ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
44 min

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
1 ora

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
1 ora

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
1 ora

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
1 ora

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
2 ore

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
2 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
3 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
3 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
3 ore

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
20.04.2021 - 15:43

‘Per il Covid-19 mi testo così’

Le autorità sanitarie hanno allestito una pagina web e un video esplicativo per fare correttamente i tamponi per l’autodiagnosi

per-il-covid-19-mi-testo-cosi
Archivio Ti-Press

La popolazione dispone oggi di numerosi test per il coronavirus, che hanno caratteristiche profondamente diverse: per evitare confusione e risultati fuorvianti, che potrebbero generare false sicurezze, le autorità cantonali considerano fondamentale che per ogni situazione venga scelto il test più appropriato. Per fare chiarezza sul tema, è stato quindi pubblicato un flyer informativo, accompagnato da una pagina web sul portale dedicato.

L’arrivo nelle farmacie ticinesi dei metodi autodiagnostici, i cosiddetti ‘test fai da te’, ha ampliato ulteriormente le possibilità di verificare la presenza di un contagio da coronavirus. Per utilizzare in maniera corretta questi strumenti, è però necessario seguire una semplice procedura che distingue tra la presenza o l’assenza di sintomi.

Cosa fare in presenza di sintomi

In presenza di un minimo sintomo del Covid-19 (mal di gola, tosse, perdita di gusto e/o olfatto), è imperativo sottoporsi subito al test Pcr, annunciandosi alla Hotline cantonale (al numero 0800 144 144) o al proprio medico. È inoltre possibile farsi testare in una farmacia autorizzata (la lista è pubblicata sulla pagina web www.ti.ch/coronavirus). Il test è gratuito: in attesa del risultato, occorre porsi in auto-isolamento. In caso di peggioramento dei sintomi, è possibile rivolgersi al proprio medico o alla guardia medica (al numero 091 800 18 28).

Cosa fare in assenza di sintomi

Prima di un incontro con persone a rischio (per esempio prima di una visita in ospedale o in casa anziani) è invece necessario rivolgersi a una delle farmacie autorizzate, per un test rapido. La procedura è anche in questo caso gratuita, poiché i costi sono coperti dalla Confederazione. Va sottolineato che il test ‘fai da te’ non va utilizzato in caso di incontri con persone vulnerabili oppure in presenza di sintomi.

Chi intende farsi testare in vista di un incontro con persone non a rischio (per esempio prima di una cena con amici, un incontro di lavoro, ecc.) può rivolgersi a una farmacia autorizzata. In queste circostanze è ammesso anche il test autodiagnostico (‘fai da te’), da ritirare gratuitamente in farmacia. In questo caso è importante seguire le istruzioni di utilizzo. A questo proposito segnaliamo che la Confederazione ha realizzato un video informativo sul corretto utilizzo.  

In ogni circostanza, di fronte a un test ‘fai da te’ positivo è necessario annunciarsi alla Hotline cantonale (al numero 0800 144 144) o al proprio medico, per eseguire un test Pcr di conferma.  

Le autorità cantonali ricordano che un risultato negativo del test ha un valore limitato nel tempo, indicativamente solo per il giorno in cui è stato eseguito: in altre parole, significa che la persona non è contagiosa nel momento in cui ha svolto il test ma ciò non esclude la presenza di un’infezione da coronavirus. Perciò un eventuale incontro con persone non a rischio può avvenire solo nelle ore immediatamente seguenti un test negativo. Per lo stesso motivo è poi essenziale continuare ad applicare sempre tutte le regole di protezione (distanza, mascherina, igiene delle mani).

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved