demolizione-ex-macello-la-proposta-di-cpi-non-scalda-i-partiti
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
31 min

Scorribanda del lupo in Mesolcina: uccise nove pecore

La macabra scoperta risale a ieri, in località Ogreda. Dove cinque anni fa a far parlare di sé era stato M75
Bellinzonese
2 ore

Diploma d’onore a quattro agenti della Polizia cantonale

Sono stati premiati dalla Fondazione Carnegie per i salvatori di vite umane per aver impedito che un conducente in contromano provocasse un incidente
Mendrisiotto
4 ore

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Luganese
4 ore

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
4 ore

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
11 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
11 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
14 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
15 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
15 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
15 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
15 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
15 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
16 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
16 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
16 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
16 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
16 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
16 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
16 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
laR
 
05.06.2021 - 05:30

Demolizione Ex Macello, la proposta di Cpi non scalda i partiti

La richiesta di Commissione parlamentare d'inchiesta fatta dall'Mps non convince. La commissione Sanità e sicurezza sociale chiede un incontro al governo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La richiesta di istituire una Commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi) su quanto avvenuto sabato 29 maggio a Lugano, con lo sgombero e la demolizione dell'Ex Macello, comincia a far discutere la politica. Ma la sensazione è che l'atto inoltrato al Consiglio di Stato dai deputati dell'Mps martedì 1° giugno sia su un binario morto. «Non ne abbiamo ancora parlato, vedremo cosa dirà il Consiglio di Stato - ci risponde per la Lega la vicecapogruppo in Gran Consiglio Sabrina Aldi -. Però posso già dire che ci sono stati fatti per noi più importanti e gravi, penso ad esempio alla richiesta d'istituire una Commissione parlamentare d'inchiesta sull'ex funzionario del Dss, che non è stata accolta. In ogni caso, dal nostro punto di vista per ora non ci sono elementi che ne giustificano l'apertura». 

Gianella (Plr): ‘No, la magistratura faccia il suo corso’

Molto perplessa, per usare un eufemismo, è la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella: «Prima di tutto c’è la magistratura che sta indagando e, come abbiamo detto in altri casi, per noi è importante che prima la magistratura faccia il suo corso, e quindi non è sicuramente il momento dove andare a inserirsi quando è il Ministero pubblico a dover fare tutte le verifiche del caso». Inoltre, continua Gianella, «lunedì, quando abbiamo deciso di rinviare il tema in commissione, il Consiglio di Stato tramite il suo presidente Bertoli ha fatto richiesta di essere sentito in audizione dalla Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale. Di conseguenza c’è anche questo altro elemento in più». Insomma, per la capogruppo del Plr «a oggi non c’è motivo di istituirla perché lo scopo è fare prima chiarezza. La richiesta dell’Mps arriverà in Gestione, intanto la magistratura avrà fatto i suoi approfondimenti e la ‘Sanità e sicurezza sociale’ avrà fatto tutte le domande che deve fare al governo: senza tutti questi elementi sul tavolo mi chiedo anche come possiamo proprio materialmente prendere una decisione».

Polli (Commissione sanità e sicurezza sociale): ‘Chiesto incontro al governo per giovedì prossimo’

A proposito della Commissione sanità e sicurezza sociale, da noi interpellata la presidente Maristella Polli (Plr) ci spiega che «il tema è all’ordine del giorno: la prossima seduta sarà giovedì 10 giugno, e ho chiesto tramite la nostra segretaria a Manuele Bertoli se è fattibile avere lui o una delegazione del Consiglio di Stato in questa riunione per l’audizione. Abbiamo formulato questa richiesta, anche se al momento non abbiamo ancora ricevuto una risposta».

Durisch (Ps): ‘Potrebbe starci, ma dopo convergano le informazioni. E si attivi l'Ispettorato del lavoro’

«Viste la gravità degli avvenimenti accaduti e le varie versioni dei fatti che non coincidono, al di là delle procedure penali in atto e anche al di là dell’istanza agli Enti locali per verificare se le formalità cui doveva adempiere il municipio sono state rispettate, credo che bisognerà capire, considerata anche la partecipazione della Polizia cantonale, l’eventuale coinvolgimento di parte del Consiglio di Stato». È cauto ma apre alla possibilità di istituire una Cpi il capogruppo del Ps Ivo Durisch, secondo cui «l’unica cosa da fare è chiedere questi lumi, come è evidente che in seguito bisognerà far convergere le informazioni: attivare tre istanze differenti, e parlo di Ministero pubblico, sezione degli Enti locali e Commissione parlamentare d’inchiesta, che guardano ambiti diversi e aspetti differenti, necessiterebbe quantomeno una coordinazione, cosa che oggi vedo difficile, anche perché si tratta di tre poteri diversi». Ad ogni modo, per Durisch «una Cpi sarebbe figlia della necessità di fare chiarezza. Infine, mi chiedo se in merito alla questione delle ditte contattate per la demolizione dell’Ex Macello si sia già attivato l’Ufficio dell’ispettorato del lavoro».

Morisoli (Udc): ‘È certamente prematura finché c'è un'inchiesta penale in corso’

Secco il capogruppo dell'Udc Sergio Morisoli che, dopo aver premesso di non aver ancora discusso la proposta con il proprio gruppo parlamentare, afferma che «tendenzialmente non siamo a favore, ma non tanto per i fatti in sé quanto per una questione di competenze: bisognerebbe prima capire se il Gran Consiglio dovrebbe verificare qualcosa dove il Cantone ha avuto una responsabilità effettiva in questa vicenda. E comunque - riprende Morisoli - finché c'è un'inchiesta penale è certamente prematuro, non ci verrebbero dati gli elementi necessari per approfondire. Poi, qualora emergessero responsabilità importanti del Cantone si potrebbe eventualmente chinarsi su un'eventuale Cpi».

Schönenberger (Verdi): ‘Ultima ratio’

Neanche i Verdi ne hanno ancora discusso, ma «a titolo personale» il capogruppo Nicola Schönenberger spiega: «È vero che i fatti accaduti sono gravi e di rilievo a livello istituzionale. Quindi i parametri per l'istituzione di una Cpi potrebbero anche esserci. Ma per me, tuttavia, è prematura come richiesta». Il motivo è che «ci sono stati una miriade di atti parlamentari sia a livello di Consiglio comunale sia di Gran Consiglio e prima di decidere se c'è bisogno di una Cpi, bisognerebbe avere le risposte. Inoltre - continua - ricordiamo che c'è anche una procedura penale in corso (aperta proprio in seguito alla denuncia dei Verdi, ndr). Se questi due iter dovessero risultare insoddisfacenti e se dovessero restare in ombra elementi importanti, avrebbe senso». Insomma, la Cpi «è l'ultima ratio, uno strumento per rielaborare gli avvenimenti. E invece la vicenda è ancora lungi dall'essere chiusa: per strada stanno succedendo ancora molte cose. Aspettiamo che torni la calma e con un occhio distanziato decideremo se è necessaria la Cpi o meno. Non credo debba essere, in questo momento, lo strumento per esercitare pressione politica e lo trovo un po' poco serio come approccio, se non abbiamo nemmeno dato all'esecutivo la possibilità di rispondere».

Agustoni (Ppd): ‘Il governo risponderà a tre atti parlamentari, poi si vedrà’

Di Cpi come ultima ratio parla anche il capogruppo del Ppd Maurizio Agustoni, che commenta: «Sul tavolo del Consiglio di Stato ci sono tre atti parlamentari, due interrogazioni e un’interpellanza alla quale verrà data verosimilmente risposta il prossimo Gran Consiglio. In più, oltre al procedimento penale aperto, il governo sarà presto ricevuto in audizione dalla Commissione competente. Prima di pensare a una Cpi vediamo cosa emergerà dalle risposte che darà il Consiglio di Stato, poi nel caso si vedrà».

 

Leggi anche:

Lugano, la polizia sgombera l'ex Macello

Le ruspe hanno demolito il Molino

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cpi ex macello gran consiglio molino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved