l-ho-uccisa-io-per-rabbia-uomini-fuori-controllo
Ogni due settimane in Svizzera una donna viene uccisa tra le pareti domestiche (foto keystone)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
5 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
6 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
8 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
8 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
8 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
9 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
9 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
Grigioni
9 ore

Grono, chiusura notturna della H13 Strada Italiana

Da lunedì 18 luglio a mercoledì 20 luglio dalle 22 alle 5 la tratta rimarrà chiusa alla circolazione per i lavori alla chiesa San Bernardino
Mendrisiotto
10 ore

Mendrisio al lavoro per ridurre l’edificabilità

Sui Piani regolatori il Municipio intende giocare d’anticipo. Con l’obiettivo di tutelare i comparti sensibili
Ticino
10 ore

Insieme a luglio arrivano i radar

La polizia comunica in quali località verranno effettuati settimana prossima i controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
Luganese
10 ore

Plan B Lugano, il governo: ‘Rischio ridotto di riciclaggio’

Rispondendo a un’interrogazione, il Consiglio di Stato smorza le preoccupazioni in virtù della natura locale delle transazioni in criptovalute
Mendrisiotto
10 ore

Occhi puntati su Simonetta Sommaruga. ‘Ne sono cosciente’

Dalle corsie A2 ad AlpTransit, la direttrice del Datec sa che le resistenze dei momò sono forti e le aspettative elevate
Ticino
10 ore

Galeazzi (Udc): ‘L’aliquota fiscale sarà adeguata dal 2023?’

Il deputato democentrista interroga il Consiglio di Stato: ‘Con la ‘progressione a freddo’ il contribuente si troverebbe a pagare meno imposte’
Bellinzonese
10 ore

Si cerca Giuseppe Brioschi, è scomparso martedì da Bellinzona

La polizia prega chiunque dovesse vederlo di chiamare il Comando allo 0848 25 55 55.
Luganese
10 ore

Camignolo, ecco i migliori allievi delle scuole medie

Premiati per la miglior media raggiunta alla fine dell’anno scolastico 2021-2022
Ticino
10 ore

Carceri, agenti di custodia cercansi: aperto il concorso

Il direttore Laffranchini parla a laRegione del numero di assunzioni che potrebbero esserci. Il 20 luglio serata informativa a Rivera
Ticino
11 ore

La campagna ‘Montagne sicure’ allarga il raggio d’azione

Quest’anno particolare attenzione a segnaletica dei sentieri, e-bike, cani da protezione delle greggi e vacche nutrici. Gobbi: ‘Collaborazione importante’
Bellinzonese
12 ore

Cerimonia di passaggio del comando delle Scuole sanitarie 42

Daniele Meyerhofer venerdì 1° luglio ha riconsegnato la bandiera, il comando della scuola e della piazza d’armi a Silvano Barilli
Bellinzonese
12 ore

Centro sci nordico, fallita la società incaricata della gestione

La Sagl responsabile di ristorante e albergo ha depositato i bilanci. A pesare sarebbero i costi di gestione. Questa sera l’assemblea della Sa.
Bellinzonese
12 ore

Festa della Madonna del Rosario con Milizia napoleonica

La manifestazione avrà luogo domenica 3 luglio ad Aquila: alle 8 presa della bandiera e saluto delle autorità, poi Santa Messa e processione
Grigioni
13 ore

Ferma alcuni giorni la teleferica Arvigo-Braggio

La linea rimarrà chiusa per importanti lavori da martedì 5 luglio alle 8 fino a venerdì 8 luglio alle 17
Grigioni
13 ore

Soazza, è tempo di open air ‘Rock di Fra’

La manifestazione è in calendario sabato 9 luglio a partire dalle 18, ora in cui entrerà in funzione anche una fornitissima griglia
Bellinzonese
14 ore

Osco, sagra di San Bernardo a Freggio

Domenica 10 luglio alle 10.30 è in programma la Santa Messa con banco dei dolci e aperitivo, seguirà poi il pranzo all’azienda agricola ‘La Parpaiora’
laR
 
03.04.2021 - 05:10

‘L’ho uccisa io per rabbia’, uomini fuori controllo

Dopo il caso della madre freddata a Carasso dall'ex marito, lo psicoterapeuta De Maglie del Centro di ascolto uomini maltrattanti spiega tanta violenza

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Ogni due settimane una donna viene uccisa in Svizzera dal compagno. Domenica scorsa è toccato ad una madre 44enne, freddata dall’ex marito sulla ciclopedonale di Carasso (Bellinzona). Entrambi di origini siriane, da tempo vivevano in Ticino. Lui non accettava la separazione, più volte aveva tentato e insistito, voleva tornare a casa, ma ogni volta si confrontava col fermo rifiuto di lei. C’è stato un tentativo di mediazione con un vescovo siriano, parente di uno dei due, ma nulla era cambiato. L’ennesimo rifiuto ha scatenato la violenza dell’uomo - un autista di bus, descritto come una persona gentile e tranquilla - che ha iniziato a perseguitare pesantemente l’ex moglie, la seguiva, la minacciava anche sotto casa - racconta un'amica - facendola sentire in pericolo e dicendole che avrebbe fatto del male ai figli se lei lo avesse denunciato. Le ripeteva “o sarai mia o di nessun altro”. Domenica l’ha uccisa sotto gli occhi increduli dell’amica con cui la vittima - madre di due figli ormai orfani - stava facendo jogging in una giornata di sole.  In seguito l’uomo ha rivolto la pistola verso di sé e si è tolto la vita. Poco meno di un anno fa riferivamo di un altro episodio altrettanto drammatico: un uomo sparò all'ex moglie e al nuovo compagno in un bar di piazza grande a Giubiasco, poi si uccise. 

La violenza coniugale uccide più della strada. In Ticino la polizia interviene in media ben tre volte al giorno ed è purtroppo solo la punta dell’iceberg. È un dovere informare e proteggere donne e bambini che hanno il diritto di vivere liberamente, di denunciare chi le minaccia e sentirsi al sicuro. Ma ciò non basta. Occorre occuparsi (e non solo con pene detentive) anche di chi ha maltrattato la compagna e non vuole più usare violenza per ferire, punire, controllare la propria partner o l’ex. C’è chi riesce a cambiare e fa un piacere a tutti, seminando meno dolore. In Ticino siamo agli inizi con questo nuovo approccio; in Italia dal 2009 c’è il Centro di ascolto uomini maltrattanti (Cam), un servizio rivolto a chi vuole cambiare e assumersi la responsabilità di abbandonare la violenza. In pochi anni, le sedi sono diventate quattro. “Raramente si ferma da solo questo comportamento violento e di controllo degli uomini. Spesso sono anche molto sinceri quando promettono di non farlo più. Purtroppo, però, la maggior parte non riesce a mantenere tali promesse senza supporto e assistenza adeguati”, spiega Mario De Maglie, psicoterapeuta e vice presidente del Cam di Firenze. 

Che cosa gira nella testa di un uomo violento? Come si arriva a uccidere la madre dei propri figli?   

Chi arriva ad uccidere è per fortuna una piccola minoranza rispetto alle numerose quotidiane forme di maltrattamento fisico, sessuale, psicologico ed economico nella coppia. L'uomo violento di regola fatica a gestire la rabbia, può sentirsi provocato, può aver accumulato vissuti traumatici, può essere cresciuto in un contesto violento, può essere vittima di stereotipi rispetto al ruolo della donna, può avere delle fragilità e compensare l’inadeguatezza con atteggiamenti da ‘macho’, esercitando potere e controllo sulla compagna pur dipendendo emotivamente dalla relazione. Le situazioni sono diverse. Stiamo parlando della metà della popolazione maschile. 

Sono gesti premeditati o esplosioni d’ira non gestibili? 

La violenza non è una malattia. Gli uomini scelgono di essere violenti e allo stesso modo possono scegliere di fermarsi. Li aiutiamo a responsabilizzarsi, a prendere coscienza delle conseguenze dei loro comportamenti e diamo loro gli strumenti per provare a cambiare. Gran parte degli uomini a causa di stereotipi sociali non sa, a differenza delle donne, come esprimere le emozioni, conoscono invece la rabbia, la considerano da ‘macho’. Chi è violento ci racconta che non riusciva a comunicare con la compagna o non si sentiva considerato nella coppia. Invece di parlarne, si reagisce con aggressività. 

Come disinnescare tanta violenza? 

Nei nostri centri aiutiamo uomini che hanno già compiuto l’atto, arrivano volontariamente o inviati da un’autorità giudiziaria. Diamo loro uno spazio di ascolto, li aiutiamo a capire la sofferenza che causano e insegniamo loro delle tecniche per gestire la rabbia, per sottrarsi all’impulso di reagire in modo aggressivo e fermarsi in tempo. Il rischio di ricaduta esiste. Se l’uomo è in periodo delicato e fatica a gestire la rabbia, si coinvolge anche la compagna.

Il vostro approccio porta frutti? Non si ricasca nella violenza? 

La violenza fisica cessa abbastanza velocemente, è più lungo il percorso per modificare quella psicologica, la manipolazione del partner. Determinante è la motivazione, chi vuole cambiare, ha buone chance di farcela. Vediamo invece casi, spesso quelli inviati dai penitenziari, dove l’uomo fatica a riconoscere di avere un comportamento violento ed è più difficile fare un percorso, che porti a risultati.

Il bracciale (o cavigliera) per la sorveglianza elettronica a distanza dell’autore di violenza domestica è una buona soluzione? 

Va valutata la pericolosità della persona, tenendo sempre presente che l’obiettivo è la sicurezza della vittima. In alcuni casi è valutabile.

La violenza è violenza ovunque o sta aumentando anche per le forti migrazioni da paesi dove culturalmente la donna ha un ruolo più sottomesso? 

Aiutiamo anche uomini stranieri, ci sono elementi culturali che in determinate situazioni vanno sicuramente considerati. In alcuni paesi è legittimo picchiare la compagna e non permetterle di lavorare. Sono influenze culturali importanti che continuano ad agire anche in un Paese straniero. Solo in Italia, leggi come quelle sul delitto d'onore, la violenza sessuale in quanto reato contro l'onore, sono state abolite relativamente troppo di recente perché la mentalità che hanno plasmato si possa dare per sparita.

Anche nelle coppie giovani c’è violenza? 

Aiutiamo uomini dai 18 ai 75 anni, purtroppo la violenza nella coppia riguarda tutte le età. Facciamo prevenzione nelle scuole, mettiamo in guardia dalla manipolazione psicologica ed emotiva che può degenerare in violenza. Se un ragazzo pretende da una ragazza di sapere sempre dove va, cosa fa e con chi, se le controlla ossessivamente il cellulare, la minaccia anche senza violenza fisica, è bene sapere che non è amore. Le ragazze dovrebbero imparare molto presto che hanno il diritto di dire di no. 

Che cosa consigliate ad una donna minacciata dall’ex … anche se teme per se stessa e i suoi figli? 

Consigliamo sempre di chiedere aiuto alle autorità e servizi competenti.  


Mario De Maglie, psicoterapeuta e vice presidente del Centro di ascolto uomini maltrattanti

Nuove misure in Ticino 

Terapia e bracciale per i violenti 

Da luglio scorso, il procuratore pubblico può ordinare – sospendendo il procedimento per 6 mesi – la partecipazione dell’imputato (in caso di lesioni semplici, minacce) a un programma di prevenzione alla violenza.  La sfida è trasformare questa costrizione in opportunità per riconoscere e possibilmente modificare comportamenti violenti. Sei mesi non sono certo tanti per cambiare atteggiamenti radicati magari da decenni. Se ne occupa l’Ufficio dell’assistenza riabilitativa, che dal 2011 assicura sostegno e consulenza in materia di violenza domestica e dal 2014 gestisce camere d’emergenza per chi, dopo aver agito con violenza, viene allontanato dal proprio domicilio dalla polizia. Concretamente vengono proposti quattro programmi, di cui uno con un approccio cognitivo comportamentale. Si tratta di incontri di gruppo, a frequenza quindicinale, spalmati su sei mesi, dove si discute di violenza domestica da vari punti di vista, dalle sue cause alle sue conseguenze, affrontando dinamiche, aspetti sociali e culturali, aiutando le persone a gestire le emozioni, la rabbia. Alla fine del percorso è prevista una valutazione per il Ministero pubblico. Altra novità: sul piano federale si profila una misura per accrescere la difesa delle vittime: l'applicazione del bracciale (o cavigliera) per la sorveglianza elettronica a distanza dell’autore di violenza domestica. Scatterà dal 1° gennaio 2022. Infine, il Ticino da poco meno di un anno ha una coordinatrice istituzionale per la violenza domestica (Chiara Orelli Vassere) al Dipartimento delle istituzioni e sta lavorando a un piano di azione cantonale che sarà presentato in autunno al Governo. 

Leggi anche:

Dramma di Carasso: due colpi al cuore dopo l’ennesimo rifiuto

Delitto di Giubiasco: prima ha ucciso lui e poi lei

Violenza domestica da brivido, giovani coi nervi molto tesi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
uomini violenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved