NJ Devils
2
PHI Flyers
2
3. tempo
(1-1 : 1-0 : 0-1)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-0 : 0-1)
BOS Bruins
1
VAN Canucks
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
ANA Ducks
0
TOR Leafs
0
1. tempo
(0-0)
il-mondo-non-comincia-e-finisce-con-le-esigenze-dell-economia
Ti-Press
Manuele Bertoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
5 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
7 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
8 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
9 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
9 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
9 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
9 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
10 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
10 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
10 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
10 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
10 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Bellinzonese
10 ore

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
11 ore

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
11 ore

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
11 ore

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
 
07.07.2021 - 20:150
Aggiornamento : 08.07.2021 - 15:17

‘Il mondo non comincia e finisce con le esigenze dell’economia’

Manuele Bertoli, presidente del consiglio di Stato e direttore del Decs, replica a Stefano Modenini sui maggiori investimenti nella formazione professionale

«Le indicazioni emerse dal Gruppo strategico per il rilancio del Paese hanno in parte un sapore autoreferenziale e sono in parte vaghe e quasi dovute». Così Manuele Bertoli, presidente del consiglio di Stato e direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) a proposito dei risultati presentati martedì dal responsabile del Dfe Christian Vitta. «Non intendo criticare questo lavoro, ma è chiaro che se diverse persone sentite per delineare gli elementi forti sul futuro del Ticino sono in qualche modo interessate a un eventuale futuro investimento, il risultato è sostanzialmente prevedibile. Penso al mondo accademico e della ricerca: è inevitabile che chi ruota attorno a questo ambito sostenga che bisogna puntare sulla ricerca, concetto sul quale a scanso di equivoci sono d’accordo, ma è anche imprescindibile fare i conti con la realtà, che è fatta di risorse finanziarie limitate, di maggioranze politiche che non vogliono aumentare la pressione fiscale o che addirittura lavorano per ridurla, e di bisogni espressi anche da altri pezzi della nostra società», continua Bertoli.

È però vero che il Ticino da 25 anni ha un suo sistema universitario ed è anche doveroso sostenerlo per renderlo attrattivo per i giovani ticinesi formatisi qui e che hanno trovato opportunità, magari nel mondo accademico ma non solo, fuori Cantone.

Il sistema universitario svizzero è basato sulla concorrenza e sulla libertà di scelta. La Svizzera ha ottime università, che offrono una formazione di alto livello che non sempre troviamo in Ticino o che semplicemente non possiamo permetterci per mancanza di massa critica. È questa una delle ragioni per cui una parte dei ragazzi vanno oltralpe per formarsi o partono dopo una formazione in Ticino. E se non tornano non è a causa del mondo della formazione, ma perché spesso da noi non trovano le condizioni di lavoro e di carriera che altrove in Svizzera sono possibili.

È quindi solo per una questione di livelli salariali diversi?

La nostra storia è purtroppo fatta di salari più bassi, ma la storia si può anche cambiare. Tra gli assi portanti del futuro sviluppo economico del Cantone è stato individuato anche quello inerente alla ‘Responsabilità sociale delle imprese’, che per me vuol dire versare stipendi adeguati, ma anche curare lo sviluppo professionale dei propri dipendenti e non solo usarli come forza lavoro usa e getta. È chiaro che l’obiettivo delle imprese è fare profitto, ma avere riguardo al benessere e alla carriera dei propri collaboratori magari evita che figure professionali importanti scelgano altre aziende altrove.

Un altro elemento emerso è quello della formazione. Il direttore dell’Aiti Stefano Modenini ha affermato (cfr. laRegione del 7.7.2021) che bisogna dirottare più risorse finanziarie in questo campo, magari ripensando alcuni curricula e puntando su digitalizzazione e nuove tecnologie.

Accolgo con enorme favore gli investimenti nella formazione, ma va detto che non è sempre con maggiori risorse finanziarie che possiamo cambiare le libere decisioni dei ragazzi e delle ragazze quanto al loro futuro professionale. Ho già accennato al problema della massa critica, che ci impedisce qua e là di aprire curriculum per pochissime persone anche nel settore della formazione non accademica, ma aggiungo che si nota come a una serie di professioni i giovani ticinesi non sono più interessati. Anche le scelte di genere sono difficili da modificare, si fa fatica ad esempio a far scegliere alle ragazze dei mestieri ‘bollati’ come maschili. Non possiamo e non vogliamo imporre scelte a nessuno, altrimenti entreremmo in una logica dirigista, ma con la sola sensibilizzazione, necessaria e sostenuta, i mutamenti sono inevitabilmente lenti.

Il mondo del lavoro sta cambiando. Nascono nuovi mestieri e la tecnologia impone comunque delle scelte per il futuro. Perché non pensare di riorganizzare l’offerta formativa e scolastica investendo molto in questo ambito e tralasciando altro?

Risottolineo che gli investimenti nella formazione sono assolutamente benvenuti, non solo per il loro effetto sulle professioni dei futuri adulti ma anche e soprattutto per la formazione culturale generale dei giovani, ma non possiamo fermarci a uno sguardo settoriale. Il mondo, anche in Ticino, non comincia e finisce con le esigenze dell’economia. Abbiamo anche un enorme problema connesso con l’emergenza climatica e ambientale, abbiamo uno stato sociale da preservare (con la pandemia abbiamo visto bene quanto sia prezioso), è evidente che non possiamo semplicemente dirottare risorse da un ambito verso un altro dimenticandoci degli altri bisogni.

Dopo la scuola dell’obbligo però la scelta scolastica o professionale più gettonata è quella commerciale.

Sì, ma se per ipotesi dovessimo dimezzare le sezioni delle scuole commerciali, cosa faremmo fare a centinaia di ragazzi che non scompaiono nel nulla? Avremmo bisogno di molti più posti di apprendistato nei settori auspicati da Modenini, ma sono anni che cerchiamo di aumentare i posti di tirocinio, anche discutendo con le associazioni professionali, senza per ora vedere aumenti significativi. Il mondo economico è pronto a offrire molti più posti di apprendistato, che sono poi i posti di lavoro di domani, anche nel nome della ‘responsabilità sociale delle imprese’? Io me lo auguro proprio, sarebbe un bel risultato del partenariato tra Stato e mondo del lavoro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved