restrizioni-covid-c-e-chi-manifesta-e-chi-ricorre
Archivio Ti-Press
L’anno scorso in remoto, quest’anno forse in piazza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
3 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
3 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
3 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
3 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
4 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
4 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
5 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
6 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
6 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
6 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
6 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
6 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
6 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
7 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
14.04.2021 - 07:13
Aggiornamento : 11:32

Restrizioni Covid: c’è chi manifesta e chi ricorre

L’MpS invita a tornare in piazza per il Primo maggio. Altrove, la costituzionalità del limite di 15 persone è contestata da sinistra.

“Dopo la pausa forzata dello scorso anno, è ora di tornare a manifestare in occasione del Primo maggio”. È l’appello del Movimento per il socialismo a tornare in piazza lanciato negli scorsi giorni. Naturalmente tutte le misure di protezione e di distanziamento sociale verranno osservate, si precisa. In tempi di pandemia suona però strano chiamare a raccolta potenzialmente centinaia di persone quando i limiti legali attuali permettono assembramenti al massimo di 15 persone. «Come MpS confermiamo l’invito a tornare in piazza, ma rispettando tutte le misure di protezione: distanziamento e mascherine. Non intendiamo mettere in pericolo la salute di nessuno e né mettere sotto pressione il sistema sanitario», ci conferma Matteo Pronzini, deputato in Gran Consiglio. «È anche un modo per ribadire il sostegno a tutti coloro che in questo anno di pandemia sono stati in prima linea nel garantire la continuità della società. Ci riferiamo ai lavoratori del settore sanitario, a quelli del commercio, del trasporto e della scuola», continua Pronzini che precisa che «i diritti costituzionali non sono stati aboliti. Riunirsi collettivamente per ragioni politiche, rispettando le norme igieniche e per di più all’aperto, non dovrebbe essere più pericoloso del mercato del sabato a Bellinzona». «La piazza scelta è quella del Sole, sufficientemente ampia da permettere il distanziamento», commenta ancora Pronzini. Il Movimento per il Socialismo non si è ancora preoccupato di chiedere eventuali autorizzazioni alla Città di Bellinzona. Proprio oggi il Consiglio federale dovrebbe mettere in consultazione la proposta di ordinanza Covid. «Non è detto che le attuali restrizioni siano ancora in vigore», aggiunge il deputato dell’MpS. Per il momento non sono note altre manifestazioni per il Primo maggio organizzati dalle sigle del mondo del lavoro.

In altri cantoni contro le restrizioni anti-pandemiche imposte o prolungate dalle autorità sono stati inoltrati ricorsi. Come nel Canton Zurigo dove, riferiva nei giorni scorsi l’Ats, diversi partiti e movimenti di sinistra si sono opposti al divieto di manifestazioni per più di quindici persone: in un reclamo al Tribunale amministrativo affermano che l’articolo dell’ordinanza cantonale Covid-19 è anticostituzionale. L’estensione del divieto di manifestazioni senza modifiche sino a fine di aprile, il Consiglio di Stato zurighese non è disposto a porre fine a “questo stato di cose incostituzionale”, scrivono i ricorrenti. In una città come Zurigo, si legge ancora nel dispaccio dell’Agenzia telegrafica svizzera, la misura ha ripercussioni soprattutto sulle attività delle organizzazioni e dei movimenti politici.

Contestazioni al Tram: così in Ticino 

Pochissimi in Ticino - non si contano neppure sulle dita di una mano - i ricorsi inoltrati finora al Tribunale cantonale amministrativo contro le restrizioni anti-Covid contemplate dalle risoluzioni del Consiglio di Stato succedutesi nel tempo. Ricorsi che, come abbiamo potuto appurare, risalgono peraltro allo scorso anno. Nessun partito figura tra coloro che si sono rivolti al Tram. Non solo. I giudici non hanno deliberato nel merito di nessuno dei citati ricorsi, o perché divenuti nel frattempo privi di oggetto in seguito ad allentamenti decisi dal governo o perché ritirati. Un ricorso era stato inoltrato da una donna residente nel Sopraceneri: contestava il (controverso) divieto per gli over 65 di andare a fare la spesa. In questo caso una decisione del Tribunale amministrativo c’è stata, ma non era quella di merito: il Tram non aveva infatti accordato l’effetto sospensivo al ricorso, per cui il provvedimento governativo era rimasto in vigore. I giudici avevano ritenuto preponderante l’interesse della salute pubblica, considerato le persone anziane quelle maggiormente a rischio, valutato non arbitrario il limite posto a 65 anni e stabilito che non vi fossero delle evidenze di incompatibilità della disposizione ticinese con il diritto federale. Alla luce della mancata concessione dell’effetto sospensivo e in seguito all'allentamento della misura, la donna aveva ritirato il ricorso. L’associazione ticinese di fedeli ’Santa Messa cattolica in rito antico San Salvatore’ era invece insorta contro la risoluzione di quasi un anno fa con la quale il Consiglio di Stato aveva prolungato, fino a domenica 10 maggio, la sospensione delle funzioni nei luoghi di culto. Anche in questo caso il ricorso era divenuto privo di oggetto dopo gli allentamenti decisi dall’Esecutivo cantonale. Avevano fatto capo al Tribunale amministrativo anche otto locali erotici, quasi tutti del Sottoceneri. Era l’ottobre scorso. Chiedevano l’annullamento della chiusura dei postriboli disposta dal Consiglio di Stato. Lamentavano una disparità di trattamento, dato che gli appartamenti nei quali si pratica la prostituzione non venivano toccati dall’ordine di chiusura. La vertenza era però rientrata nel giro di pochi giorni: adeguandosi alle nuove decisioni del Consiglio federale, il governo cantonale autorizzava i locali erotici a riaprire, con tuttavia delle limitazioni orarie. Arrivava dal Sopraceneri, firmato da una signora, il ricorso al Tram contro l’obbligo per gli allievi delle medie di indossare la mascherina a scuola. Ma il ricorso, dal sapore negazionista, è stato ritirato in breve tempo.

Al Tram sono invece pendenti un paio di ricorsi inoltrati da cliniche private contro determinate misure di riorganizzazione ospedaliera attuate per far fronte alla pandemia. Ma questa è un’altra storia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
piazza ricorso tribunale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved