formazione. Il direttore dell’Aiti Stefano Modenini ha affermato (cfr. laRegione del 7.7.2021) che bisogna dirottare più risorse finanziarie in questo campo, magari ripensando alcuni curricula e puntando su digitalizzazione e nuove tecnologie.

Accolgo con enorme favore gli investimenti nella formazione, ma va detto che non è sempre con maggiori risorse finanziarie che possiamo cambiare le libere decisioni dei ragazzi e delle ragazze quanto al loro futuro professionale. Ho già accennato al problema della massa critica, che ci impedisce qua e là di aprire curriculum per pochissime persone anche nel settore della formazione non accademica, ma aggiungo che si nota come a una serie di professioni i giovani ticinesi non sono più interessati. Anche le scelte di genere sono difficili da modificare, si fa fatica ad esempio a far scegliere alle ragazze dei mestieri ‘bollati’ come maschili. Non possiamo e non vogliamo imporre scelte a nessuno, altrimenti entreremmo in una logica dirigista, ma con la sola sensibilizzazione, necessaria e sostenuta, i mutamenti sono inevitabilmente lenti.

Il mondo del lavoro sta cambiando. Nascono nuovi mestieri e la tecnologia impone comunque delle scelte per il futuro. Perché non pensare di riorganizzare l’offerta formativa e scolastica investendo molto in questo ambito e tralasciando altro?

Risottolineo che gli investimenti nella formazione sono assolutamente benvenuti, non solo per il loro effetto sulle professioni dei futuri adulti ma anche e soprattutto per la formazione culturale generale dei giovani, ma non possiamo fermarci a uno sguardo settoriale. Il mondo, anche in Ticino, non comincia e finisce con le esigenze dell’economia. Abbiamo anche un enorme problema connesso con l’emergenza climatica e ambientale, abbiamo uno stato sociale da preservare (con la pandemia abbiamo visto bene quanto sia prezioso), è evidente che non possiamo semplicemente dirottare risorse da un ambito verso un altro dimenticandoci degli altri bisogni.

Dopo la scuola dell’obbligo però la scelta scolastica o professionale più gettonata è quella commerciale.

Sì, ma se per ipotesi dovessimo dimezzare le sezioni delle scuole commerciali, cosa faremmo fare a centinaia di ragazzi che non scompaiono nel nulla? Avremmo bisogno di molti più posti di apprendistato nei settori auspicati da Modenini, ma sono anni che cerchiamo di aumentare i posti di tirocinio, anche discutendo con le associazioni professionali, senza per ora vedere aumenti significativi. Il mondo economico è pronto a offrire molti più posti di apprendistato, che sono poi i posti di lavoro di domani, anche nel nome della ‘responsabilità sociale delle imprese’? Io me lo auguro proprio, sarebbe un bel risultato del partenariato tra Stato e mondo del lavoro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
economia formazione modenini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved