l-agente-condannato-per-post-nazisti-ora-minaccia-un-vandalo
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
25 min

Incidente e disagi sull’A2, all’altezza di Collina d’Oro

Urto fra un’auto e un camioncino poco dopo la galleria. E l’autostrada va in tilt: lunghe code in direzione nord
Ticino
39 min

Lettura, un problema per quasi un quindicenne su cinque

L’Associzaione leggere e scrivere: il nostro cantone supera comunque la media svizzera e si situa in quella dei paesi più performanti
Ticino
1 ora

Giornate da ‘bollino rosso’ in arrivo sulle strade ticinesi

Ascensione, Pentecoste e Corpus Domini porteranno con sé un considerevole aumento del traffico sulla rete viaria cantonale
Bellinzonese
2 ore

Giubiasco, Piazza Grande sarà presto zona d’incontro a 20 km/h

Il progetto è in pubblicazione al Dicastero territorio e mobilità a Sementina. Il 16 settembre prevista una festa di inaugurazione
Ticino
2 ore

Contagi, ospedalizzati e pazienti in cure intensive in calo

Buone nuove nelle ultime 24 ore sul fronte coronavirus in Ticino. Dove per il terzo giorno consecutivo non si registrano decessi
Luganese
3 ore

‘La massa critica per riportare i tifosi a Cornaredo c’è’

Con Roberto Badaracco, vicesindaco di Lugano, ripercorriamo le vicissitudini che hanno caratterizzato l’ultimo anno dell’Fc Lugano
Bellinzonese
4 ore

Il Social Truck cerca nuovi partner per aiutare ancora i giovani

Il servizio offerto ai ragazzi di Bellinzona necessita di nuovi fondi visto che a settembre finiranno i sussidi della Confederazione
Gallery
Locarnese
5 ore

Violento incendio in un appartamento in via San Jorio

Vasto dispiegamento di pompieri a Locarno: palazzina evacuata. Due persone intossicate e un ferito portati all’ospedale per le cure del caso
Locarnese
7 ore

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Ticino
7 ore

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
7 ore

‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’

Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Grigioni
15 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
13.04.2021 - 21:03
Aggiornamento : 22:48

L'agente condannato per post nazisti ora minaccia un vandalo

Paventa il pestaggio dell'ignoto che ha colpito la sua auto. Fu promosso a sergente maggiore nel 2018 sebbene su Facebook inneggiasse a Hitler e Mussolini

Scendi nel parcheggio, trovi la tua automobile vandalizzata. Chiaro che non la prendi bene. Da lì a minacciare di pestaggio sui social l'ignoto responsabile, però, dovrebbe passarcene. Soprattutto se sei un sergente maggiore della Polizia cantonale. A maggior ragione se qualche anno fa eri stato condannato per aver postato sui social contenuti di stampo nazifascista, eppure nel frattempo ti hanno perfino promosso. Sembra invece essersi dimenticato della divisa l’agente che stasera, dopo aver scoperto i segni di vigorose sprangate sulla carrozzeria dell’auto, ha pensato bene di affidarsi a Facebook per rivolgersi a “quel succedaneo d’uomo nonché figlio di padre ignoto”. L’“omuncolo” è avvertito: “La mia auto la troverai lì spesso e se ti fa star bene puoi continuare a danneggiarla ma ti avviso: è un po’ come la roulette russa, può andare sempre bene come può anche non essere così”, al punto che il teppista rischierebbe di trovare “la Kinder sorpresa”.

L’agente poi abbandona la metafora per farsi capire meglio: se gli capiterà di incontrarlo, dice al vandalo, “ti posso assicurare su tutto ciò che ho di caro a questo mondo che per il tempo necessario dimenticherò chi sono nella vita e sarà forse l’unica volta che non vedrai l’ora che arrivino in tuo aiuto i tanti odiati sbirri! Applicherò un'antica legge non comune alle nostre latitudini...”. Suona poco raccomandabile la conclusione del post: “Ora ti lascio caro ‘amico’, sperando di incontrarti presto”.

Va detto che l'autore del post, di età attorno alla sessantina, non sa chi sia lo scellerato che gli ha fatto a pezzi la carrozzeria, anche se una mezza idea se l'è fatta: potrebbe essere colui che “da quattro anni, più precisamente dalla mia vicenda di Facebook, mi insulta e minaccia regolarmente in Messenger (naturalmente celato dietro falso nome)”. Il riferimento è al servizio di messaggistica privata di Facebook. Lo scritto prosegue: “A questi voglio dire che è entrato nella mia vita e nella mia vita non c’è democrazia! Se hai una particolare nevrosi nei miei confronti o senti di avere risentimento o rabbia, o magari invidia, ti invito ad affrontarmi a viso aperto”. 

'La soluzione per questi maiali’

Viene naturalmente da chiedersi se una persona apparentemente così irascibile sia al suo posto nel ruolo di sergente maggiore, oppure se avessero ragione coloro che nel 2018 ne deploravano la promozione riconosciuta "a fronte delle sue capacità professionali" e "in ragione del fatto che ha scontato le sanzioni comminategli, sia amministrativamente sia penalmente". D'accordo, però si trattava comunque – questa la sostanza delle obiezioni all’epoca – di qualcuno che nel 2015 aveva postato su Facebook foto di Benito Mussolini e Adolf Hitler col commento “La soluzione! L’unica per questi maiali!”. E ancora – come rivelato a suo tempo dal portale d’informazione ‘Gas social’ – “gialli con gialli, neri con neri, musulmani con musulmani! D'altronde se Dio ha creato continenti e razze un motivo c'era!”. O ancora: “A mali estremi… estrema destra”. Condannato a suo tempo a 90 aliquote pecuniarie giornaliere, sospese condizionalmente per un periodo di due anni, l’agente era stato poi pienamente reintegrato nelle sue funzioni. A contestare in seguito la promozione, tra gli altri, anche la Federazione svizzera delle comunità israelite e la Commissione federale contro il razzismo.

Interpellata sulla vicenda di stasera, la Polizia cantonale ha risposto tramite il suo portavoce Renato Pizolli, che prendendo tempo in attesa di ulteriori accertamenti ci ha detto: «Abbiamo preso atto di quanto segnalato e da parte del Comando della Polizia cantonale sono state avviate le verifiche del caso. Al momento è prematuro esprimersi oltre. Si precisa comunque che già sin d'ora la direzione della Polizia cantonale deplora i toni e i contenuti del post in questione».

 

Leggi anche:

Verrà promosso il poliziotto che inneggiò al nazismo

Poliziotto agente di polemica

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
facebook hitler mussolini polizia cantonale sergente maggiore
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved