Seattle Kraken
2
NAS Predators
4
fine
(1-1 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
de-rosa-sul-voto-degli-stati-grande-delusione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
1 ora

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
8 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
9 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
10 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
10 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
Ticino
10 ore

‘La pianificazione ospedaliera non dipende dalla pandemia’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa conferma il ruolino di marcia: entro la fine dell’estate arriverà il messaggio e per il 2023 i mandati
Ticino
11 ore

‘Carcere, nell’autunno 2023 l’apertura della sezione femminile’

Così Norman Gobbi in Gran Consiglio. Undici celle, di cui una per detenuta con bambino, per le donne in espiazione di pena o in esecuzione anticipata
15.06.2021 - 19:110
Aggiornamento : 19:29

De Rosa sul voto degli Stati: 'Grande delusione'

Casse malati, la bocciatura dell'iniziativa cantonale sull'obbligo di ridurre le riserve. Il direttore del Dss: forse a Berna il tema non è ben conosciuto...

Gli Stati hanno dunque bocciato oggi anche la proposta ‘Per riserve eque e adeguate’, una delle tre iniziative cantonali confezionate dal governo ticinese e avallate dal Gran Consiglio per contenere, previa modifica della Legge federale sulla vigilanza sull’assicurazione malattie, l’aumento dei premi di cassa malati. Esprime pertanto «grande delusione» il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa interpellato dalla ‘Regione’ dopo il voto della Camera dei Cantoni. Grande delusione «considerata anche la risicata maggioranza con cui l’iniziativa è stata respinta», aggiunge De Rosa. «Nel dibattito, oltretutto, era stata riconosciuta la necessità di intervenire, tuttavia la maggioranza del Consiglio degli Stati ha ritenuto preferibile la soluzione del Consiglio federale prospettata nella nuova ordinanza, la OVAmal. Soluzione che però si basa sulla riduzione volontaria delle riserve. A dimostrazione - osserva il titolare del Dss - che forse il tema non è ben conosciuto, dato che già oggi esiste questa facoltà, ma viene usata in maniera assai limitata dagli assicuratori».

Afferma ancora De Rosa: «Per noi l’importante era un’adesione di principio, da parte della Camera dei Cantoni, all’iniziativa. Abbiamo un sistema che negli ultimi anni ha fatto esplodere le riserve, che ora superano gli 11 miliardi di franchi». Riserve, evidenzia De Rosa, «che andrebbero ridotte visto che a causa della pandemia siamo in una situazione straordinaria, che avrà conseguenze economiche e sociali». Secondo l’iniziativa ticinese, le riserve di un assicuratore sono da considerarsi eccessive "se risultano superiori al 150% del limite normativo": in tal caso l’assicuratore “è tenuto” a ridurle “sino al raggiungimento” della soglia indicata. «Addirittura - osserva De Rosa - noi suggeriamo una soglia più alta di quella proposta - il 100 % - dal Consiglio federale con la nuova ordinanza. Gli Stati hanno però optato per la proposta governativa».  

Ora la parola passa al Consiglio nazionale. «Dove la strada sarà più difficile - riprende il direttore del Dss -. Vedremo di impegnarci ancora di più per far passare la nostra iniziativa. Da un nostro calcolo, introducendo l’obbligo di riduzione delle riserve si riuscirebbe a bloccare l'aumento dei premi per due, tre anni. Poi, sia chiaro, se un assicuratore ha avuto delle perdite comprovate si può discutere ed eventualmente non obbligarlo a ridurre le riserve. Come cantone, quel che per noi conta è ottenere l’adesione del Nazionale. Ripeto, non sarà facile. Ma ci batteremo affinché gli interessi dei cittadini non siano subordinati a quelli di alcune lobbies».   

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved