ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
3 sec

Val Calanca: ‘Zona ancora pericolante, presto per intervenire’

Mentre la strada rimane bloccata dalla frana (150 metri cubi), i tecnici devono verificare la stabilità dei detriti prima di avviare lo sgombero
Luganese
16 min

Pura, chiesti 4 anni per la donna che accoltellò il marito

La 35enne è accusata di tentato omicidio intenzionale, accuse che ha contestato, ritenendo di averlo colpito per difesa e senza intenzione di ferirlo
Mendrisiotto
43 min

Fourchette verte, il Parco San Rocco raddoppia

La struttura ha guadagnato il marchio con la nuova casa per anziani a Coldrerio. Il riconoscimento è sinonimo di una alimentazione sana ed equilibrata
Bellinzonese
45 min

Rabadan, il pass settimanale costa 10 franchi in più

Sei giorni di Carnevale a Bellinzona costeranno 70 franchi (80 in cassa). Giovedì, venerdì e sabato 35 franchi (invece che 30). Corteo ancora a 10 franchi
Bellinzonese
48 min

Esposizione di conigli a Piotta

Appuntamento sabato 10 e domenica 11 dicembre nei padiglioni Suisse Frame (in via San Gottardo 114), presenti 160 razze
Locarnese
2 ore

Solduno, pulizia autunnale dei sentieri collinari

Promossa dall’omonima Associazione di quartiere, la mattinata di volontariato chiama a raccolta i residenti disposti a dare una mano nei lavori
Locarnese
2 ore

La Via Ramogna si fa bella per le feste natalizie

Su iniziativa della Società Commercianti Industriali e Artigiani, verrà addobbata con alberelli e l’autosilo Largo Zorzi sarà gratuito per due domeniche
Locarnese
2 ore

Triplo appuntamento con i canti di Natale del Gruppo Jeans

Il coro di bambini locarnesi si esibisce il 7 (a Muralto), l’11 (a Vira Gambarogno) e il 18 (a Locarno On Ice, in Piazza Grande) dicembre
Locarnese
2 ore

Inaugurazione ufficiale per il centro diurno socio-assistenziale

Dopo un’apertura in sordina nel 2020, la struttura situata presso la Residenza San Clemente di Ascona vivrà la sua ‘festa’ martedì 6 dicembre alle 14
Locarnese
3 ore

Un brindisi natalizio con il Plr di Cugnasco-Gerra

L’appuntamento con la panettonata per tutta la popolazione è per martedì 6 dicembre dalle ore 19.30 presso la Scuola elementare a Gerra Piano
Grigioni
4 ore

Val Calanca: centinaia di persone sempre isolate dal mondo

Nuove informazioni sono attese per domani. Nessuno fortunatamente è rimasto ferito nello scoscendimento che si è verificato domenica mattina.
Ticino
5 ore

Filippini: ‘La polizia unica non è mai stato un tema per noi’

Il coordinatore del gruppo designato dal governo: ‘Il focus sui compiti, per una loro chiara ripartizione fra Cantonale e polcom. Rapporto per fine anno’
Luganese
7 ore

Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’

La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Locarnese
7 ore

Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere

Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
7 ore

Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale

Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Mendrisiotto
14 ore

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
14 ore

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
15 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
16 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
17 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
laR
 
05.06.2021 - 05:30

Demolizione Ex Macello, la proposta di Cpi non scalda i partiti

La richiesta di Commissione parlamentare d'inchiesta fatta dall'Mps non convince. La commissione Sanità e sicurezza sociale chiede un incontro al governo

demolizione-ex-macello-la-proposta-di-cpi-non-scalda-i-partiti
Ti-Press

La richiesta di istituire una Commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi) su quanto avvenuto sabato 29 maggio a Lugano, con lo sgombero e la demolizione dell'Ex Macello, comincia a far discutere la politica. Ma la sensazione è che l'atto inoltrato al Consiglio di Stato dai deputati dell'Mps martedì 1° giugno sia su un binario morto. «Non ne abbiamo ancora parlato, vedremo cosa dirà il Consiglio di Stato - ci risponde per la Lega la vicecapogruppo in Gran Consiglio Sabrina Aldi -. Però posso già dire che ci sono stati fatti per noi più importanti e gravi, penso ad esempio alla richiesta d'istituire una Commissione parlamentare d'inchiesta sull'ex funzionario del Dss, che non è stata accolta. In ogni caso, dal nostro punto di vista per ora non ci sono elementi che ne giustificano l'apertura». 

Gianella (Plr): ‘No, la magistratura faccia il suo corso’

Molto perplessa, per usare un eufemismo, è la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella: «Prima di tutto c’è la magistratura che sta indagando e, come abbiamo detto in altri casi, per noi è importante che prima la magistratura faccia il suo corso, e quindi non è sicuramente il momento dove andare a inserirsi quando è il Ministero pubblico a dover fare tutte le verifiche del caso». Inoltre, continua Gianella, «lunedì, quando abbiamo deciso di rinviare il tema in commissione, il Consiglio di Stato tramite il suo presidente Bertoli ha fatto richiesta di essere sentito in audizione dalla Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale. Di conseguenza c’è anche questo altro elemento in più». Insomma, per la capogruppo del Plr «a oggi non c’è motivo di istituirla perché lo scopo è fare prima chiarezza. La richiesta dell’Mps arriverà in Gestione, intanto la magistratura avrà fatto i suoi approfondimenti e la ‘Sanità e sicurezza sociale’ avrà fatto tutte le domande che deve fare al governo: senza tutti questi elementi sul tavolo mi chiedo anche come possiamo proprio materialmente prendere una decisione».

Polli (Commissione sanità e sicurezza sociale): ‘Chiesto incontro al governo per giovedì prossimo’

A proposito della Commissione sanità e sicurezza sociale, da noi interpellata la presidente Maristella Polli (Plr) ci spiega che «il tema è all’ordine del giorno: la prossima seduta sarà giovedì 10 giugno, e ho chiesto tramite la nostra segretaria a Manuele Bertoli se è fattibile avere lui o una delegazione del Consiglio di Stato in questa riunione per l’audizione. Abbiamo formulato questa richiesta, anche se al momento non abbiamo ancora ricevuto una risposta».

Durisch (Ps): ‘Potrebbe starci, ma dopo convergano le informazioni. E si attivi l'Ispettorato del lavoro’

«Viste la gravità degli avvenimenti accaduti e le varie versioni dei fatti che non coincidono, al di là delle procedure penali in atto e anche al di là dell’istanza agli Enti locali per verificare se le formalità cui doveva adempiere il municipio sono state rispettate, credo che bisognerà capire, considerata anche la partecipazione della Polizia cantonale, l’eventuale coinvolgimento di parte del Consiglio di Stato». È cauto ma apre alla possibilità di istituire una Cpi il capogruppo del Ps Ivo Durisch, secondo cui «l’unica cosa da fare è chiedere questi lumi, come è evidente che in seguito bisognerà far convergere le informazioni: attivare tre istanze differenti, e parlo di Ministero pubblico, sezione degli Enti locali e Commissione parlamentare d’inchiesta, che guardano ambiti diversi e aspetti differenti, necessiterebbe quantomeno una coordinazione, cosa che oggi vedo difficile, anche perché si tratta di tre poteri diversi». Ad ogni modo, per Durisch «una Cpi sarebbe figlia della necessità di fare chiarezza. Infine, mi chiedo se in merito alla questione delle ditte contattate per la demolizione dell’Ex Macello si sia già attivato l’Ufficio dell’ispettorato del lavoro».

Morisoli (Udc): ‘È certamente prematura finché c'è un'inchiesta penale in corso’

Secco il capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli che, dopo aver premesso di non aver ancora discusso la proposta con il proprio gruppo parlamentare, afferma che «tendenzialmente non siamo a favore, ma non tanto per i fatti in sé quanto per una questione di competenze: bisognerebbe prima capire se il Gran Consiglio dovrebbe verificare qualcosa dove il Cantone ha avuto una responsabilità effettiva in questa vicenda. E comunque - riprende Morisoli - finché c'è un'inchiesta penale è certamente prematuro, non ci verrebbero dati gli elementi necessari per approfondire. Poi, qualora emergessero responsabilità importanti del Cantone si potrebbe eventualmente chinarsi su un'eventuale Cpi».

Schönenberger (Verdi): ‘Ultima ratio’

Neanche i Verdi ne hanno ancora discusso, ma «a titolo personale» il capogruppo Nicola Schönenberger spiega: «È vero che i fatti accaduti sono gravi e di rilievo a livello istituzionale. Quindi i parametri per l'istituzione di una Cpi potrebbero anche esserci. Ma per me, tuttavia, è prematura come richiesta». Il motivo è che «ci sono stati una miriade di atti parlamentari sia a livello di Consiglio comunale sia di Gran Consiglio e prima di decidere se c'è bisogno di una Cpi, bisognerebbe avere le risposte. Inoltre - continua - ricordiamo che c'è anche una procedura penale in corso (aperta proprio in seguito alla denuncia dei Verdi, ndr). Se questi due iter dovessero risultare insoddisfacenti e se dovessero restare in ombra elementi importanti, avrebbe senso». Insomma, la Cpi «è l'ultima ratio, uno strumento per rielaborare gli avvenimenti. E invece la vicenda è ancora lungi dall'essere chiusa: per strada stanno succedendo ancora molte cose. Aspettiamo che torni la calma e con un occhio distanziato decideremo se è necessaria la Cpi o meno. Non credo debba essere, in questo momento, lo strumento per esercitare pressione politica e lo trovo un po' poco serio come approccio, se non abbiamo nemmeno dato all'esecutivo la possibilità di rispondere».

Agustoni (Ppd): ‘Il governo risponderà a tre atti parlamentari, poi si vedrà’

Di Cpi come ultima ratio parla anche il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni, che commenta: «Sul tavolo del Consiglio di Stato ci sono tre atti parlamentari, due interrogazioni e un’interpellanza alla quale verrà data verosimilmente risposta il prossimo Gran Consiglio. In più, oltre al procedimento penale aperto, il governo sarà presto ricevuto in audizione dalla Commissione competente. Prima di pensare a una Cpi vediamo cosa emergerà dalle risposte che darà il Consiglio di Stato, poi nel caso si vedrà».

 

Leggi anche:

Lugano, la polizia sgombera l'ex Macello

Le ruspe hanno demolito il Molino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved