ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
55 min

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
1 ora

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
2 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
3 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
3 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
4 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
4 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
4 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
4 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
4 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
4 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
5 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
19.04.2021 - 22:33
Aggiornamento: 26.03.2022 - 14:49

Patente, mesi di attesa per i corsi due fasi

Per i giovani conducente è necessario effettuare la formazione entro un anno, e se non si fa in tempo?

patente-mesi-di-attesa-per-i-corsi-due-fasi
Ti-Press

Prossima data disponibile? Fra sei mesi. Non stiamo parlando di vaccini ma del corso due fasi, obbligatorio entro un anno dall’ottenimento della licenza di condurre in prova. Pena, una multa fino a 300 franchi ogni volta che si viene fermati. "Il mio consiglio è di portare con sé la convocazione al corso e, in caso di un controllo da parte degli organi di polizia, mostrarlo a comprova che l’appuntamento è stato fissato con largo anticipo. Sperando poi nella comprensione degli agenti incaricati". Suggerimento dato a una giovane neopatentata da parte di una segretaria della Sezione della circolazione. Consiglio del quale non è però convinto Roberto Curiale, capo del Servizio esami: «Se per motivi non previsti dall’ordinanza, non si è riusciti a partecipare al corso prima di un anno, consiglio di non circolare fino all’ottenimento dell’attestato». La normativa prevede dunque eccezioni per chi non ha potuto condurre veicoli a motore a causa di una revoca della licenza di condurre, per chi ha trascorso un periodo all’estero a scopo di formazione o perfezionamento e per coloro che hanno prestato servizio militare in ferma continua.

La lunga attesa per partecipare al corso due fasi può essere spiegata, secondo Curiale, con lo stop forzato delle attività durante il primo lockdown. Anche se, ricorda, in Ticino sono due gli organizzatori, il Tcs di Rivera e il Safe driving di Osogna, ed è probabile che uno di essi abbia posto prima.

Coronavirus che, come detto, ha toccato anche queste attività: «Con la riapertura gli organizzatori sono riusciti ad allestire i corsi, con meno persone o preparando sale più grandi», aggiunge Curiale e spiega che la parte del corso che si svolge in macchina non pone particolari problemi di distanziamento, poiché ognuno si trova nella propria vettura e l’insegnante comunica tramite delle radio.

Da due giornate a una

Inizialmente il corso due fasi si svolgeva in due giornate. A partire dal 2020, invece, è necessario partecipare solo alla prima, ma deve essere effettuata entro un anno dal superamento dell’esame pratico di guida. Per quale motivo? «Il corso tocca aspetti importanti legati alla sicurezza, alla guida ecologica, alle frenate e altri punti. È stato giudicato importante che queste nozioni vengano impartite all’inizio del periodo di patente in prova», spiega Curiale.

L’iter per l’ottenimento della patente

Gli aspiranti allievi conducenti iniziano il loro percorso con il controllo della vista e il corso samaritani, anche chiamato corso di pronto soccorso, illustra il capo del Servizio esami. In seguito inviano alla Sezione della circolazione i formulari e l’incarto viene aperto. Da quel momento possono presentarsi all’esame teorico, dal 2021 già dai 17 anni d’età. Una volta superato l’esame teorico essi ricevono la licenza di allievi conducenti, con essa è possibile fare scuola guida e parallelamente è necessario seguire il corso di teoria della circolazione, conosciuto anche come corso di sensibilizzazione. Una volta raggiunto un buon livello di guida si fa l’esame pratico. Se viene superato si ottiene la licenza di condurre in prova per tre anni, entro il primo bisogna effettuare il corso due fasi.

Il falso mito

Alcune volte, parlando con amici e conoscenti, si sente dire che è obbligatorio effettuare delle lezioni di guida con un maestro. Falso, anche se Curiale lo consiglia: «Trovo molto utile combinare lezioni col maestro di guida alla pratica con altre persone». Se ci si presenta all’esame pratico con una macchina privata, bisogna tenere conto che verrà eseguito un controllo della vettura. «Non vuol dire che facciamo un collaudo, ma verifichiamo pneumatici, luci, freno a mano, se dal lato passeggero si vede il tachimetro e altri elementi – prosegue –. Le automobili dei maestri conducenti, invece, vengono già collaudate da noi e sono omologate come veicoli di scuola guida. Per questo motivo non necessitano di controllo all’esame».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved