ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 sec

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
25 min

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
35 min

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
36 min

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
36 min

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
37 min

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
41 min

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
45 min

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
15.06.2021 - 19:11
Aggiornamento: 19:29

De Rosa sul voto degli Stati: 'Grande delusione'

Casse malati, la bocciatura dell'iniziativa cantonale sull'obbligo di ridurre le riserve. Il direttore del Dss: forse a Berna il tema non è ben conosciuto...

de-rosa-sul-voto-degli-stati-grande-delusione

Gli Stati hanno dunque bocciato oggi anche la proposta ‘Per riserve eque e adeguate’, una delle tre iniziative cantonali confezionate dal governo ticinese e avallate dal Gran Consiglio per contenere, previa modifica della Legge federale sulla vigilanza sull’assicurazione malattie, l’aumento dei premi di cassa malati. Esprime pertanto «grande delusione» il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa interpellato dalla ‘Regione’ dopo il voto della Camera dei Cantoni. Grande delusione «considerata anche la risicata maggioranza con cui l’iniziativa è stata respinta», aggiunge De Rosa. «Nel dibattito, oltretutto, era stata riconosciuta la necessità di intervenire, tuttavia la maggioranza del Consiglio degli Stati ha ritenuto preferibile la soluzione del Consiglio federale prospettata nella nuova ordinanza, la OVAmal. Soluzione che però si basa sulla riduzione volontaria delle riserve. A dimostrazione - osserva il titolare del Dss - che forse il tema non è ben conosciuto, dato che già oggi esiste questa facoltà, ma viene usata in maniera assai limitata dagli assicuratori».

Afferma ancora De Rosa: «Per noi l’importante era un’adesione di principio, da parte della Camera dei Cantoni, all’iniziativa. Abbiamo un sistema che negli ultimi anni ha fatto esplodere le riserve, che ora superano gli 11 miliardi di franchi». Riserve, evidenzia De Rosa, «che andrebbero ridotte visto che a causa della pandemia siamo in una situazione straordinaria, che avrà conseguenze economiche e sociali». Secondo l’iniziativa ticinese, le riserve di un assicuratore sono da considerarsi eccessive "se risultano superiori al 150% del limite normativo": in tal caso l’assicuratore “è tenuto” a ridurle “sino al raggiungimento” della soglia indicata. «Addirittura - osserva De Rosa - noi suggeriamo una soglia più alta di quella proposta - il 100 % - dal Consiglio federale con la nuova ordinanza. Gli Stati hanno però optato per la proposta governativa».  

Ora la parola passa al Consiglio nazionale. «Dove la strada sarà più difficile - riprende il direttore del Dss -. Vedremo di impegnarci ancora di più per far passare la nostra iniziativa. Da un nostro calcolo, introducendo l’obbligo di riduzione delle riserve si riuscirebbe a bloccare l'aumento dei premi per due, tre anni. Poi, sia chiaro, se un assicuratore ha avuto delle perdite comprovate si può discutere ed eventualmente non obbligarlo a ridurre le riserve. Come cantone, quel che per noi conta è ottenere l’adesione del Nazionale. Ripeto, non sarà facile. Ma ci batteremo affinché gli interessi dei cittadini non siano subordinati a quelli di alcune lobbies».   

Leggi anche:

Casse malattia, 'riduzione riserve resti volontaria'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved