l-agente-condannato-per-post-nazisti-ora-minaccia-un-vandalo
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
18 min

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
1 ora

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
1 ora

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
Gallery
Luganese
1 ora

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni
Luganese
1 ora

Svizzera e Ucraina firmano un’intesa per la protezione del clima

La convenzione ‘permette di mobilitare fondi in aggiunta alla cooperazione internazionale’, afferma il Datec
Speciale ucraina
LIVE

‘La Russia sta attaccando i valori di tutti i Paesi democratici’

Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto all’inaugurazione dell’Ukraine recovery conference di Lugano. Segui il live del laRegione
Bellinzonese
2 ore

Musica da camera, tutto pronto per il Montebello Festival

Scatta domani a Bellinzona la 16esima edizione della rassegna internazionale
Luganese
2 ore

‘L’Ucraina può contare sul nostro costante sostegno’

Per la presidente della Commissione Ue Von der Leyen, la conferenza di Lugano è ‘fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale’
Luganese
2 ore

E la Coop di Breganzona sarà ampliata e rinnovata

Inoltrata la domanda di costruzione alla Città di Lugano. La ristrutturazione sarà conclusa entro la prossima primavera. Sul tetto impianto fotovoltaico
Locarnese
3 ore

Cascina distrutta dalle fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
13.04.2021 - 21:03
Aggiornamento: 22:48

L'agente condannato per post nazisti ora minaccia un vandalo

Paventa il pestaggio dell'ignoto che ha colpito la sua auto. Fu promosso a sergente maggiore nel 2018 sebbene su Facebook inneggiasse a Hitler e Mussolini

Scendi nel parcheggio, trovi la tua automobile vandalizzata. Chiaro che non la prendi bene. Da lì a minacciare di pestaggio sui social l'ignoto responsabile, però, dovrebbe passarcene. Soprattutto se sei un sergente maggiore della Polizia cantonale. A maggior ragione se qualche anno fa eri stato condannato per aver postato sui social contenuti di stampo nazifascista, eppure nel frattempo ti hanno perfino promosso. Sembra invece essersi dimenticato della divisa l’agente che stasera, dopo aver scoperto i segni di vigorose sprangate sulla carrozzeria dell’auto, ha pensato bene di affidarsi a Facebook per rivolgersi a “quel succedaneo d’uomo nonché figlio di padre ignoto”. L’“omuncolo” è avvertito: “La mia auto la troverai lì spesso e se ti fa star bene puoi continuare a danneggiarla ma ti avviso: è un po’ come la roulette russa, può andare sempre bene come può anche non essere così”, al punto che il teppista rischierebbe di trovare “la Kinder sorpresa”.

L’agente poi abbandona la metafora per farsi capire meglio: se gli capiterà di incontrarlo, dice al vandalo, “ti posso assicurare su tutto ciò che ho di caro a questo mondo che per il tempo necessario dimenticherò chi sono nella vita e sarà forse l’unica volta che non vedrai l’ora che arrivino in tuo aiuto i tanti odiati sbirri! Applicherò un'antica legge non comune alle nostre latitudini...”. Suona poco raccomandabile la conclusione del post: “Ora ti lascio caro ‘amico’, sperando di incontrarti presto”.

Va detto che l'autore del post, di età attorno alla sessantina, non sa chi sia lo scellerato che gli ha fatto a pezzi la carrozzeria, anche se una mezza idea se l'è fatta: potrebbe essere colui che “da quattro anni, più precisamente dalla mia vicenda di Facebook, mi insulta e minaccia regolarmente in Messenger (naturalmente celato dietro falso nome)”. Il riferimento è al servizio di messaggistica privata di Facebook. Lo scritto prosegue: “A questi voglio dire che è entrato nella mia vita e nella mia vita non c’è democrazia! Se hai una particolare nevrosi nei miei confronti o senti di avere risentimento o rabbia, o magari invidia, ti invito ad affrontarmi a viso aperto”. 

'La soluzione per questi maiali’

Viene naturalmente da chiedersi se una persona apparentemente così irascibile sia al suo posto nel ruolo di sergente maggiore, oppure se avessero ragione coloro che nel 2018 ne deploravano la promozione riconosciuta "a fronte delle sue capacità professionali" e "in ragione del fatto che ha scontato le sanzioni comminategli, sia amministrativamente sia penalmente". D'accordo, però si trattava comunque – questa la sostanza delle obiezioni all’epoca – di qualcuno che nel 2015 aveva postato su Facebook foto di Benito Mussolini e Adolf Hitler col commento “La soluzione! L’unica per questi maiali!”. E ancora – come rivelato a suo tempo dal portale d’informazione ‘Gas social’ – “gialli con gialli, neri con neri, musulmani con musulmani! D'altronde se Dio ha creato continenti e razze un motivo c'era!”. O ancora: “A mali estremi… estrema destra”. Condannato a suo tempo a 90 aliquote pecuniarie giornaliere, sospese condizionalmente per un periodo di due anni, l’agente era stato poi pienamente reintegrato nelle sue funzioni. A contestare in seguito la promozione, tra gli altri, anche la Federazione svizzera delle comunità israelite e la Commissione federale contro il razzismo.

Interpellata sulla vicenda di stasera, la Polizia cantonale ha risposto tramite il suo portavoce Renato Pizolli, che prendendo tempo in attesa di ulteriori accertamenti ci ha detto: «Abbiamo preso atto di quanto segnalato e da parte del Comando della Polizia cantonale sono state avviate le verifiche del caso. Al momento è prematuro esprimersi oltre. Si precisa comunque che già sin d'ora la direzione della Polizia cantonale deplora i toni e i contenuti del post in questione».

 

Leggi anche:

Verrà promosso il poliziotto che inneggiò al nazismo

Poliziotto agente di polemica

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
facebook hitler mussolini polizia cantonale sergente maggiore
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved