ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
4 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
5 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
6 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
6 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
7 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
7 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
20.05.2021 - 17:56
Aggiornamento: 21.05.2021 - 15:57

Verso il via libera all'iniziativa 'Per la qualità delle cure'

Sì unanime della commissione Sanità e sicurezza sociale al rapporto di Alberti (Lega) e Cedraschi (Plr) sul controprogetto del governo. Promotori soddisfatti

verso-il-via-libera-all-iniziativa-per-la-qualita-delle-cure
Ti-Press

È un sì unanime quello uscito dalla commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale per il controprogetto che il Consiglio di Stato ha proposto per l'iniziativa popolare legislativa ‘Per la qualità e sicurezza delle cure ospedaliere’, inoltrata nel 2017 con primo firmatario il direttore dell'Obv Brenno Balestra. Aderendo al rapporto stilato da Eolo Alberti (Lega) e Alessandro Cedraschi (Plr), la commissione dà il proprio via libera quindi a una serie di modifiche. Quelle legislative, innanzitutto: nella Legge di applicazione della Lamal troverà spazio “il concetto di riconoscimento d'interesse pubblico, nel senso di istituto necessario alla copertura del fabbisogno di cure della popolazione residente nel Cantone” e ”la definizione di ‘appropriatezza’ in aggiunta a ‘qualità’ ed ’economicità’ nella valutazione degli istituti da inserire sulla lista ospedaliera”. Ma non solo, perché figura anche “l'obbligo di disporre di strumenti e procedure che garantiscano la sicurezza dei pazienti”. A livello del Decreto legislativo che concerne l'elenco degli istituti autorizzati a esercitare a carico della Lamal, invece, viene inserito “il riferimento al modello sviluppato dal Cantone di Zurigo in merito ai gruppi di prestazione della pianificazione ospedaliera, corredato dai rispettivi requisiti” e ”la possibilità data al Consiglio di Stato di adeguare i mandati e i requisiti alla realtà cantonale, ogni qualvolta il Canton Zurigo attualizza il modello, nella misura in cui si tratti di adeguamenti formali e di lieve entità”.

I promotori pronti a ritirare l'iniziativa se passerà il controprogetto

Le audizioni, si legge nel rapporto di Alberti e Cedraschi, “hanno evidenziato una diversa percezione della necessità di regolamentazione da parte degli istituti privati rispetto ai rappresentanti dell'Ente cantonale ospedaliero. I primi sostengono di disporre di sufficienti organismi di controllo interni che garantiscono l'erogazione di prestazioni appropriate, di qualità e in sicurezza e individuano nella regolamentazione proposta una complicazione di procedura non proporzionale ai risultati attesi”. Tant'è. Ad ogni modo, “la commissione ritiene importante che questo il regolamento sia posto in consultazione presso tutti gli attori interessati prima della formale adozione, in modo da appianare per quanto possibile eventuali criticità, scongiurando possibili ricorsi”.

I promotori dell'iniziativa “sono disposti a ritirare l'iniziativa qualora il Gran Consiglio accettasse le proposte del Consiglio di Stato”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved