NJ Devils
ARI Coyotes
01:00
 
NY Rangers
TOR Leafs
01:30
 
turismo-e-stata-una-pasqua-quasi-normale
Ti-Press
A Lugano
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Per le cantonali si cerca in tutta l’area progressista

Il Partito socialista ha costituito la Commissione incaricata di trovare i candidati per la doppia tornata elettorale del 2023
Ticino
4 ore

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
5 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
5 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
5 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
5 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
6 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
6 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
7 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
05.04.2021 - 16:230
Aggiornamento : 18:20

Turismo, ‘è stata una Pasqua quasi normale’

Gli ospiti non sono mancati. Pianezzi (HotellerieSuisse): ‘La voglia di svago degli ospiti svizzeri è stata superiore ai limiti imposti dalla pandemia’

«Dal punto di vista turistico è stato un weekend normalissimo, come tutti i fine settimana pasquali degli anni pre-Covid». È soddisfatto Lorenzo Pianezzi, presidente della sezione ticinese di HotellerieSuisse dell’affluenza di ospiti soprattutto svizzeri mancando quasi del tutto, per ragioni legate alla pandemia di coronavirus, quelli esteri. «Dalla Svizzera tedesca, ma anche dalla Romandia, non è mancato chi ha scelto il Ticino come meta per trascorrere qualche giorno di svago lontano da casa», continua Pianezzi. Anche le belle giornate primaverili hanno aiutato il turismo interno, ma quest’anno non è stato il discrimine fondamentale. «L’unica differenza rispetto agli altri anni è che i nostri clienti hanno riservato le loro camere molto in anticipo. Se fino alla Pasqua del 2019, l’ultima paragonabile prima dello scoppio della pandemia, registravamo un piccolo zoccolo di prenotazioni e poi il grosso arrivava con le previsioni meteo favorevoli, quest'anno già a tre settimane dalla Pasqua gran parte degli alberghi erano occupati per oltre il 50% dell’offerta disponibile», osserva Pianezzi.

E questo pur sapendo che non si poteva fare molto altro, rispetto agli altri anni, essendo i bar, ristoranti e teatri chiusi. È mancata tutta l’offerta culturale collaterale che rende una destinazione turistica attrattiva o meno. «Diciamo che si è vista subito una forte volontà di uscire dai confini dei propri Cantoni di residenza e di svagarsi. L’offerta turistica ridotta non ha frenato l’ospite svizzero tedesco o romando. E questo indipendentemente dalle previsioni meteorologiche», continua il presidente della sezione ticinese di HotellerieSuisse.

Buona la collaborazione con i ristoranti che ’potevano aprire’ in deroga

I turisti si sono subito abituati alle disposizioni sanitarie in vigore e hanno fatto quello che si poteva fare legalmente: caffè, bibite e pranzo al sacco. «Sono stati in tanti a concedersi un caffè o un panino sul lungolago e nelle piazze. Insomma, si sono adattati a quello che si poteva fare», commenta Pianezzi che fa notare che c’è stata una buona collaborazione con la ristorazione locale. «Le disposizioni di legge permettono agli alberghi senza ristorazione di cooperare con un ristorante situato nei pressi e raggiungibile a piedi. E devo dire che alcuni hotel hanno usufruito di questa possibilità, come pure l’adesione dei ristoratori è stata buona. E questo in tutte le regioni turistiche del Cantone», aggiunge Pianezzi che precisa che «c’erano delle regole che tutti hanno saputo rispettare: il ristorante doveva essere a pochi passi dalla struttura ricettiva; quattro ospiti per tavolo; liste di contact tracing e norme igieniche (mascherine e disinfettante, ndr) ormai note a tutti». Come dire che la domanda, quando c’è, si adatta all’offerta. O meglio ancora, la capacità di adattamento degli esseri umani agli eventi esterni è superiore ai limiti e ai divieti della legge.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved