BENCIC B. (SUI)
0
MLADENOVIC K. (FRA)
0
1 set
(0-1)
niente-solidarieta-a-borradori-la-lega-abbandona-l-aula
Banchi vuoti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
7 ore

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
7 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
8 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
8 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
9 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
9 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
9 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
10 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
01.06.2021 - 15:400
Aggiornamento : 21:11

'Niente solidarietà a Borradori?'. La Lega abbandona l'aula

Boris Bignasca denuncia 'l'assalto dei teppisti dello Csoa' e con il gruppo lascia i lavori parlamentari

All'indomani della manifestazione degli autogestiti, ieri sera, in via Motta sotto la casa del sindaco di Lugano Marco Borradori, oggi il granconsigliere e capogruppo della Lega, Boris Bignasca, è intervenuto sollevando come il Parlamento per mezzo dell'Ufficio presidenziale non ha dato la sua totale solidarietà a Borradori.  Bignasca ha parlato di "assalto a via Motta da parte dei teppisti dello Csoa", qualificando "di una gravità inaudita" quanto messo in atto dai manifestanti ieri sera in risposta alla demolizione dell'ex Macello avvenuta sabato notte. 

Il gruppo della Lega in Gran Consiglio ha chiesto, dunque, al presidente Nicola Pini di esprimere - in apertura di seduta - piena solidarietà al sindaco di Lugano, "minacciato solo per aver esercitato le sue funzioni di membro dell'esecutivo democraticamente eletto dai cittadini, il tutto di concerto con la maggioranza dell'esecutivo", "solidarietà che va estesa a tutti i municipali, a tutte le forze dell'ordine e a tutte/i le cittadine/i onesti che da anni sono costretti a vivere nella paura per colpa dei teppisti dello CSOA". Boris Bignasca ha proseguito: "condanniamo la violenza dei teppisti dello Csoa che hanno solo negli ultimi mesi perpetrato tutta una serie di inciviltà e di reati: perturbazione del traffico ferroviario, lesioni a una giornalista, occupazione di stabili altrui privati e pubblici, manifestazioni non autorizzate, minacce, danneggiamenti, sommossa, aggressioni ai danni delle forze dell'ordine e tanto altro".

Risultato?  Il gruppo della Lega ha deciso di abbandonare l'aula del Gran Consiglio "perché non riteniamo di poter continuare a esercitare il nostro mandato democratico se sottoposti a costanti minacce per la sola colpa delle nostre idee". 

L’Aventino leghista spiegato dalla vicecapogruppo Sabrina Aldi: 'Siamo senza parole'

È scurissima in volto la vicecapogruppo della Lega Sabrina Aldi nei corridoi del Gran Consiglio, immediatamente dopo l’uscita dall’aula del gruppo leghista. «È stata una decisione convinta e unanime di tutti noi - risponde alla ‘Regione’ -, perché dall’Ufficio presidenziale non è giunta la convinta e forte solidarietà che ci aspettavamo non solo per il politico Marco Borradori, ma per l’uomo Marco Borradori. È una questione umana oltre che politica, siamo senza parole. E finché la situazione non si risolverà noi non rientreremo e non parteciperemo ai lavori». 


Banchi vuoti



 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved