la-pandemia-non-ferma-le-attivita-del-wwf
Uno dei progetti: la valorizzazione della Cerreta di Premoran a Meride (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
11 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
17 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
18 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
22 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
22 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
22 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
AMBIENTE
23.04.2021 - 11:23
Aggiornamento: 19:58

La pandemia non ferma le attività del Wwf

La sezione della Svizzera italiana traccia un bilancio di quanto fatto e dei molti progetti in cantiere. Intanto si impegna per la Legge sul Co2

La pandemia non ferma le numerose attività del Wwf ticinese. Si potrebbe sintetizzare così il bilancio tracciato dall’associazione ambientalista, impegnata su molti fronti a livello sia nazionale che cantonale. In occasione dell’assemblea ordinaria, il presidente per la Svizzera italiana Massimo Mobiglia è partito proprio dall’intersezione tra emergenza sanitaria ed emergenza climatica: “L’impatto positivo sul clima del lockdown è stato molto parziale e su un periodo di pochi mesi”, ha detto, “ed è paradossalmente possibile che questa emergenza porti a cambiamenti comportamentali negativi per l’ambiente, ad esempio prediligendo modalità di spostamento individuali anziché pubbliche”. Il presidente ha auspicato che si possa presto affrontare l’emergenza climatica con la stessa determinazione di quella sanitaria.

Intanto, però, il Wwf non è rimasto con le mani in mano e sarà fortemente impegnato a sostenere il ‘sì’ alla nuova legge sul Co2, giudicata “un primo passo senza il quale molti altri passi non potrebbero essere fatti”, una legge che “premia i virtuosi” restituendo i proventi della tassa alla popolazione, “in quanto i ceti meno abbienti riceveranno indietro più sovvenzioni per le casse malati di quanto dovranno pagare” (la tassa, ha ribadito Mobiglia, “è ridistributiva e non va a rimpinguare le tasse della Confederazione”). Positiva per il Wwf, intanto, la bocciatura della nuova legge sulla caccia. E se è vero che il Ticino ha votato a favore, Mobiglia ha ricordato che il suo sì è stato quello più risicato per i cantoni dell’arco alpino, quelli nei quali la paura dei ‘predatori’ ha giocato il ruolo maggiore alle urne.

A livello ticinese si è dovuto fare i conti con l’impatto delle restrizioni sanitarie sulle attività di gruppo, che pure sono riuscite a proseguire. Mobiglia ha salutato con favore l’evoluzione di numerosi progetti, dalla rinaturazione del fiume Ticino al progresso dei lavori per il Parco del Piano di Magadino. Un progetto tra i tanti che vede coinvolto anche il Wwf, e in particolare il responsabile Maggi, che ha illustrato il complesso lavoro in cantiere per realizzare, tra le altre cose, un percorso ciclabile e la valorizzazione dei biotopi. Valorizzazione in corso anche lungo il corso del Ticino, reso in passato di difficile ‘vivibilità’ a causa dell’impatto sui volumi idrici – dunque sulla fauna – delle centrali idroelettriche e della forte antropizzazione. Anche in questo caso il Wwf collabora con gli enti locali e le autorità cantonali per un ampio progetto di rinaturazione e protezione della biodiversità.

Reggono infine le entrate che servono a sostenere tutti questi progetti. È vero che la crisi in Ticino si fa già sentire sul numero di tesserati, ma lasciti generosi, nuove collaborazioni con fondazioni e la sostanziale tenuta degli introiti a livello svizzero promettono al Wwf un altro anno in piena attività.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambiente co2 ticino wwf
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved