ci-aspettiamo-un-aumento-dei-ricoveri-in-terapia-intensiva
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
31 min

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
31 min

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
32 min

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
33 min

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
1 ora

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
2 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
2 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
3 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
3 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
3 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
3 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
3 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
4 ore

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
02.04.2021 - 11:04
Aggiornamento: 18:08

'Ci aspettiamo un aumento dei ricoveri in terapia intensiva'

Aumento dei contagi in età pediatrica ma con numeri di ricoveri limitati e minori della seconda ondata

Le autorità cantonali hanno organizzato oggi un momento informativo per un aggiornamento sulla situazione epidemiologica. Presenti Giorgio Merlani, Medico cantonale e Lisa Kottanattu, Caposervizio dell’Istituto pediatrico della Svizzera italiana dell'EOC

Giorgio Merlani: «Dopo un periodo di relativa stabilità fra gennaio e marzo i valori sono di nuovo in salita, sia in termini di numero di test effettuati sia in termini di numeri assoluti, con un tasso di replicazione costantemente superiore a 1, con punte di 1,2 e con la media quotidiana intorno a 80, mentre qualche settimana fa era intorno a 40-50, quindi è raddoppiata.

In termini di pressione sugli ospedali il numero di ricoveri è aumentato rispetto alle dimissioni, è importante da dire tuttavia che i ricoveri sono riferiti a una fascia di età diversa: avendo vaccinato le persone più vulnerabili, di rifletto si osserva che le persone ricoverate sono soprattutto tra i 60 e i 75 anni, perchè le persone over 70 non sono ancora tutte vaccinate o non tutte in modo completo. Anche il fatto che la variante inglese abbia un decorso più grave contribuisce all'aumento dei ricoveri, per cui anche persone giovani che contraggono una delle varianti hanno spesso delle complicazioni: anche se si registra una degenza ospedaliera mediamente più corta, sono pazienti giovani sui quali si investe ogni energia, e che in caso di complicazioni vengono ricoverati in terapia intensiva, quindi ci si aspetta un aumento in questo senso.»

«Sono state ridotte attività elettive, modificati i turni e tagliate le vacanze al personale sanitario: uno sforzo che viene fatto per la popolazione, a cui si chiede di continuare a rispettare le regole» ha dichiarato il medico cantonale

Test Pcr per i viaggi ancora a pagamento

«Il sistema dei test per le persone asintomatiche è diverso da quello per le persone sintomatiche, occorre dividere le procedure: se si hanno sintomi, è opportuno contattare il medico di famiglia e fare il tampone Pcr, se invece non si hanno sintomi allora è opportuno chiamare la farmacia. Se una farmacia non ha disponibilità, si può chiamare un'altra dalla lista pubblicata sul sito del Cantone. L'unico test attualmente a pagamento» ha ribadito Merlani, «è il test Pcr che viene richiesto per un viaggio. Il test rapido è invece, come già detto, gratuito, e non deve essere pagato al farmacista. 

L'autotest in arrivo mercoledi è diverso per alcuni aspetti: è più semplice, quindi non deve essere fatto nella rinofaringe ma all'interno dei primi 2 cm della narice, l'affidabilità è tuttavia inferiore rispetto al test rapido e ancora più bassa rispetto a un test Pcr, quindi non va usato in nessun caso se si hanno dei sintomi. «Non è una sicurezza assoluta» ha ribadito il medico cantonale. 

Il medico cantonale ha rivelato che si sta lavorando a un progetto di test "collettivo": l'idea è di fare in un punto preciso tutto insieme il test, ripetuto ogni 3 giorni, ciò che con una buona adesione potrebbe fare la differenza in termini di contrasto della pandemia.

Ricerca delle varianti solo in casi particolari

Riguardo all'apertura delle scuole, il medico cantonale ha ribadito che le indagini ambientali e i piani di protezione, l'uso delle mascherine e i test immediati hanno dimostrato che si può andare avanti: i test di massa non fanno la differenza, ma la fanno le indagini ambientali in caso di allievi positivi, che rilevano spesso al massimo un altro positivo.

Da lunedi, ha dichiarato Merlani, non verrà più verificato se un contagio è riferito alla variante inglese o meno: il test di sequenziamento di tutto il virus verrà effettuato solo in casi di focolaio difficili da contenere, decorsi gravi, casi di positività al ritorno da paesi a rischio. In questi casi si cercherà di capire esattamente qual è il virus e le sue particolarità.

Per le case anziani nel periodo pasquale sono previsti allentamenti, in virtù della situazione positiva in termini di assenza di contagi e dell'avanzare della campagna di vaccinazione: ad esempio i residenti potranno trovarsi in tavoli da 5 distanziati, e le visite saranno concesse in modo più larghi.

Il 6,7% delle persone, 23'618 persone, è stato vaccinato con due dosi: il calcolo però si basa su tutta la popolazione, compresi i ragazzi sotto i 16 anni che non sono attualmente compresi nel piano vaccinale, quindi la percentuale reale si aggira intorno al 10%. In 43'000  hanno ricevuto solo una dose. Si hanno pochi effetti collaterali sia in termini di numeri sia di gravità: è vero che ci sono persone anziane con patologie pregresse che dopo il vaccino possono avere dei decorsi gravi, ma si indaga subito se esse abbiano una relazione temporale o causale o meno col vaccino, ovvero se accadono semplicemente dopo l'aver assunto il vaccino o se invece insorgono proprio a causa di esso.

Aumentati i contagi in età pediatrica, ma pochi i ricoveri

Lisa Kottanattu: «non abbiamo avuto decorsi gravi a livello pediatrico, anche se le varianti colpiscono maggiormente questa fascia. Nella seconda ondata sono stati molto meno i bambini ricoverati, circa 3 o 4 con un buon decorso clinico, nella prima ondata erano una decina. Sono però aumentati i numeri dei bambini contagiati dalla variante inglese, soprattutto fra i 6 e i 12 anni, ciò che ha portato all'emanazione di nuove linee direttive circa i test sui bambini.

L'obiettivo è quello di evitare i focolai, testare di più i bambini dai 6 anni in su, fascia di età per cui sono stati adeguati i test allineandoli a quelli degli adulti. Per la fascia sotto i 6 anni c'è un algoritmo specifico, e possono essere testati in caso di sintomi chiari o di contatto con persone positive. Rimane in vigore il test Pcr in età pediatrica, che è quello che stato fatto prima di avere i test salivari: adesso si sa che si può usare il test col campionamento salivare anche su bambini sopra i 6 anni sintomatici, sotto i 6 anni non ci sono dati.

Il test salivare ha delle peculiarità su cui bisogna essere attenti: ad esempio nell'ora precedente i bambini devono essere a digiuno e non devono bere nè lavare i denti, la saliva dev'essere fatta colare tre volte di fila, e i tempi di campionamento possono essere più lunghi. Dal punto di vista del test antigenico in età pediatrica, parlando sempre di bambini sintomatici, non ci sono dati per i bambini sotto i 12 anni, quindi la prima opzione resta sempre il test Pcr.»

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus giorgio merlani lisa kottanattu ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved