ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
12 min

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
18 min

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
40 min

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
1 ora

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
1 ora

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
1 ora

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
1 ora

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
2 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
01.06.2021 - 15:40
Aggiornamento: 21:11

'Niente solidarietà a Borradori?'. La Lega abbandona l'aula

Boris Bignasca denuncia 'l'assalto dei teppisti dello Csoa' e con il gruppo lascia i lavori parlamentari

niente-solidarieta-a-borradori-la-lega-abbandona-l-aula
Banchi vuoti

All'indomani della manifestazione degli autogestiti, ieri sera, in via Motta sotto la casa del sindaco di Lugano Marco Borradori, oggi il granconsigliere e capogruppo della Lega, Boris Bignasca, è intervenuto sollevando come il Parlamento per mezzo dell'Ufficio presidenziale non ha dato la sua totale solidarietà a Borradori.  Bignasca ha parlato di "assalto a via Motta da parte dei teppisti dello Csoa", qualificando "di una gravità inaudita" quanto messo in atto dai manifestanti ieri sera in risposta alla demolizione dell'ex Macello avvenuta sabato notte. 

Il gruppo della Lega in Gran Consiglio ha chiesto, dunque, al presidente Nicola Pini di esprimere - in apertura di seduta - piena solidarietà al sindaco di Lugano, "minacciato solo per aver esercitato le sue funzioni di membro dell'esecutivo democraticamente eletto dai cittadini, il tutto di concerto con la maggioranza dell'esecutivo", "solidarietà che va estesa a tutti i municipali, a tutte le forze dell'ordine e a tutte/i le cittadine/i onesti che da anni sono costretti a vivere nella paura per colpa dei teppisti dello CSOA". Boris Bignasca ha proseguito: "condanniamo la violenza dei teppisti dello Csoa che hanno solo negli ultimi mesi perpetrato tutta una serie di inciviltà e di reati: perturbazione del traffico ferroviario, lesioni a una giornalista, occupazione di stabili altrui privati e pubblici, manifestazioni non autorizzate, minacce, danneggiamenti, sommossa, aggressioni ai danni delle forze dell'ordine e tanto altro".

Risultato?  Il gruppo della Lega ha deciso di abbandonare l'aula del Gran Consiglio "perché non riteniamo di poter continuare a esercitare il nostro mandato democratico se sottoposti a costanti minacce per la sola colpa delle nostre idee". 

L’Aventino leghista spiegato dalla vicecapogruppo Sabrina Aldi: 'Siamo senza parole'

È scurissima in volto la vicecapogruppo della Lega Sabrina Aldi nei corridoi del Gran Consiglio, immediatamente dopo l’uscita dall’aula del gruppo leghista. «È stata una decisione convinta e unanime di tutti noi - risponde alla ‘Regione’ -, perché dall’Ufficio presidenziale non è giunta la convinta e forte solidarietà che ci aspettavamo non solo per il politico Marco Borradori, ma per l’uomo Marco Borradori. È una questione umana oltre che politica, siamo senza parole. E finché la situazione non si risolverà noi non rientreremo e non parteciperemo ai lavori». 


Banchi vuoti



 

Leggi anche:

Molino, autogestiti sotto casa del sindaco. Bloccato il lungolago

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved