e-giugno-ed-e-arrivato-il-gran-caldo
Archivio Ti-Press
Rinfrescarsi spesso è la prima regola da seguire in caso di caldo
13.06.2021 - 19:03

È giugno ed è arrivato il gran caldo

Temperature estive già alte a metà mese. I consigli per affrontare l’arrivo dell’afa

Il Gruppo operativo salute e ambiente (Gosa) del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss) ricorda alla popolazione alcune semplici regole per iniziare bene la stagione estiva.

È molto importante ricordare che all’inizio dell’estate, quando le temperature si alzano sensibilmente, tutti hanno bisogno di alcuni giorni per adattarsi al caldo. Aumentare l’apporto di liquidi, moderare l’esposizione al sole e limitare le attività all’aperto permettono di trascorrere tranquillamente questi primi giorni di bella stagione.

In caso di caldo intenso, anche le persone che godono di buona salute possono soffrire di disagi in quanto l’organismo non riesce a dissipare il calore in eccesso in modo efficace. L’esposizione prolungata può aumentare il rischio di problemi potenzialmente gravi come il colpo di sole e il colpo di calore. Quest’ultimo, in particolare, non è per forza legato a un’esposizione diretta al sole, ma può – ad esempio – verificarsi quando le persone si trovano in locali chiusi, poco ventilati, con temperature e umidità elevate.  

Consigli e raccomandazioni in caso di allerta canicola: bere molta acqua e consumare pasti leggeri, frutta e verdura; proteggere adeguatamente la pelle contro gli effetti nocivi del sole con un abbigliamento adeguato e l’applicazione di crema solare; evitare sforzi intensi nelle ore di maggiore insolazione (tra le 12 e le 16); impedire al caldo di entrare nelle case, oscurando le finestre durante il giorno e arieggiando durante la notte; rimanere in casa o in zone fresche e, se possibile, in ambienti climatizzati nelle ore di maggiore insolazione (tra le 12 e le 16); verificare se vi siano persone tra vicini, parenti, conoscenti che necessitano di aiuto e offrire loro il proprio sostegno.

Inoltre si consiglia alle persone vulnerabili – lattanti, bambini piccoli, anziani fragili, persone affette da malattie croniche o che assumono farmaci regolarmente – di: fare più spesso la doccia o il bagno per abbassare la temperatura corporea; avvisare i vicini o i servizi sociali se si prevede di passare un periodo da soli; consultare il medico o il farmacista; in caso di urgenza, rivolgersi al servizio 144.

Sul portale internet www.ti.ch/calurasenzapaura è possibile ottenere informazioni riguardanti le allerte canicola e le misure di protezione da adottare in estate e durante le ondate di caldo.  

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caldo consigli temperature
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved