la-gioventu-dibatte-titoli-a-bellinzona-e-tesserete
La gioventù dibatte
28.05.2021 - 17:26
Aggiornamento : 19:59

La gioventù dibatte, titoli a Bellinzona e Tesserete

Il concorso ‘punta a creare una cultura del dibattito, strumento essenziale della democrazia, nella scuola e nella società’

La pandemia non ha fermato l'associazione ‘La gioventù dibatte’ e nemmeno il concorso, che quest'anno ha vinto, per quanto concerne le scuole medie superiori, la coppia Antonio Martignoni e Manu Cristini del Liceo di Bellinzona ha vinto il titolo cantonale di dibattito opposta alla coppia Claudia Picozzi e Cloe Compagnoni del Liceo di Lugano 2. Tema del dibattito, in votazione il 13 giugno: Si deve sostenere l’iniziativa popolare federale Acqua potabile pulita e cibo sano?

A imporsi nella categoria delle scuole medie la coppia Lara Schmidt e Sofia Nobile di Tesserete, che si è confrontata con la coppia Matilda Meneghetti e Selena Inaudi di Lugano Besso sul tema controverso e d’attualità: ‘Si devono porre dei limiti alla libertà di espressione sui social media?’. Il concorso “costituisce l'aspetto competitivo di un progetto soprattutto educativo, che punta a creare una cultura del dibattito, strumento essenziale della democrazia, nella scuola e nella società”, scrive l'associazione.

La fase di qualificazione dei due concorsi, svoltasi online, ha registrato la partecipazione di 33 coppie di 15 sedi scolastiche, con il coinvolgimento di 30 docenti e 600 allievi nelle fasi di esercitazione e di preparazione in classe.

‘La gioventù dibatte’ ha inoltre collaborato con la Società cooperativa per la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana (Corsi) all'evento ‘Giovani e informazione: sfida epocale’, al quale hanno partecipato due studenti universitari in studio quattro tramite video–messaggi utilizzati per il lancio della serata. Inoltre, a seguito di una preparazione metodologica e pratica durante le ore di economia e diritto, gli studenti di due quarte del liceo di Locarno hanno dibattuto sul tema: ‘I cittadini devono poter decidere di pagare solo le trasmissioni radio e tv di cui usufruiscono?’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved